Restaurazione di u Cristianesimu Apostolicu di u I Seculu
Risposte à l'Oggizioni di l'Agenzia
Risposte à l'Oggizioni di l'Agenzia

Risposte à l'Oggizioni di l'Agenzia

È Jeramiah 1, Ùn hè micca un secondu essaru divinu?

Alcuni apologisti volenu leghje un secondu essaru divinu in Ghjeremia 1. Tuttavia, quandu a parolla di u Signore vene à qualchissia chì hè solu Diu chì li manda u so messagiu o Diu si svela per elli. Hè l'azzione di Diu - u Signore (YHWH) chì li dà stu missaghju. L'idioma di a parolla di u SIGNORE chì vene à qualcunu hè facilmente capitu senza a necessità chì ci sia alcun essere divinu in più. In varii a parolla di u SIGNORE hè mandata à a ghjente.

In certi casi u Signore produce una manifestazione fisica chì interagisce cù e persone. Hè u casu in u versu 9 u Signore stende a manu è tocca a bocca di Ghjeremia. Ùn hè ancu micca necessariu chì per Diu manifestassi in qualchì sensu fisicu, deve esse attraversu un secondu esse divinu. Certi piacenu presumintà chì a "Parolla di u Signore" hè un essere divinu è chì u listessu esse hè quellu chì esibisce una manifestazione fisica in u versu 9. Tuttavia u versu 9 dice solu chì u Signore hà stesu a manu è hà toccu a mo bocca (micca a Parolla o a Parolla di u SIGNORE). Un modu simplice per piglià u passaghju hè chì u messagiu di Diu vene à Jeramiah è allora Diu si manifesta in modu visibile è fisicu à Jeramiah affinchì Diu li tocchi. Hè chjaru di leghje stu testu chì implica una sola persona divina, YHWH stessu è chì a parolla di u Signore ùn hè micca una persona in più. Di conseguenza u passaghju ùn pone nisuna difficultà da un puntu di vista unitariu. 

Ghjeremia 1: 1-14 (ESV), U Signore hà stesu a manu è hà toccu a mo bocca

Enseñanza1 E parolle di Ghjeremia, u figliolu di Hilkiah, unu di i preti chì eranu in Anathoth in u paese di Benjamin, 2 à quale a parolla di u Signore hè ghjunta in i tempi di Ghjasias, figliolu d'Amon, rè di Ghjuda, in u tredecesimu annu di u so regnu. 3 Ghjunse ancu in i tempi di Ghjehiakim, figliolu di Ghjasia, rè di Ghjuda, è finu à a fine di l'undicesimu annu di Sedechia, figliolu di Ghjasia, rè di Ghjuda, finu à a cattività di Ghjerusalemme in u quintu mese.

4 Avà a parolla di u Signore mi hè ghjunta, dicendu:, 5 "Nanzu di furmà ti in l'utru ti cunniscia, è prima di nasce ti cunsacru; Ti aghju numinatu prufeta per e nazioni ". 6 Allora aghju dettu: «Ah, Signore DIEU! Eccu, ùn sò micca capaci di parlà, perchè ùn sò chè una ghjuventù ". 7 Ma u Signore m'hà dettu, "Ùn dì micca:" Sò solu una ghjuventù "; perchè andarete à tutti quelli chì ti mandu, è tuttu ciò chì ti cumandu, parlerete. 8 Ùn àbbia paura d'elli, perchè sò cun voi per liberallu, dice u Signore ". 9 Allora u Signore stese a manu è mi toccò a bocca. È u Signore m'hà dettu: Eccu, aghju messu e mo parolle in bocca. 10 Vedi, ti aghju stabilitu oghje nantu à e nazioni è nantu à i regni, per strappà è rumpere, per distrugge è rovescia, per custruisce è per piantà ".

11 È a parolla di u Signore mi hè ghjunta, dicendu: "Ghjeremia, chì vedi?" È aghju dettu: "Vecu un ramu d'amandula". 12 Allora u Signore m'hà dettu: "Avete vistu bè, perchè veghju nantu à a mo parolla per cumpielu". 13 A parolla di u Signore mi hè venuta una seconda volta, dicendu: "Chì vedi?" È aghju dettu: "Vecu una pignatta bullente, di punta à u nordu". 14 Allora u Signore m'hà dettu: "Da u nordu di u disastru serà liberatu nantu à tutti l'abitanti di u paese.

È 1 Samuellu 3:21, "u Signore si hè rivelatu da a parolla di u Signore"? 

1 Samuellu 3:21 hè un altru passaghju chì hè allivatu per rivindicà chì a parolla di u Signore hè un essere divinu. Duvemu prima nutà in u versu 1 chì a parolla di u Signore essendu rara hè assuciata à chì ùn ci hè micca una visione frequente è chì a parolla di u Signore ùn hè micca una persona, ma qualchì misura di a rivelazione di Diu chì pò esse manifestata da parolle o visione. In questa storia ci hè chjaramente solu un caratteru divinu.

I trinitariani li piace à leghje duie persone in u versu 21 chì dice, u Signore si hè rivelatu à Samuel per a parolla di u Signore. Tuttavia, questu si riferisce à l'operazione di Diu da chì un prufeta riceve una rivelazione divina è una visione. L'attività di esse prufeta è di riceve a rivelazione da Diu sò spessu descritte in forma idiomatica cum'è a "parola" di Diu chì li vene. 1 Curinzi 12: 4-11 afferma sta capiscitura chì a parolla chì vene à quelli ministri di Diu è ch'elli ponu riceve a "parolla di saviezza" o a "parolla di a cunniscenza" chì sò ministri di u Diu unicu. Queste diversità di ministri sò attraversu u listessu Spiritu (l'unicu Diu è Babbu). 

1 Samuele 3: 1-11 (ESV), lu a parolla di u Signore era rara in quelli tempi; ùn ci era micca una visione frequente

1 Avà u zitellu Samuel servia à u Signore in presenza di Eli. È l a parolla di u Signore era rara in quelli tempi; ùn ci era micca una visione frequente. 2 À quellu tempu Eli, chì a vista avia cuminciatu à diventà scura per ùn pudè vede, era stesu in u so locu. 3 A lampa di Diu ùn era ancu spenta, è Samuel era chjinatu in u tempiu di u Signore, induve era l'arca di Diu. 4 Allora u Signore chjamò Samuel, è disse: "Eccu! " 5 è corse à Eli è li disse: "Eccu, perchè mi hai chjamatu". Ma hà dettu: «Ùn aghju micca chjamatu; chjinassi torna ". Allora andò è si chjinò. 6 È u Signore chjamò torna, "Samuel!" è Samuel s'arrizzò, andò ind'è Eli è li disse: "Eccu, sò perchè m'hai chjamatu". Ma hà dettu: «Ùn aghju micca chjamatu, figliolu; chjinassi torna ". 7 Avà Samuel ùn cunniscia ancu u Signore, è a parolla di u Signore ùn li era ancu stata palisata. 8 È u Signore chjamò Samuel dinò per a terza volta. È s'arrizzò, andò ind'è Eli è li disse: "Eccu, sò perchè m'hai chjamatu". Allora Eli capì chì u Signore chjamava u zitellu. 9 Dunque Eli disse à Samuel: "Vai, chjinati, è s'ellu ti chjama, dite: Parla, Signore, chì u to servitore sente." 10 È u Signore hè ghjuntu è si hè stallatu, chjamendu cum'è l'altri tempi, "Samuel! Samuel! " È Samuel disse: "Parla, chì u to servitore sente". 11 Allora u Signore disse à Samuel, "Eccu, aghju da fà una cosa in Israele induve e duie arechje di tutti quelli chì a senteranu pizzichjaranu.

1 Samuele 3: 19-21 (ESV), U Signore s'hè rivelatu à Samuel in Silo da a parolla di u Signore

19 È Samuel cresce, U Signore era cun ellu è ùn lasciò cascà nunda in terra. 20 È tuttu Israele da Dan à Beersheba a sapianu Samuel hè statu stabilitu cum'è prufeta di u Signore. 21 È u Signore apparse dinò in Silo, perchè u Signore si hè rivelatu à Samuel in Silo per mezu di a parolla di u Signore.

1 Curinzî 12: 4-11 (ASV), U parolla di saviezza; è à un altru a parolla di a cunniscenza, secondu u listessu Spiritu

4 Avà ci sò diversità di rigali, ma u listessu Spiritu. 5 È ci sò diversità di ministri, è u listessu Signore. 6 È ci sò diversità di travagliu, ma u listessu Diu, chì travaglia tutte e cose in tutti. 7 Ma à ognunu hè data a manifestazione di u Spìritu per prufittà. 8 Perchè à unu hè datu per mezu di u Spìritu u parolla di saviezza; è à un altru a parolla di a cunniscenza, secondu u listessu Spiritu: 9 à un'altra fede, in u listessu Spiritu; è à un altru rigali di guarigioni, in u Spiritu unicu; 10 è à un altru travagliu di miraculi; è à un altru prufezia; è à un altru discernimenti di spiriti: à un altru diversu tipu di lingue; è à un altru l'interpretazione di lingue: 11 ma tuttu què funziona l'unu è listessu Spiritu, dividendu à ognunu separatamente ancu cum'ellu vole.

Chì ne dici di Genesi 48: 15-16, "G0d - l'ànghjulu chì m'hà liberatu di ogni male"?

Certi piacenu dinò affirmà chì Genesi 48: 15-16 face una distinzione da Diu è l'ànghjulu essendu duie persone ma tramindui Diu. U passaghju s'indirizza à Diu sia in l'identità di l'ontulugia sia in u modu ch'ellu s'era manifestatu cum'è un anghjulu. Diu hè chjamatu messageru in questu cuntestu perchè u Malach (messageru) di Diu pò ancu esse solu una manifestazione di Diu (micca un esse separatu). Una tale manifestazione hè visibile o cosa rilevabile cum'è una apparente manifestazione umana o altra cum'è una machja ardente o un pilastru di focu. Diu chì hè nurmalmente invisibile pò rivelassi in una manera visibile chì pò esse interagita cun. Un unitariu biblicu capisce chì certe volte un ànghjulu di Diu hè una teofania di Diu piuttostu chè una persona separata, postu chì in questu cuntestu l'angelu ùn si distingue micca da u Diu di Ghjacobbu.

Ghjenesi 48: 15-16 (ESV), U Diu ... u Diu ... l'ànghjulu chì m'hà liberatu di tuttu u male

15 E benedisse à Ghjiseppu è disse:U Diu davanti à u quale i me babbi Abràhamu è Isaccu caminavanu, u Diu chì hè statu u mo pastore tutta a mo vita finu à oghje, 16 l'ànghjulu chì m'hà liberatu di tuttu u male, benedica i picciotti; è in elli sia purtatu u mo nome, è u nome di i mo babbi Abràhamu è Isaccu; è lasciarli cresce in una multitudine in mezu à a terra ".

Ghjenesi 16: 7-11 (ESV), È l'ànghjulu di u Signore li disse ... u Signore hà ascoltatu a to afflizione

 7 L'ànghjulu di u Signore a truvò da una surgente d'acqua in u desertu, a surgente in strada per Shur. 8 Ellu disse: "Agar, serva di Sarai, da induve sì venutu è duve vai?" Ella disse: "Fughju da a mo amante Sarai". 9 L'ànghjulu di u Signore li disse, "Ritorna à a vostra amante è sottumette à ella." 10 L'ànghjulu di u Signore li disse ancu: Aghjunghjeraghju di sicuru a to discindenza, affinch'elli ùn sianu cuntabili per a multitùdine. " 11 È l'ànghjulu di u Signore li disse: Eccu, site incinta è duverete un figliolu. Chjamerai u so nome Ismaele, perchè u Signore hà ascoltatu a to afflizione.

Ciò di Genesi 16: 7-13?

In Genesi 16: 7-13, l'ànghjulu di u SIGNORE parla à Agar cum'è rappresentante di u SIGNORE (YHWH). Ci sò parechji indizii chì l'ànghjulu di u SIGNORE parla per u SIGNORE (YHWH). Ùn duvemu micca inferisce chì solu perchè l'angolo parla cum'è u SIGNORE è hè parlatu cum'è u SIGNORE chì l'angelu hè u SIGNORE.

Genesi 16: 7-13 (ESV), Sì u Diu di vede

 7 L'ànghjulu di u Signore a truvò vicinu à una surgente d'acqua in u desertu, a surgente in via di Shur. 8 Ellu disse: "Agar, serva di Sarai, da induve sì venutu è duve vai?" Ella disse: "Fughju da a mo amante Sarai". 9 L'ànghjulu di u Signore li disse, "Ritorna à a vostra amante è sottumette à ella." 10 L'ànghjulu di u Signore li disse ancu: "Aghjunghjaraghju di sicuru a to discindenza per ch'elli ùn sianu cuntabili per a multitùdine". 11 è l'ànghjulu di u Signore li disse, «Eccu, site incinta è duverete un figliolu. Chjamerai u so nome Ismaele, perchè u Signore hà ascoltatu a to afflizione. 12 Sarà un sceccu salvaticu di l'omu, a manu contru à tutti è a manu di tutti contru ad ellu, è abiterà contr'à tutti i so parenti ". 13 Allora chjamò u nome di u Signore chì li parlava: "Sì un Diu di vede", perchè hà dettu: "Veramente quì l'aghju vistu quellu chì mi cura. "

"Aghju davveru multiplicatu i vostri discendenti in modu chì ùn ponu micca esse numerati per a multitùdine" 

Quì l'ànghjulu di u SIGNORE parla in nome di u SIGNORE (YHWH). Una tale prumessa vene da u SIGNORE ma u messageru di u SIGNORE pò parlà in prima persona cum'è se u SIGNORE (YHWH) ellu stessu. 

"Perchè u Signore hà ascoltatu a vostra afflizione"

Quì l'ànghjulu di u SIGNORE si riferisce à u SIGNORE. Ùn dice micca perchè "Eiu" aghju ascoltatu a vostra afflizione ma si riferisce à u "SIGNORE" se l'ànghjulu di u SIGNORE hè ellu stessu u SIGNORE avrebbe solu bisognu di fà riferenza à sè stessu. 

Ella chjamò u nome di u Signore chì li parlava: "Sì un Diu di vede" 

U Signore li parlò per mezu di l'ànghjulu di u Signore. Sicondu a lege di l'agenzia, u Signore parla per mezu di i so raprisentanti è di quelli chì sò parlati per cunsiderà un tale scontru cù un messageru di Diu hè esse un scontru cù Diu stessu. Diu hà guardatu per ella è l'ha servita per mezu di un anghjulu. Agar dà l'attribuzione à u SIGNORE (micca à l'ànghjulu) quandu dice "Cusì hà chjamatu u Signore chì l'hà parlatu:" Sì u Diu di vede ". Ùn hè micca ciò ch'ella chjamava l'angelu chì li parlava. Hè ciò chì hà chjamatu u Signore chì li parlava per mezu di l'angelu. 

Ciò di Esodu 23: 20-23?

Certi cercanu di sustene chì perchè "u mo nome hè in ellu" in riferimentu à l'angelu di Diu chì significa chì questu anghjulu hà l'essenza o a natura di Diu. Tuttavia, "nome" si riferisce più adeguatamente à l'autorità. Hè cusì, l'ànghjulu hà l'autorità di Diu è pò esibisce i puteri associati à Diu mentre ùn hè micca necessariu avè l'ontulugia, l'essenza o a natura di Diu. Eppuru l'agente di Diu porta l'autorità di Diu è hè capace di agisce, parlà è agisce per nome di Diu. Cusì Esodu 23: 20-23 u versu ùn hà nunda incongruente cù u cuncettu di agenzia. Parechje riferenze parlanu di l'agenti chì facenu cose in nome di u SIGNORE cumpresi preti leviti (Deut 18: 5-8, Deut 22: 5), prufeti (Deut 18:22) è ancu David (1 Sam 17: 44-45, 2 Sam 6:18, Ps 118: 10-13). Quellu chì hà fattu u paradisu è a terra, è u nostru aiutu hè in nome di u Signore (Sal 124: 8) Quandu si dice: 'Beatu quellu chì vene in nome di u Signore!' (Salmi 118: 26-27), un tali agente, ancu se ellu stessu ùn hè micca u Signore Diu, hè benedettu cù l'autorità è u favore di Diu. Questu hè veru per i servitori di Diu è sopratuttu per Cristu.

Esodu 23: 20-23 (ESV), U mo nome hè in ellu

20 "Eccu, Mandu un anghjulu davanti à voi per guardalli nantu à a strada è per purtassi in u locu chì aghju preparatu. 21 Attenti à ellu è ubbidite à a so voce; ùn vi ribellate micca contr'à ellu, perchè ùn pardunerà a vostra trasgressione, perchè u mo nome hè in ellu. 22 «Ma sì avete ubbiditu attentamente à a so voce è fate tuttu ciò chì dicu, allora seraghju un nemicu per i vostri nemichi è un avversariu per i vostri avversarii. 23 "Quandu u mo ànghjulu ti va davanti è ti purtarà versu l'Amoriti è i Hittiti è i Perizziti è i Cananiani, i Eviiti è i Ghjebusei, è li spazzeraghju. 

Deuteronomiu 18: 5-8 (ESV), Ministri in nome di u SIGNORE (YHWH)

5 Perchè u Signore, u to Diu, l'hà sceltu da tutte e to tribù per stà è serve in nome di u Signore, ellu è i so figlioli di tutti i tempi. 6 «È sì a Levita vene da una di e vostre cità di tuttu Israele, duv'ellu stà - è pò vene quandu ellu vole - à u locu chì u Signore hà da sceglie, 7 è ministri in nome di u Signore, u so Diu, cum'è tutti i so cumpagni Leviti chì stanu à ministru quì davanti à u Signore, 8 allora pò avè porzioni uguali da manghjà, in più di ciò ch'ellu riceve da a vendita di u so patrimoniu.

Deuteronomiu 18:22 (ESV), Un prufeta parla in nome di u Signore (YHWH)

 22 quannu un prufeta parla in nome di u SIGNORE, sì a parolla ùn vene micca à accade o à esse realità, hè una parolla chì u Signore ùn hà micca dettu; u prufeta l'hà parlatu presuntuosamente. Ùn avete bisognu à avè paura di ellu.

Deuteronomiu 21: 5 (ESV), u vostru Diu li hà scelti per ministru è per benedisce in nome di u SIGNORE (YHWH)

5 Allora i preti, i figlioli di Levi, si presenteranu, perchè u Signore, u to Diu, l'hà scelti per serve li è per benedì in nome di u Signore, è da a so parolla ogni disputa è ogni assaltu seranu risolti.

1 Samuel 17: 44-45 (ESV), vene à voi in nome di u Signore (YHWH) di l'armate

44 U Filisteu disse à Davide: "Venite à mè, è daraghju a to carne à l'acelli di u celu è à l'animali di u campu". 45 Allora David disse à u Filisteu: «Veni da mè cù una spada, una lancia è un giavellone, ma vengu versu tè in nome di u SIGNORE di l'armate, u Diu di l'armate d'Israele, chì avete sfidatu.

2 Samuel 6:18 (ESV), benedisse a ghjente in nome di u Signore (YHWH)

18 È quandu David avia finitu d'offrì l'olocausti è l'offerte di paci, benedisse a ghjente in nome di u Signore di l'armate

Salmi 118: 10-13 (ESV), In nome di u Signore (YHWH) li aghju tagliatu

10 Tutte e nazioni mi circondavanu; in nome di u Signore li aghju tagliatu! 11 Mi circondavanu, mi circondavanu da ogni parte; in nome di u Signore li aghju tagliatu! 12 Mi circondavanu cum'è l'ape; sò surtiti cum'è un focu trà e spine; in nome di u Signore li aghju tagliatu! 13 Sò statu spintu duru, cusì chì cascava,
ma u Signore m'hà aiutatu.

Salmi 124: 8 (ESV), U nostru aiutu hè in nome di u Signore (YHWH)

8 U nostru aiutu hè in nome di u SIGNORE, chì hà fattu u celu è a terra.

Salmi 118: 26-27 (ESV), Beatu quellu chì vene in nome di u SIGNORE (YHWH)!

26 Beatu quellu chì vene in nome di u Signore! Vi benedimu da a casa di u SIGNORE. 27 U Signore hè Diu, è hà fattu lampà a so luce nantu à noi. 

Luke 19:38 (ESV), Beatu u Rè chì vene in nome di u Signore

38 dicendu: "Beatu u Rè chì vene in nome di u Signore! Pace in celu è gloria in u più altu! "

Ghjuvanni 12: 12-15 (ESV), Beatu quellu chì vene in nome di u Signore, ancu u Rè d'Israele

12 U lindumane, a grande ghjente chì era ghjunta à a festa hà intesu dì chì Ghjesù venia à Ghjerusalemme. 13 Allora piglionu rami di palme è sò andati à scuntrallu, briunendu:Hosanna! Beatu quellu chì vene in nome di u Signore, ancu u Rè d'Israele! " 14 È Ghjesù truvò un ghjovanu sumere è si messe à pusà nantu à ellu, cum'è hè scrittu: 15 "Ùn àbbia paura, figliola di Sion; eccu, u to rè vene, pusatu nantu à un sumere di sumere! "

È Zachària 3: 1-4? Agenti di Diu in presenza di Diu

Zaccaria 3: 1-4, hè un altru casu di l'ànghjulu di u Signore chì hè cunsideratu cum'è parlendu per u Signore. Questu hè indicatu da u versu 2, "È u Signore hà dettu à Satanassu:" U Signore ti rimpruverà ". Notate chì dice "u Signore ti rimpruverà" piuttostu ch'è "ti rimproveraghju" (parlendu in prima persona).

Tuttavia, alcuni dicenu chì questu appartene à una scena celeste è cusì u termine anghjulu di u Signore apparteneria à u Signore stessu. Questu hè solu un argumentu falace. Una visione di una scena pò esse simbolica è ùn hè micca necessaria per esse testimone di una vera scena in un locu reale. Ancu s'ellu si tratta di una vera scena in u celu ùn ci hè nisuna ragione per presumere chì Diu ùn delegherà l'autorità è aduprà l'agenti per parlà è agisce per ellu. Ci sò numerosi esempi di agenzia in presenza di u SIGNORE (YHWH).

In 1 Kings 22: 19-23 un spiritu vene davanti à u Signore è si face vuluntariu per invità à Acab à a so cascata essendu un spiritu bugiardu in bocca di i so prufeti. Eppuru si dice in u versu 23: "U Signore hà messu un spiritu bugiardu in bocca à tutti questi i to prufeti". L'attu hè attribuitu à u SIGNORE (YHWH) ancu s'ellu hè statu fattu da un agente di Diu. U listessu contu hè registratu in 2 Cronachi 18: 18-21. 

U Salmu 103: 21, hè in un indiziu impurtante chì dice "Benedite u Signore, voi tutti i so ospiti, voi chì u servite, fendu a so vulintà". Diu hà servitori in a so vicinanza. 

Ebrei 12: 22-24, descrive a scena in a cità di u Diu vivente, a Ghjerusalemme celeste in cui Diu è Ghjesù sò elencati separatamente è distinti induve Ghjesù hè chjamatu "u mediatore di una nova allianza". In verità, Cristu hè intrutu in u celu stessu, avà per cumparisce in presenza di Diu per noi (Heb 9:24). Ci hè un mediatore trà Diu è l'omi, l'omu Cristu Ghjesù chì si hè datu per riscattu per tutti (1 Tim 2: 5-6).

Punti chjave in 1 Curinzî 15: 27-28 affirmanu sta cunniscenza di u cuncettu di agenzia per mezu di Cristu:

  1. À a fine darà u regnu à Diu u Babbu.
  2. Diu hà messu tutte e cose sottumesse sottu à i so pedi.
  3. Diu, chì hà messu tutte e cose sottumette à Cristu, hè l'unica eccezione per esse sottumessu à Ghjesù.
  4.  Quandu tutte e cose sò sottumesse à Ghjesù, u Figliolu stessu serà ancu sottumessu à quellu chì hà messu tutte e cose sottu à ellu.

Zaccaria 3: 1-4 (ESV), u suvranu sacrificadore chì stava davanti à l'ànghjulu di u Signore

Enseñanza1 Dopu m'hà fattu vede Joshua u suvranu sacrificadore stendu davanti à l'ànghjulu di u Signore, è Satanassu à a diritta per accusallu. 2 È u Signore disse à Satanassu, "U Signore ti rimpruverà, o Satanassu! U Signore chì hà sceltu Ghjerusalemme ti rimpruverà! Ùn hè micca una marca cacciata da u focu? " 3 Avà Giosuè stava davanti à l'ànghjulu, vistutu di panni sporchi. 4 È l'ànghjulu disse à quelli chì stavanu davanti ad ellu: "Cacciate li i vistimenti brutti". È li disse: Eccu, Aghju pigliatu a to iniquità da voi, è ti vestu di vestiti puri. "

1 Kings 22: 19-23 (ESV), U Signore hà messu un spiritu bugiardu in bocca à tutti questi i to prufeti

19 E Micaia disse: "Dunque ascolta a parolla di u Signore: Aghju vistu u Signore, pusatu nantu à u so tronu, è tutta l'armata di u celu chì stava accantu ad ellu à a so manu diritta è à a so manca; 20 È u Signore disse: Quale serà quellu chì invitarà Acab per cullà è falà in Ramot in Galaad? È unu hà dettu una cosa, è un altru hà dettu un'altra. 21 Allora un spiritu si avvicinò è si messe davanti à u Signore, dicendu: "L'aghju aduttatu". 22 È u Signore li disse: Cù chì mezzu? Ellu rispose: Andaraghju è saraghju un spiritu bugiardu in bocca à tutti i so prufeti. Ellu disse: L'avete da seduce, è averete successu; surtite è fate cusì. ' 23 Avà dunque eccu, u Signore hà messu un spiritu bugieru in bocca à tutti questi i to prufeti; u Signore hà dichjaratu un disastru per voi. "

Salmi 103: 20-21 (ESV) Benedisci u Signore, tutte e so armate, i so ministri, chì facenu a so vuluntà

20 Benedisci u Signore, o voi, i so angeli, putenti chì fate a so parolla, ubbidendu à a voce di a so parolla21 Benedisci u Signore, tutte e so armate, i so ministri, chì facenu a so vuluntà!

Ebrei 12: 22-24 (ESV), È à Diu ... è à Ghjesù, u mediatore di una nova allianza

22 Ma site ghjunti à u monte Sion è à a cità di u Diu vivente, a Ghjerusalemme celeste, è à innumerevuli ànghjuli in riunione festiva, 23 è à l'assemblea di i primunati chì sò scritti in u celu, è à Diu, u ghjudice di tutti, è à i spiriti di i ghjusti fatti perfetti, 24 è à Ghjesù, u mediatore di una nova allianza, è à u sangue spruzzatu chì parla una parolla megliu cà u sangue d'Abel.

Ebrei 9:24 (ESV), Cristu hè intrutu in a presenza di Diu per noi

24 Perchè Cristu hè intrutu, micca in lochi santi fatti cù e mani, chì sò copie di e cose vere, ma in u celu stessu, avà per apparì in presenza di Diu per noi.

1 Timuteu 2: 5-6 (ESV), ci hè un Diu, è un mediatore trà Diu è l'omi, l'omu Cristu Ghjesù

5 For ci hè un Diu, è ci hè un mediatore trà Diu è l'omi, l'omu Cristu Ghjesù, 6 chì si hè datu cum'è riscattu per tutti, chì ghjè a testimunianza data à u mumentu propiu.

1 Curinzi 15: 24-28 (ESV), Hè eccettu chì hà messu tutte e cose sottumette sottu à ellu

24 Dopu vene a fine, quand'ellu dà u regnu à Diu u Babbu dopu avè distruttu ogni regula è ogni autorità è putere. 25 Perchè deve regnà finu à ch'ellu hà messu tutti i so nemichi sottu à i so pedi. 26 L'ultimu nemicu à esse distruttu hè a morte. 27 per "Diu hà messu tutte e cose sottumesse sottu à i so pedi. " Ma quandu dice, "tutte e cose sò messe in sottumissione", hè chjaru ch'ellu hè eccettu quellu chì hà messu tutte e cose sottumesse sottu à ellu. 28 Quandu tutte e cose sò sottumesse à ellu, tandu u Figliolu ellu stessu serà sottumessu à quellu chì hà messu tutte e cose sottumette sottu à ellu, chì Diu sia in tuttu.

È di Zachària 3: 4? Aghju pigliatu a to iniquità da voi

Certi dicenu chì perchè l'ànghjulu di u Signore dice "Aghju pigliatu a to iniquità da voi" chì l'ànghjulu hè u SIGNORE perchè solu u Signore Diu pò pardunà i peccati. Tuttavia, l'ànghjulu di u SIGNORE parla per u SIGNORE cum'è hè evidenti da Zac 3: 6-9, chì dice: "È l'ànghjulu di u SIGNORE hà assicuratu solennemente à Giosuè:" Cusì dice u SIGNORE di l'armate: Sì andarete in I mo modi è mantene a mo carica, allora guvernerete a mo casa è averete a carica di i mo tribunali ... dichjara u Signore di l'armate, è rimuoveraghju l'iniquità di stu paese in un ghjornu. " Chjaramente l'angelu di u SIGNORE si distingue quì da u SIGNORE ma parla per u SIGNORE. 

A presunzione chì solu Diu pò pardunà i peccati hè una falacia. Per esempiu in Isaia 6: 5-7, i peccati espiati è a culpabilità eliminata sò u risultatu di l'azione di un serafinu.

Ancu se l'autorità per pardunà i peccati pò vene da Diu, quelli chì sò dati l'autorità o a capacità sò capaci di fà. A valutazione di i scribi in Mark 2: 7 dicendu "chì pò pardunà canta, ma Diu solu". era incorrettu. Ghjesù li curregge dicendu: "U Figliolu di l'Omu hà l'autorità nantu à a terra per pardunà i piccati". Facendu cusì si identificò micca cum'è Diu ma u Figliolu di l'omu. Eppuru sapemu chì ellu hè statu datu tutta l'autorità da Diu. (Matt 11:27, Luke 10:22, John 3:35, John 13: 3). Ghjesù suggerisce ancu chì sia più faciule di dì "I vostri peccati sò perdonati" chè di dì: "Alzati, piglia u to lettu è cammina". L'autorità di dà a vita eterna hè l'ultimu putere chì Ghjesù hè statu datu è sapemu da Ghjuvanni 5: 25-26 chì sta autorità li hè stata data da Diu perchè Ghjesù hè u Figliolu di l'omu (u Messia). Attraversu l'obbedienza di un omu, parechji saranu resi ghjusti (Rum 5:19). 

Ghjuvanni 20:21 hè chjave per cunfirmà chì pudè pardunà i peccati hè una autorità derivata. I discìpuli di Ghjesù anu ancu datu u putere di pardunà i peccati quandu Ghjesù disse: "Cum'è u Babbu m'hà mandatu, ancu cusì ti mandu" è "se pardunate i peccati di qualcunu, li sò perdonati".

Zaccaria 3: 1-9 (ESV), Aghju pigliatu a to iniquità da voi

Enseñanza1 Dopu m'hà fattu vede Joshua u suvranu sacrificadore stendu davanti à l'ànghjulu di u Signore, è Satanassu à a diritta per accusallu. 2 È u Signore disse à Satanassu, "U Signore ti rimpruverà, o Satanassu! U Signore chì hà sceltu Ghjerusalemme ti rimpruverà! Ùn hè micca una marca cacciata da u focu? " 3 Avà Giosuè stava davanti à l'ànghjulu, vistutu di panni sporchi. 4 È l'ànghjulu disse à quelli chì stavanu davanti ad ellu: "Cacciate li i vistimenti brutti". È li disse: Eccu, Aghju pigliatu a to iniquità da voi, è ti vestu di vistimenti puri ".  5 È aghju dettu: "Chì li mettinu un turbanu pulitu in capu". Allora li mettenu un turbanu pulitu nantu à a testa è u vestianu di vestiti. È l'ànghjulu di u Signore stava vicinu.
6 È l'ànghjulu di u SIGNORE hà assicuratu solennemente à Ghjosuè, 7 "Cusì dice l'Eternu di l'armate: Se andarete per e mo vie è mi guarderete, allora guvernerete a mo casa è averete u rispunsevule di e mo corti, è vi daraghju u dirittu di accessu trà quelli chì sò quì. 8 State à sente avà, o Ghjosuè, u suvranu sacrificadore, voi è i vostri amichi chì site davanti à voi, chì sò omi chì sò un segnu: eccu, aghju da purtà u mo servitore u Ramu. 9 Perchè eccu, nantu à a petra ch'e aghju messu davanti à Ghjosuè, nantu à una sola petra cù sette ochji, inciseraghju a so scrizzione, Dice u Signore di l'armate, è aghju da caccià l'iniquità di stu paese in un ghjornu.

Isaia 6: 5-7 (ESV), Eccu, questu hà toccu e vostre labbre; a to culpabilità hè stata livata, è u to piccatu hà espiatu

È aghju dettu: «Guai à mè! Perchè sò persu; perchè sò un omu di labbra impure, è campu in mezu à un populu di labbra impure; perchè i mo ochji anu vistu u Rè, u Signore di l'armate! " 6 Tandu unu di i serafini hà volatu versu mè, avendu in manu un carbone ardente ch'ellu avia pigliatu cù pinzette da l'altare. 7 È mi hà toccu a bocca è hà dettu: «Eccu, questu hà toccu e to labre; a to culpabilità hè stata livata, è u to piccatu hà espiatu. "

Mark 2: 5-11 (ESV), U Figliolu di l'omu hà l'autorità nantu à a terra per pardunà i peccati

5 E quandu Ghjesù vide a so fede, disse à u paralìticu: "Figliolu, i to piccati sò perdunati". 6 Avà alcuni di i scribi stavanu à pusà, dumandendu in i so cori, 7 "Perchè stu omu parla cusì? Hè inghjuliatu! Quale pò pardunà i peccati, ma solu Diu? 8 E sùbitu Ghjesù, videndu in u so spiritu chì si dumandavanu cusì in elli, li disse: "Perchè dumandate queste cose in i vostri cori? 9 Ciò chì hè più faciule, di dì à u paralìticu: "I to piccati sò perdunati", o di dì: "Arrìzzati, piglia u to lettu è marchja"? 10 Ma per sapè chì u Figliolu di l'omu hà l'autorità nantu à a terra per pardunà i peccati"- hà dettu à u paraliticu- 11 "A vi dicu, alzatevi, pigliate u vostru lettu, è andate in casa."

Ghjuvanni 5: 25-27 (ESV), U Patre - hà cuncessu à u Figliolu ancu di avè vita in ellu stessu

25 «In verità, in verità, a vi dicu, una ora hè ghjunta, è ghjè avà, quandu i morti senteranu a voce di u Figliolu di Diu, è quelli chì senteranu camperanu. 26 Perchè cum'è u Babbu hà a vita in ellu stessu, cusì hà datu à u Figliolu ancu a vita in ellu stessu. 27 È li hà datu l'autorità per fà ghjudiziu, perchè hè u Figliolu di l'omu.

Rumani 5:19 (ESV), Per l'ubbidienza di un omu, parechji saranu resi ghjusti

19 Perchè cum'è per a disubbidienza di l'omu, parechji sò stati fatti peccatori, cusì da l'ubbidienza di un omu, parechji saranu resi ghjusti.

Ghjuvanni 20: 21-23 (ESV), Se pardunate i peccati di qualcunu, li sò perdonati

21 Ghjesù li disse dinò: "A pace sia cun voi. Cum'è u Babbu m'hà mandatu, ancu cusì ti mandu. " 22 Dopu ad avè dettu questu, hà rispiratu annantu à elli, è li disse: «Ricevite u Spìritu Santu. 23 Sì pardunate i peccati di qualcunu, li sò perdonati; sè ritenite u pirdunu à qualcunu, hè ritenutu ".

È i Ghjudici 13: 21-23? 

Ghjudici 13: 21-23 cunferma chì l'ànghjulu di u Signore ùn hè micca literalmente u Signore Diu. Questu hè chì Manona è a so moglia ùn sò micca morti. S'ellu era letteralmente u SIGNORE (YHWH) ch'elli avianu vistu allora serianu sicuramente morti (Es 33:20), Hè u solu Sovranu, chì nimu hà mai vistu o ùn pò vede (1 Tim 6:16). A parolla per Diu in Ghjudici 13: 21-23 hè di l'Ebreu elohim chì significa putente è pò esse applicatu ancu à l'angeli. Ancu se anu vistu un putente (un anghjulu di u SIGNORE) ùn sò micca morti perchè ùn anu micca vistu u SIGNORE stessu.

Ghjudici 13: 21-23 (ESV), Moriremu sicuramente perchè avemu vistu à Diu

21 L'ànghjulu di u Signore ùn apparse più à Manoah è à a so moglia. Allora Manoah a sapia era l'ànghjulu di u SIGNORE. 22 È Manoah disse à a so moglia:Moremu sicuramente, perchè avemu vistu à Diu. " 23 Ma a moglia li disse:Sì u Signore avia vulsutu tumbà ci, ùn averia micca accettatu un olucaustu è una offerta di granu à e nostre mani, o ùn ci averia mostratu tutte ste cose, o avà ci avaria annunziatu cose cum'è queste. "

Esodu 33: 17-20 (ESV), Ùn pudete micca vede a mo faccia, perchè l'omu ùn mi vedrà micca è camparà

17 È u Signore disse à Mosè, "Questa stessa cosa chì avete parlatu a faraghju, perchè avete trovu favore in a mo vista, è vi cunnoscu per nome." 18 Mosè disse: "Per piacè mustrami a to gloria". 19 Ellu disse: "Faraghju passà tutta a mo buntà davanti à voi è proclamaraghju davanti à voi u mo nome" u Signore ". È seraghju cumpiacente à quellu chì seraghju cumpiacente, è faraghju misericòrdia à quellu chì faraghju misericòrdia. 20 Ma ", hà dettu,"ùn pudete micca vede a mo faccia, perchè l'omu ùn mi vedrà micca è camparà."

1 Timuteu 6:16 (ESV), à quale nimu hà mai vistu o pò vede

16 chì solu hà l'immortalità, chì stà in una luce inaccessibile, chì nimu hà mai vistu o ùn pò vede. Per ellu sia l'onore è u duminiu eternu. Amen.