Restaurazione di u Cristianesimu Apostolicu di u I Seculu
Rifutendu u Legalisimu di a Torah
Rifutendu u Legalisimu di a Torah

Rifutendu u Legalisimu di a Torah

Chì sò i Ghjudaizanti?

"Judaizer" hè un termu tecnicu chì appartene à una fazione di cristiani ebrei, sia di origine ebraica sia di origine ebraica, chì consideranu e leggi levitiche di l'Anticu Testamentu cum'è sempre liganti per tutti i cristiani. Pruvanu à impone a circoncisione ebraica à i Gentili cunvertiti à u primu cristianesimu è sò stati fermamente opposti è criticati per u so comportamentu da l'Apostolu Paulu, chì hà impiegatu molte di e so epistole per refutare i so errori dottrinali. U termine hè dirivatu da a parolla greca Koine Ἰουδαΐζειν (Ioudaizein) aduprata una volta in u Novu Testamentu grecu (Galati 2:14).[1] Mentre i Ghjudaizanti in stu ghjornu è età ùn sustenenu micca tipicamente a circuncisione di a carne, sustenenu a osservanza di a Torah in parechje altre leggi levitiche cumprese a osservanza di u sabatu, e leggi dietetiche è l'osservazioni di feste è ghjorni santi.

U significatu di u verbu Judaize[2], da u quale hè derivatu u nome Judaizer, pò esse derivatu solu da i so vari usi storichi. U so significatu biblicu deve ancu esse inferitu è ​​ùn hè micca chjaramente definitu al di là di a so relazione evidente cù a parola "Ghjudeu". L'Anchor Bible Dictionary, per esempiu, dice: "L'implicazione chjara hè chì i pagani sò custretti à campà secondu l'usi ghjudei".[3] A parolla Judaizer vene da Judaize, chì hè raramente adupratu in e traduzioni bibliche inglesi (una eccezzione hè a traduzzione litterale di Young per Galati 2:14).

[1] Cuntributori di Wikipedia. "Ghjudaizanti". Wikipedia, l'Enciclopedia Libera. Wikipedia, l'Enciclopedia Libera, 9 lugliu 2021 Web. 26 Agostu 2021.

[2] da u Grecu di Koine Ioudaizō (Ιουδαϊζω); vede dinò G2450 di Strong

[3] Anchor Dictionary di Bibbia, Vol. 3. "Judaizing".

Galati 2: 14-16, Traduzzione litterale di Youngs

14 Ma quandu aghju vistu chì ùn caminavanu micca ghjustu versu a verità di a bona nova, aghju dettu à Petru davanti à tutti: Sì tù, sì Ghjudeu, vivi à a manera di e nazioni, è micca à a manera di i Ghjudei , cumu e nazioni vi obliganu à Ghjudaizià? 15 noi per natura ghjudei, è micca peccatori di e nazioni,16 sapendu ancu chì un omu ùn hè micca dichjaratu ghjustu per l'opere di a lege, se micca per a fede di Ghjesù Cristu, ancu noi in Cristu Ghjesù avemu cridutu, per pudè esse dichjarati ghjusti per a fede di Cristu, è micca per l'opere di a lege , dunque dichjaratu ghjusti per opere di dirittu ùn serà carne. '

U rimproveru di Paulu

Quelli chì cercanu di sottumetteci à a lege mosaica cercanu di schiavitassi. (Gal 2: 4) Cum'è beneficiari di a Nova Allianza, simu per prutege a nostra libertà in Cristu. (Gal 2: 4-5) Osservà ghjorni è mesi è stagioni è anni hè di turnà torna in schiavitù per i precetti debuli è inferiori. (Gal 4: 9-10) Cristu ci hà liberatu per dà ci libertà; stà fermu dunque, è ùn sottumettiti micca di più à un giogo di schiavitù. (Gal 5: 1) Un pocu levitu lievita tuttu u pezzu. (Gal 5: 9) Simu stati chjamati à a libertà. (Gal 5:13)

Ùn duvemu micca perseguite a ghjustizia per mezu di a legge (per legalismu), cum'è Paul hà scrittu: "Se ricostruiu ciò chì aghju strappatu, mi provu di esse un trasgressore" (Gal 2:18) è, "Se a ghjustizia era per mezu di a legge, tandu Cristu hè mortu senza scopu. (Gal 2:21) Di novu sapemu chì una persona ùn hè micca ghjustificata da opere di lege, ma per fede in Ghjesù Cristu. (Gal 2:16) Paulu accusa ghjustamente à i Ghjudaizanti di distorsione di u Vangelu di Cristu (Gal 1: 6-7) Ùn avemu micca ricevutu u Spìritu per opere di a lege ma ascultendu cun fede (Gal 3: 2) Quellu chì furnisce u Spìritu per noi è face miraculi trà di noi face cusì à sente cun fede, micca l'opere di a lege. (Gal 3: 5-6) Ùn duvemu micca vultà à i vechji modi di esse perfezziunati da a carne dopu avè principiatu in a nova manera di u Spìritu. (Gal 3: 3) Altrimente a predicazione di u Vangelu hè vana. (Gal 3: 4) 

Quelli chì si basanu nantu à l'opere di a lege sò sottu à una maladizzione; perchè hè scrittu: "Maladettu sia quellu chì ùn rispetta micca tutte e cose scritte in u Libru di a Lege è li faci". (Gal 3:10) Cristu ci hà liberatu da a maladizzione di a lege diventendu una maladizzione per noi - perchè hè scrittu: "Maladettu hè quellu chì hè impiccatu à un arburu" - affinchì in Cristu Ghjesù a benedizione d'Abrahamu possa vene à i pagani, per pudè riceve u Spiritu prumessu per mezu di a fede. (Gal 3: 13-14) A lege era u nostru guardianu finu à chì Cristu hè ghjuntu, per pudè esse ghjustificati da a fede. (Gal 3:24) Avà chì a fede hè ghjunta, ùn semu più sottu un guardianu, perchè in Cristu Ghjesù simu figlioli di Diu per via di a fede. (Gal 3: 25-26)

 Quelli chì sò stati battezi in Cristu anu messu in Cristu. (Gal 3:27) Quelli chì serianu ghjustificati da a lege sò staccati da Cristu - sò cascati da a gràzia. (Gal 5: 4) Hè per mezu di u Spìritu, per fede, avemu a speranza di ghjustizia. (Gal 5: 5) Tuttu ciò chì conta per qualcosa hè Cristu Ghjesù hè a fede chì travaglia per amore. (Gal 5: 6) Perchè a legge sana hè rializata in una sola parolla: "Amarà u vostru prossimu cum'è sè stessu". (Gal 5:14) Portate i carichi di l'altri, è cusì cumpienu a lege di Cristu. (Gal 6: 2)

In Cristu Ghjesù simu unu - ùn ci hè distinzione trà Ghjudeu o Grecu, maschile o femina. (Gal 3:28) È sì simu di Cristu, allora simu i discendenti d'Abraham, eredi secondu a prumessa. (Gal 3:29) Semu stati riscattati da a lege. (Gal 4: 4-5) Quellu chì hà suminatu à u Spìritu, da u Spìritu, coglie a vita eterna. (Gal 6: 8) L'osservanza o a mancanza di osservanza à a circuncisione (dedicazione à a Legge Mosaica) conta per tuttu, ma diventà solu una nova creazione. (Gal 6:15)

Matteu 5: 17-18, ùn sò micca venutu per distrugge a lege, ma per cumplitalla

In Matteu 5: 17-18 Ghjesù hà dettu: "Sò venutu micca per distrughje a lege, ma per rializzàla". Chì vole dì "rializà a lege"? "Cumplimentu di a lege" significa solu eseguisce cum'è Mosè avia dumandatu? Tuttavia hè un sbagliu fundamentale di suppone chì Ghjesù hà solu rinfurzatu a necessità di rispettà tutte e leggi date à Israele per mezu di Mosè. 

Sì Ghjesù ci dumanda di realizà i precetti di a lege cum'è detti da Mosè, allora a circuncisione chjaramente in carne hè sempre ubligatoria per tutti. Duvemu ramintà chì a circuncisione in a carne era un segnu di l'allianza fatta cù Abràhamu (dopu avè cridutu u Vangelu, Gal 3: 8; vede Rom 4: 9-12) è una marca di u veru, ubbidiente israelita. A lege avia dettu bè chjaramente: "Parlate à i figlioli d'Israele, dicendu:" Quandu una donna parturisce è duverà un figliolu maschile, allora serà impura per sette ghjorni ... L'ottesimu ghjornu a carne di u prepuziu serà circuncisa. '"(Lev 12: 2-3). Nota dinò u cumandamentu chì hà assicuratu chì "nisuna persona incircuncisa ùn pò manghjà [a Pasqua]. A listessa legge s'applicarà à l'indigeni cum'è à u furesteru chì stà in voi "(Es 12: 48-49) In Esodu 4: 24-26 Diu avia minacciatu di morte à Mosè s'ellu ùn vidia micca chì i so figlioli eranu circuncisi. Questu era unu di i cumandamenti più fundamentali di Diu per Israele. Eppuru, nimu di noi ùn sente l'obbligazione di realizà sta parte di a lege di Diu, ancu se ùn pudemu truvà nunda in l'insignamentu registratu di Ghjesù chì puderebbe eliminà u requisitu di circuncisione fisica.

A circuncisione hè avà "in u core", perchè "hè un Ghjudeu chì hè unu internu; è a circuncisione hè quella di u core, da u spiritu, micca da a lettera "(Rum 2: 28-29). Ci hè sicuramente una vasta differenza trà circuncisione in carne è circuncisione in spiritu. Eppuru u Novu Testamentu vede a circuncisione spirituale, interiore, cum'è a risposta adatta à u cumandamentu chì simu circuncisi. A lege hè stata spiritualizata è cusì "cumpleta". Ùn hè statu distruttu. Hè certamente pigliatu una forma assai diversa sottu u Novu Pattu.

Ghjesù s'hè imbarcu in una tale spiritualizazione di i dece cumandamenti è altre leggi quandu, in u Sermone di a Muntagna, hà annunziatu: "Avete intesu dì chì l'antichi avianu dettu:" Ùn cummette micca omicidiu "... ma vi dicu ..." ( Matt. 5: 21-22). "Avete intesu dì chì hè statu dettu:" Ùn cummette micca adulteriu ", ma vi dicu ..." (Matt. 5: 27-28). «Mosè ti hà permessu di divorzià di e to mòglie, ma da u principiu ùn hè micca statu cusì. È vi dicu ... "(Matt 19: 8-9).

"Cumplendu" a legge chì Ghjesù a modifica - in realtà a cambia - ma ùn la distrugge. In fatti face scopre a vera intenzione di a legge, rendendula più radicale, in certi casi (divorziu) abrogendu a legge di Mosè in Deuteronomiu 24, dichjarendu chì sta prestazione era temporanea. Questu hè un fattu impurtante: l'insegnamentu di Ghjesù rende in realtà a legge di divorziu di Mosè nulla. Ci riporta à una prima lege matrimoniale data da Diu in Genesi 2:24. Ghjesù appella cusì à una parte prima è più fundamentale di a Torah. Hà annullatu a cuncessione successiva data da Mosè cum'è Torah.

Ghjesù hà purtatu a lege à a so destinazione, u scopu finale per u quale hè stata uriginale (Rom. 10: 4). Per esempiu, chì ne hè di a lege di e carni pulite è impure? Ghjesù dice qualcosa nant'à u significatu di sta lege per i cristiani? Ghjesù và à u core di u prublema di l'impuru: "Tuttu ciò chì entra in l'omu da fora ùn pò micca imbruttallu, perchè ùn entre in u so core, ma in u so stomacu, è hè eliminatu" (Mark 7: 18-19). Dopu Mark cummenta: "Cusì Ghjesù hà dichjaratu tutti l'alimenti puliti" (Mark 7:19). A lege di l'alimentu pulitu è ​​impuru ùn era più in vigore. Ghjesù avia riferitu à questu cambiamentu sottu a Nova Allianza.

Matteu 5: 17-18 (ESV), a Lege o i Prufeti; Ùn sò micca venutu per abulialli ma per cumpialli

17 "Ùn pensate micca chì sò venutu à abolisce a lege o i prufeti; Ùn sò micca venutu per abulialli ma per cumpialli. 18 Perchè veramente, vi dicu, finu à chì u celu è a terra passanu, nè un iota, micca un puntu, passerà da a Lege finu à chì tuttu hè compiu.

Matteu 5:19, Quellu chì rilassa unu di i menu di questi cumandamenti

Matteu 5: 17-19 hè spessu adupratu da quelli chì sustenenu a seguita di a lege di Mosè. Ciò include Matteu 5:19 chì dice: "Dunque, quellu chì rilassa unu di i più chjucu di questi cumandamenti è insegna à l'altri à fà u listessu serà chjamatu menu in u regnu di i celi". Ùn riescenu micca à ricunnosce chì si tratta di una introduzione à a predica di Ghjesù nantu à a muntagna è chì i cumandamenti à i quali si riferisce sò quelli chì esce da a so bocca. Matteu 5: 19-20 serve da introduzione à l'insignamenti di Ghjesù nantu à a ghjustizia chì sò elaborati in i capituli 5-7. I Scribi è i Farisei anu enfatizatu una aderenza legalista à a Legge Mosaica, ma i cumandamenti chì Ghjesù sottolinea appartenevanu à avè un core puru è una condotta ghjusta chì coprenu temi cum'è rabbia, lussuria, divorziu, ghjuramenti, vendicazioni, amare nemichi, dà à i bisognosi, pregà , u perdonu, u dighjunu, l'ansietà, ghjudicà l'altri, a regula d'oru, è darà fruttu.

Si vede da u cuntestu chì Ghjesù esorta a folla à ùn cumprumette i so insegnamenti quandu dice: "quellu chì rilassa unu di i menu di questi cumandamenti è insegna à l'altri à fà u listessu serà chjamatu menu in u regnu di i celi, ma quellu chì li face è li insegna chì seranu chjamati grandi in u regnu di i celi ". (Matt 5:19) Ùn si riferisce micca à l'urdinanze stabilite da Mosè chì i scribi è i Farisei continuamente discutevanu. Piuttostu Ghjesù hà dettu: "A menu chì a vostra ghjustizia ùn supere quella di i scribi è di i Farisei, ùn entrerete mai in u regnu di i celi". (Matt 5:20) A ghjustizia à a quale si riferisce sò i so cumandamenti riassunti in i so insegnamenti dati in trè capituli. 

Quandu Ghjesù face riferenza à a Lege o à i Prufeti, hè in u cuntestu di rializzalli. Hè quellu chì realizaria tuttu ciò chì hè scrittu annantu à ellu. Attraversu questu cumplimentu, hà stabilitu una nova allianza in u so sangue. Avà simu liberati da a lege, dopu avè mortu per quellu chì ci hà tenutu prigiuneri, per chì servissimu in a nova manera di u Spìritu è ​​micca in a vechja manera di u codice scrittu. (Rom 7: 6)

Matteu 5: 17-20 (ESV), A furtuna a to ghjustizia supera quella di i scribi è di i Farisei

17 "Ùn pensate micca chì sò venutu à abulisce a Lege o i Prufeti; Ùn sò micca venutu per abulialli ma per cumpialli. 18 Perchè veramente, vi dicu, finu à chì u celu è a terra passanu, nè un iota, micca un puntu, passerà da a Lege finu à chì tuttu hè compiu. 19 Dunque quellu chì rilassa unu di i menu issi cumandamenti è insegna à l'altri à fà listessa serà chjamatu menu in u regnu di i celi, ma quellu chì li face è li insegna serà chjamatu grande in u regnu di i celi. 20 Perchè a vi dicu, salvu a vostra ghjustizia supera quella di i scribi è di i Farisei, ùn entrerete mai in u regnu di i celi.

21 Avete intesu dì chì era dettu à quelli di l'anticu ... Ma a vi dicu ...

  • In quantu à Murder and Anger: Matthew 5: 21-26
  • In quantu à Adulteriu è Lussuria: Matteu 5: 27-30
  • In quantu à u Divorziu: Matteu 5: 31-32
  • In quantu à Ghjuramentu è ghjuramenti: Matteu 5: 33-37
  • In quantu à Ritalia: Matteu 5: 38-42
  • In quantu à Enemies Loving: Matthew 5: 43-48
  • In quantu à Dà à u Bisognu: Matteu 6: 1-4
  • In quantu à Prigà: Matteu 6: 5-13
  • In quantu à u Pirdunu: Matteu 6:14 
  • In quantu à Dighjunu: Matteu 6: 16-18
  • In quantu à Ansietà: Matteu 6: 25-34
  • In quantu à Ghjudicà à l'altri: Matteu 7: 1-5
  • In quantu à a Regula d'Or: Matteu 7: 12-14
  • Riguardu à u Fruttu chì porta: Matteu 7: 15-20

Rumani 7: 6 (ESV), Servemu in a nova manera di u Spìritu è ​​micca in l'antica manera di u codice scrittu

6 Ma avà simu liberati da a lege, chì simu morti per quellu chì ci tinia prigiuneri, affinchì servissimu à a nova manera di u Spìritu è ​​micca à l'antica manera di u codice scrittu.

Matteu 7: 21-23, Depart da mè, voi travagliadori di illegalità

Spessu, e parolle di Ghjesù sò cacciate fora di u cuntestu in Matteu 7:23 induve Ghjesù dice à quelli chì ùn cunnoscenu micca u Cristu, chì li dichjarerà: «Ùn t'aghju mai cunnisciutu; partite da mè, voi chì travagliate l'iniquità. Definiscenu a legge chì ùn hè micca a difesa di a legge chì capiscenu l'antica legge mosaica di l'allianza. A quistione hè in u cuntestu di u ministeru di Ghjesù, chì hè a so comprensione di l'illegalità? In verità, ùn hè micca cum'è i Ghjudaizanti facenu per esse tistimuniatu da Matteu 23: 27-28 induve Ghjesù chjama i scribi (avucati) è i Farisei, ipocriti, dicendu: "Site cum'è tombe imbiancate, chì parenu esternamente belle, ma in sò pieni d'osse di i morti è di tutta impurità. Cusì parete ancu per fora ghjusti à l'altri, ma in voi site pieni d'ipocrisia è di illegalità. 

Da e parolle di Ghjesù, capimu ciò ch'ellu piglia a legge. Per ellu hè a cundizione interna chì conta è chì l'apparenze esterne di a ghjustizia ùn contanu nunda. Per Cristu, a "illegalità" hè una cundizione di u statu di l'essere interiore di qualcunu, micca a so reputazione mundana di esse in cunfurmità cù i cumandamenti è l'ordinanze. A seguita di a Torah ùn impedisce micca à qualcunu di esse illegale nè stabilisce cum'è ghjustizia. Di novu, Ghjesù hà chjamatu quelli chì si sò focalizzati incessantemente nantu à u codice scrittu cum'è pieni d'ipocrisia è di illegalità.

Ci sò parechje altre prove da i scritti apostolici chì sustenenu sta capiscitura di ciò chì a parolla "illicità" significa cum'è hè stata aduprata da Cristu è i so Apostoli. In Luke 13:27 Ghjesù dice di quelli chì sò falsi: "Partite da mè, tutte e opere di u male". A parolla quì hè a parolla greca adikia (ἀδικία) chì lessicu BDAG definisce cum'è (1) un attu chì viola i standard di cumpurtamentu currettu, malfattu, (2) a qualità di l'inghjustizia, l'inghjustizia, a gattivezza, l'inghjustizia. Considerendu chì a formulazione hè assai simile à Matteu 7:23, pudemu inferisce chì ciò chì Ghjesù significa per illegalità hè iniquità o ingiustizia, è chì ùn hà micca adupratu u termine per descrive quellu chì ùn hè micca in conformità à a legge mosaica.

 A parolla 'illegalità' chì si trova in u Novu Testamentu riguarda u male o u peccatu. Essendu stati liberi da u peccatu, simu diventati schiavi di a ghjustizia (Rum 6:18) Pàulu hà capitu u cuntrastu di a ghjustizia contru à l'illegalità in a listessa manera chì hà dettu: "cum'è avete presentatu una volta i vostri membri cum'è schiavi di l'impuru è di l'illegalità chì guidanu à più illegalità, allora avà prisentate i vostri membri cum'è schiavi di a ghjustizia chì portanu à a santificazione. (Rum 6:19) Hà cuntrastatu a ghjustizia cù l'illegalità, a luce cù a bughjura. (2Cor 6:14) A grazia di Diu hè apparsa, furmendu ci per rinuncià à l'impiudità è à e passioni mundane, è à campà una vita autocontrollata, retta è divina in l'età presente, (Tit 2: 11-12) ellu stessu per noi di riscattacci da ogni legalità è di purificà per ellu stessu un populu. (Tit 2:14) L'associazione di u Novu Testamentu di l'illegalità hè cù u peccatu, micca u mancatu rispettu di a lege mosaica. Questu hè cunfermatu da 1 Ghjuvanni 3: 4 chì dice: "Tutti quelli chì facenu una pratica di peccatu praticanu ancu l'illegalità; u peccatu hè illegalità ". Cusì, u cuncettu di u Novu Testamentu di l'illegalità appartene à esse un servitore di u peccatu è di a bughjura in uppusizione à seguità a luce è rispettà u Spìritu. Avemu da serve à a nova manera di u Spìritu, è micca à a vechja manera di u codice scrittu. (Rom 7: 6)

Matteu 7: 21-23 (ESV), partite da mè, voi travagliadori di l'iniquità

21 "Micca tutti quelli chì mi dicenu: Signore, Signore, entreranu in u regnu di i celi, ma quellu chì face a vuluntà di u mo Babbu chì hè in celu. 22 In quellu ghjornu, parechji mi diceranu: "Signore, Signore, ùn avemu micca prufetizatu in u vostru nome, avemu scacciatu i demoni in u vostru nome, è avemu fattu assai opere putenti in u vostru nome?" 23 E dopu li dichjareraghju, 'Ùn ti aghju mai cunnisciutu; partite da mè, voi travagliadori di l'iniquità.

Matteu 23: 27-28 (ESV), Esternamente parenu ghjusti à l'altri, ma in voi site pieni d'ipocrisia è di illegalità

27 «Guai à voi, scribi è Farisei, ipocriti! Per voi site cum'è tombe imbiancate à calu, chì parenu esternamente belle, ma à l'internu sò piene d'osse di morti è di tutta impurità. 28 So Sembri ancu ghjusti per l'altri, ma in voi site pienu d'ipocrisia è di illegalità.

Luke 13: 26-27 (ESV), Partite da mè, voi tutti travagliadori di u male

26 Allora cumincierete à dì: "Avemu manghjatu è biatu in a vostra presenza, è avete insignatu in e nostre strade". 27 Ma ellu dicerà: 'A vi dicu, ùn sò micca da induve venite. Partite da mè, voi tutti travagliadori di u male!'

Rumani 6: 15-19 (ESV), Una volta avete presentatu i vostri membri cum'è schiavi di impurità, illegalità chì porta à più illegalità

15 Chì allora? Avemu da peccà perchè ùn simu micca sottu a lege ma sottu grazia? In micca manera! 16 Ùn sapete micca chì, se vi presentate à qualcunu cum'è schiavi ubbidienti, site schiavi di quellu chì obbedite, sia di u peccatu, chì porta à a morte, sia di l'ubbidienza, chì porta à a ghjustizia? 17 Ma grazie à Diu, chì voi chì erate una volta schiavi di u peccatu site diventati ubbidienti da u core à u standard di insegnamentu à u quale site stati impegnati, 18 e, essendu statu liberatu da u peccatu, sò diventati schiavi di a ghjustìzia. 19 Parlu in termini umani, per via di e vostre limitazioni naturali. Per cum'è avete presentatu i vostri membri una volta schiavi di impurità è di illegalità chì portanu à più illegalità, cusì avà presentate i vostri membri cum'è schiavi di ghjustizia chì porta à a santificazione.

2 Curintini 6:14 (ESV), Ghjustizia cù illegalità? O chì cumunione hà a luce cù a bughjura

14 Ùn siate inugualmente inghjugliati cù increduli. Perchè chì partenariatu hà a ghjustizia cù l'illegalità? O chì cumunione hà a luce cù a bughjura?

Titu 2: 11-14 (ESV), chì si hè datu per noi per riscattacci da ogni legalità è per purificà per ellu stessu un populu

11 Perchè a gràzia di Diu hè apparsu, purtendu a salvezza per tutte e persone, 12 furmendu ci per rinunzià à l'impietà è à e passioni mundanee, è à campà una vita autocontrollata, diritta è divina in l'età presente, 13 aspittendu a nostra benedetta speranza, l'apparizione di a gloria di u nostru grande Diu è Salvatore Ghjesù Cristu, 14 chì si hè datu per noi per riscattacci da ogni legalità è per purificà per ellu stessu un populu per u so propiu pussessu chì sò zelosi per i boni travagli.

1 Ghjuvanni 3: 4 (ESV), Tutti quelli chì facenu una pratica di peccatu praticanu ancu l'illegalità; u peccatu hè illegalità

4 Tutti quelli chì facenu una pratica di peccatu praticanu ancu l'illegalità; u peccatu hè illegalità.

Matteu 19:17, Se vulete entre in vita, tenite i cumandamenti

Quandu Ghjesù hè statu dumandatu da un omu riccu in Matteu 19: 16-21, "Chì bona azzione devu fà per avè a vita eterna", Ghjesù hà dettu: "Se vulete entre in vita, guardate i cumandamenti". Ma quandu era interrugatu nantu à quale, Ghjesù ùn hà micca dettu tutti o a legge intera di Mosè. Hà mintuvatu solu sei cumandamenti. Cinque d'elli sò di i dece cumandamenti cumprese, Ùn ammazzate micca, Ùn cummette micca adulteriu, Ùn arrubate, Ùn duverete micca falsi testimonii, è Onorate u vostru babbu è a vostra mamma è hà aghjustatu: 'Amarà u vostru prossimu cum'è tù stessu. ' Invece di appellu à tutta a lege, hà appellu à questi selezziunati gruppi di cumandamenti cuncordanti cù i so insegnamenti di ghjustizia.

L'omu hà dettu: "Tuttu què aghju conservatu, chì mi manca sempre?" Ghjesù dice ancu in Matteu 19:21: "Se vulete esse perfettu, andate, vendite ciò chì avete è date à i poveri, è avete un tesoru in celu; è vene, seguitami. " Quì vedemu u standard di Ghjesù ùn hè micca tutta a Legge Mosaica, ma quelli principali di a legge di Diu chì appartenenu à amà l'umanità è vive una vita altruista. Sì Ghjesù credia chì i 613 cumandamenti di a lege mosaica eranu critichi, questu seria stata l'occasione perfetta per dilla. Piuttostu, a prescrizione di Ghjesù per fucalizza nantu à i principii di buntà chì appartenenu à l'amore è a carità. Piuttostu chè cumpleta conformità à a lege di Mosè, u so standard di perfezzione era di campà una vita altruista cum'è servitore.

Matteu 19: 16-21 (ESV), Sì site perfettu

16 Ed eccu, un omu s'avvicinò ad ellu, dicendu: "Maestru, chì bona azzione devu fà per avè a vita eterna?" 17 È li disse: "Perchè mi dumandate ciò chì hè bonu? Ci hè solu unu chì hè bonu. Se vulete entre in vita, tenite i cumandamenti ". 18 Li disse: "Qualessi?" È Ghjesù disse: "Ùn ammazzate micca, ùn cummette micca adulteriu, ùn arrubate micca, ùn purtarete micca falsi testimonii19 Rendite onore à babbu è mamma, è, Amarete u vostru prossimu cum'è sè stessu. " 20 U ghjuvanottu li disse: «Tuttu què l'aghju custattatu. Chì mi manca sempre? " 21 Ghjesù li disse: "Se vulete esse perfettu, andate, vendite ciò chì avete è date à i poveri, è avete un tesoru in celu; è vene, seguitami. "

Dipendenza da Matteu

Finu à avà avemu cupertu detti in Matteu chì i Ghjudaizanti torcenu à u so gustu è hè evidenti chì si basanu assai nantu à Matteu. Di i detti di Ghjesù ch'elli indicanu in Matteu, ùn ci hè nisun parallelu in alcunu di l'altri Vangeli o in u restu di u Novu Testamentu. Se seguità a Legge Mosaica era fundamentale per l'insignamenti di Ghjesù, sti detti chì i Ghjudaizanti abusanu di difende l'osservanza di a Torah devenu ancu esse reinterrati in altrò in i scritti Apostolici. Soprattuttu si deve esse esposta in Luke-Atti chì hè stata scritta à a luce di Matteu è cerca di stabilisce i registri in termini di ciò chì Ghjesù hà fattu è insegnatu da a stessa persona chì hà ancu documentatu ciò chì l'Apostuli anu fattu è insegnatu. Per saperne di più nantu à a credibilità di Luke-Atti in paragunà cù Matteu vede https://ntcanon.com

Luke 22: 7-20, Ghjesù Manghja u Pastu di Pasqua

Certi puntanu à l'ultima cena di Ghjesù è di i so discìpuli essendu un pastu di Pasqua chì hè un indicazione chì duvemu tene a Pasqua (cum'è una festa annuale). Prima di saltà à a cunclusione, duvemu nutà chì in Luke 22, l'accentu hè nantu à u pastu (festa) cum'è Ghjesù hà desideratu festa in una grande stanza ammubilata (bellu ambiente) cum'è u so ultimu pastu cù i so discepuli. U cuntestu di questu, ùn hè micca esse una osservanza di rutina ma esse un'occasione speciale in cui Ghjesù ùn festeggerà micca finu chì u regnu di Diu sia cumpletu. (Luke 22:17) Quandu hà dettu: "Ùn beveraghju micca di u fruttu di a vigna finu à chì u regnu di Diu vene" chjaramente ellu face una riferenza generale à a festa. (Luke 22:18) Ghjesù hà cunsideratu u pastu speciale perchè era a so ultima festa cù i so discìpuli prima di u stabilimentu di u regnu di Diu. Ghjesù hà dettu "Aghju sinceramente desideratu di manghjà sta Pasqua cun voi prima di soffre". (Luke 22:15) L'enfasi quì hè di gode di un ultimu pastu cù quelli chì eranu vicinu à ellu. 

Ghjesù face dinò a festa nantu à una nova allianza (micca l'antica) quandu dice di u pane, "Questu hè u mo corpu, chì hè datu per voi", è di u vinu, "sta cuppa chì hè versata per voi hè a nova allianza in u mo sangue ". (Luca 2: 19-20) In effetti, u significatu di a Pasqua chì cummemora l'Israele liberatu da a terra d'Egittu hè sopravvissuta da a nova allianza stabilita da u sangue di Ghjesù. Invece di dì di participà à u pane in ricordu d'Israele, hà dettu: "Fate questu in ricordu di mè". (Luke 22:19) Quantu spessu pigliemu u corpu è u sangue di Cristu annunziamu a morte di u Signore finu à ch'ellu vene (1Cor 11: 23-26) Cristu hè a nostra Pasqua hè statu sacrificatu. (1Cor 5: 7). U pane azimu hè sincerità è verità (1Cor 5: 8) 

In 1 Curinzî 5: 7-8 Paulu applica u listessu principiu di "spiritualizazione" à a Pasqua annuale è à i Ghjorni di Pane Senza Levu cum'è cù u Sabbatu. "Cristu a nostra Pasqua hè statu sacrificatu". A nostra Pasqua cristiana ùn hè più un agnellu tumbatu annu ma un Salvatore tumbatu una volta per tutte, cù u pudere di liberacci ogni ghjornu, micca una volta à l'annu. "Fighjemu dunque a festa, micca cù u vechju levitu, nè cù u levitu di a malizia è di a gattivezza, ma cù u pane azimu di sincerità è di verità" (1Cor 5: 8). Per questa ragione ùn simu micca di manghjà u pane o di beie a tazza di u Signore in modu indegnu, ma prima per esaminà noi stessi. (1Cor 11: 27-29) Ciò chì deve esse purgatu da mezu à noi hè l'immoralità sessuale, l'avidità, a froda, l'idolatria, l'ubriachezza è u cumpurtamentu abusivu. (1Cor 5: 9-11) Questu hè u male chì deve esse purgatu - micca mancanza di rispettà u vechju codice scrittu. (1Cor 5: 9-13) Quessi sò i veri prublemi spirituali, micca a questione di pulì u levitu da e nostre vitture è case per una settimana in l'annu. I cristiani, dice Paul, devenu esse "feste" in permanenza. U sistema mosaicu di dirittu cum'è un inseme di statuti hè statu rimpiazzatu da a lege di libertà in u spiritu, riassuntu in un cumandamentu per amà i nostri vicini cum'è noi stessi (Gal 5:14).

Luke 22: 7-13 (ESV), Andate è preparate a Pasqua per noi, per pudè manghjalla.

7 Dopu ghjunse u ghjornu di u Pane senza levitu, in u quale l'agnellu di Pasqua duvia esse sacrificatu. 8 Ghjesù mandò dunque à Petru è à Ghjuvanni:Andate è appronta a Pasqua per noi, per pudè la manghjà. " 9 Li dìssenu: "Induva ci vulete fà preparalla?" 10 Ellu li disse: «Eccu, quandu sarete intrutu in cità, un omu chì porta un vasettu d'acqua vi scuntrerà. Seguità lu in a casa ch'ellu entre 11 è dite à u maestru di a casa: 'U Maestru vi dice: Induve hè a stanza d'ospiti, induve possu manghjà a Pasqua cù i mo discìpuli? 12 È vi mustrarà una grande stanza alta ammubulata; preparalli quì. " 13 È andonu è a truvonu cum'è Ghjesù li avia dettu, è anu preparatu a Pasqua.

Luke 22: 14-20 (ESV), ùn beveraghju micca di u fruttu di a vigna finu à chì vene u regnu di Diu

14 E quandu l'ora ghjunse, si messe à pusà à tavula, è l'apòstuli cun ellu. 15 È li disse: "Aghju sinceramente desideratu di manghjà sta Pasqua cun voi prima di soffre. 16 Perchè a vi dicu, ùn la manghjaraghju micca finu à ch'ella sia compia in u regnu di Diu. " 17 E pigliò una tazza, è dopu ad avè ringraziatu disse: "Pigliate questu, è dividitelu trà voi. 18 Perchè vi dicu chì da quì in avanti Ùn beveraghju micca di u fruttu di a vigna finu à chì vene u regnu di Diu. " 19 Pigliò u pane, è, dopu ad avè ringraziatu, u fraccionò è u li dete, dicendu: Eccu u mo corpu, chì hè datu per voi.. Fate questu in ricordu di mè ". 20 È dinò a cuppa dopu avè manghjatu, dicendu: "Questa cuppa chì hè versata per voi hè a nova allianza in u mo sangue.

1 Curinzî 5: 6-8 (ESV), Per Cristu, u nostru agnellu di Pasqua, hè statu sacrificatu

6 A vostra vantazione ùn hè micca bona. Ùn sapete micca chì un pocu di levitu lievita tuttu u pezzu? 7 Pulite u vechju levitu chì pudete esse un novu pezzu, cum'è sì veramente azzime. Per Cristu, u nostru agnellu di Pasqua, hè statu sacrificatu8 Celebramu dunque a festa, micca cù u vechju levitu, u levitu di a malizia è di u male, ma cù u pane azimu di sincerità è di verità.

1 Curinzî 11: 23-32 (ESV),  Fate cusì, quantunque a beie, in ricordu di mè

23 Perchè aghju ricevutu da u Signore ciò ch'e aghju datu ancu à voi, chì u Signore Ghjesù in a notte quandu era statu traditu hà pigliatu u pane, 24 è dopu avè ringraziatu, u fraccionò, è disse: «Eccu u mo corpu, chì ghjè per voi. Fate questu in ricordu di mè ". 25 In u listessu modu hà ancu pigliatu a tazza, dopu a cena, dicendu: "Questa tazza hè a nova allianza in u mo sangue. Fate cusì, quantunque a beie, in ricordu di mè. " 26 Perchè ogni volta chì manghjate stu pane è beie a cuppa, annunziate a morte di u Signore finu ch'ellu vene.
27 Quellu chì, dunque, manghja u pane o beie a cuppa di u Signore in una manera indigna serà culpevule per u corpu è u sangue di u Signore. 28 Chì una persona si esaminessi, allora, è cusì manghja di u pane è beie di a tazza. 29 Per quellu chì manghja è beie senza discernisce u corpu manghja è beie ghjudiziu annantu à sè stessu.

1 Ghjuvanni 5: 1-5, Questu hè l'amore di Diu, chì guardemu i so cumandamenti

1 Ghjuvanni 5: 1-5 hè spessu cacciatu fora di u cuntestu. Certi associanu automaticamente i cumandamenti di Diu cù a lege mosaica (Torah) è affirmanu cusì chì Ghjuvanni ci dice di seguità a lege mosaica. Tuttavia, questu hè un torcimentu di e parole è l'intenzioni di Ghjuvanni chì hè evidenti da guardà u cuntestu generale di 1John. Fighjendu à 1John, i cumandamenti cumunicati appartenenu à a nova allianza è micca à l'antica. U cumandamentu di Diu hè riassuntu in 1Ghjuvanni 3:23 cume crede in u nome di Ghjesù Cristu è amassi l'unu l'altru. Fendu un sondaghju di u libru di 1 Ghjuvanni, i cumandamenti di Diu secondu Ghjuvanni hè (1) di crede in quale hè Ghjesù, (2) astenersi da u peccatu è da u male, (3) rispettà l'insignamenti di Ghjesù, (4) esse guidatu da u Spìritu è ​​(5) per amassi l'unu l'altru. Quessi sò i cumandamenti di Diu sottu a Nova Allianza chì Ghjuvanni hà riassuntu: 

I Cumandamenti di Diu secondu 1 Ghjuvanni

  1. Credi in quale hè Ghjesù (u Cristu, u Figliolu di Diu):  1John 1:1-3, 1John 2:1-2, 1John 2:22-25, 1Ghjuvanni 4: 2-3, 1Ghjuvanni 4:10, 1Ghjuvanni 4: 14-16, 1Ghjuvanni 5: 1, 1Ghjuvanni 5: 4-15, 1Ghjuvanni 5:20
  2. Astenevi da u peccatu è da u male (tenebre): 1John 1:5-10, 1John 2:15-17, 1John 3:2-10, 1John 5:16-19 
  3. Rispittà l'insignamenti di Ghjesù (cammina cum'ellu caminava): 1John 2:3-6, 1John 3:21-24
  4. Esse guidatu da u Spìritu (stà in l'unzione di Diu): 1John 2:20-21, 1John 2:27-29, 1Ghjuvanni 4:13
  5. Amatevi l'altri (amate u vostru fratellu): 1John 2:7-11, 1John 3:10-18, 1John 4:7-12, 1John 4:16-21

1 Ghjuvanni 5: 1-5 (ESV), Questu hè l'amore di Diu, chì guardemu i so cumandamenti

1 Tutti quelli chì credenu chì Ghjesù hè u Cristu sò nati da Diu, è tutti quelli chì amanu u Babbu amanu quellu chì hè natu da ellu. 2 Per questu sapemu chì amemu i figlioli di Diu, quandu amemu Diu è ubbidemu à i so cumandamenti. 3 Per questu hè l'amore di Diu, chì guardemu i so cumandamenti. È i so cumandamenti ùn sò micca pisanti. 4 Per tutti quelli chì sò nati da Diu vincenu u mondu. È questa hè a vittoria chì hà vintu u mondu - a nostra fede. 5 Quale hè chì supraneghja u mondu fora di quellu chì crede chì Ghjesù hè u Figliolu di Diu?

1 Ghjuvanni 3: 21-24 (ESV), Questu hè u so cumandamentu, chì cridemu in u nome di u so Figliolu Ghjesù Cristu è amiamoci l'altri

21 Amati, sì u nostru core ùn ci cundanna micca, avemu cunfidenza davanti à Diu; 22 è tuttu ciò chì dumandemu avemu da ellu, perchè guardemu i so cumandamenti è femu ciò chì li piace. 23 È questu hè u so cumandamentu, chì cridemu in u nome di u so Figliolu Ghjesù Cristu è amiamoci l'uni à l'altri, cum'è ellu ci hà urdinatu. 24 Quellu chì guarda i so cumandamenti stà in Diu, è Diu in ellu. È per questu sapemu chì ellu stà in noi, da u Spìritu ch'ellu ci hà datu.

1 Ghjuvanni 4: 20-21 (ESV), È questu cumandamentu l'avemu da ellu: quellu chì ama à Diu deve amà ancu u so fratellu

20 Sì qualchissia dice: "Amu Diu", è odia u so fratellu, hè un bugiardu; perchè quellu chì ùn ama micca u fratellu ch'ellu hà vistu ùn pò micca amà à Diu ch'ellu ùn hà micca vistu. 21 È questu cumandamentu l'avemu da ellu: quellu chì ama à Diu deve amà ancu u so fratellu.

2 Petru 3: 15-17, Paulu - alcune cose chì l'ignuranti è instabili giranu à a so propria distruzzione

Judaizes clam chì Petru si riferisce quì à quelli chì rifiutanu di seguità a Lege perchè parla in riferimentu à Paul è perchè riferisce questu à l'errore di e persone senza lege. Fighjendu in Lexicon BDAG per a parola greca atmosimu (ἄθεσμος), U significatu primariu appartene "à esse senza principii, imprudente, vergugnoso, senza legge. Lawless in questu cuntestu ùn hè micca necessariamente quelli chì ùn praticanu micca a Legge Mosaica, ma quelli chì sò senza principii è utilizanu i scritti di Paul cum'è licenza per vive in u peccatu.

Ciò chì dice in u versu 16, hè chì Petru dice chì hè u inestabile chì torcenu tali cose per a so distruzzione. A parolla greca quì per instabile hè astēriktos (ἀστήρικτος). Sta parolla hè aduprata solu un altru locu in u Novu Testamentu chì si trova ancu in u libru di 2 Petru, dunque u cuntestu ci duveria dà un'indicazione ulteriore di quale Petru si riferisce à quali sò quelli chì torcenu Paulu. 2 Petru 2:14 si riferisce à quelli chì seduce l'instabilità (astēriktos) anime cum'è quelli chì "anu l'ochji pieni d'adulteriu, insaziabuli per u peccatu" - avè cori "addestrati à l'avidità". In u stessu passaghju dice ancu chì "anu amatu u guadagnu da u male" (2Pet 2:15) è, "seducenu per passioni sensuali di a carne". (2Pet 2:18) Chjaramente in u cuntestu di 2 Petru, Petru si riferisce à quelli chì usanu i scritti di Paulu cum'è una licenza per campà in u peccatu cumprese l'immoralità sessuale è l'avidità. Questu ùn si riferisce micca à i cristiani chì campanu secondu l'insignamenti di Cristu, eppuru micca sottu à a Legge Mosaica.   

2 Petru 3: 15-17 ùn hè micca una licenza per rifiutà l'insignamenti di Paulu. Petru ùn dice micca ch'elli devenu trascurà l'insignamenti di Paulu, piuttostu li afferma dicendu: "U nostru caru fratellu Paulu ti hà ancu scrittu secondu a saviezza chì li hè stata data". (2Pet 3:15). Petru ùn invalida à Paulu - u cunferma. Avemu tanti insegnamenti espliciti da Paul in quantu à a comprensione curretta cumpresu u fattu chì ùn servemu micca sottu à l'antica manera di u codice scrittu ma à a nova manera di u Spiritu. (Rum 7: 6-7) E persone chì cuntinueghjanu à campà in u peccatu ùn servenu micca in a nova manera di u Spìritu cum'è Paul hà dettu: "Se vivi secondu a carne, murerete, ma se per u Spiritu site messu à morte. l'atti di u corpu, camparete ". (Rum 8:13). A lege di u Spìritu di vita ci hà liberatu in Cristu Ghjesù da a lege di u peccatu è di a morte. (Rom 8: 2)

2 Petru 3: 15-18 (ESV), Ci sò alcune cose in elle - chì l'ignurante è instabile si giranu per a so propria distruzzione

15 È cuntate a pazienza di u nostru Signore cum'è salvezza, cum'è u nostru caru fratellu Paulu ti hà scrittu ancu secondu a saviezza chì li hè stata data, 16 cum'è face in tutte e so lettere quand'ellu parla in queste di queste materie. Ci sò alcune cose in elli chì sò difficili da capì, chì l'ignuranti è instabili (astēriktos) Torcinu à a so propria distruzzione, cum'è facenu l'altri Scritture. 17 Dunque, amatu, sapendulu in anticipu, fate casu chì ùn siate micca purtatu cun l'errore di e persone senza lege è perde a vostra propria stabilità

2 Petru 2: 14-20 (ESV), Anu l'ochji pieni d'adulteriu, insaziabuli per u peccatu. Ingannanu anime instabili.

14 Anu l'ochji pieni d'adulteriu, insaziabuli per u peccatu. Ingannanu instabile (astēriktos) animi. Anu i cori addestrati à l'avidità. Zitelli maladetti! 15 Abbandunendu a strada ghjusta, sò andati à a strada. Anu seguitatu a via di Balaam, u figliolu di Beor, chì amava guadagnà da malfatte, 16 ma hè statu rimpruveratu per a so propria trasgressione; un sceccu senza parolle parlava cù voce umana è trattene a pazzia di u prufeta. 17 Si tratta di surgenti senza acqua è nebbie guidate da una timpesta. Per elli a tristezza di l'oscurità assoluta hè stata riservata. 18 Perchè, parlendu forte si vanta di fole, ingannanu per passioni sensuali di a carne quelli chì sò à pena di fughje da quelli chì campanu in errore. 19 Li prumettenu libertà, ma elli stessi sò schiavi di a curruzzione. Perchè tuttu ciò chì supera una persona, hè schiavu. 20 Perchè sì, dopu ch'elli anu scappatu da e contaminazioni di u mondu per mezu di a cunniscenza di u nostru Signore è Salvatore Ghjesù Cristu, sò torna impigliati in elli è superati, l'ultimu statu hè diventatu peghju per elli chè u primu.

Rumani 2:13, Ùn sò micca l'uditori di a lege - ma quelli chì facenu a lege chì seranu ghjustificati

Sì qualchissia puderia truvà un versu per suggerisce chì Paul sustene a lege, questu seria quellu. Facenu questu pigliendu questu cum'è un versu isolatu - fora di u cuntestu cù u puntu chì Paul face. Duvemu fighjà u cuntestu per capisce currettamente ciò chì e parolle di Paul quì devenu esse prese cum'è significatu. Claramente, Paulu si riferisce à a "lege" in un sensu liberu. Quì a "lege" hè aduprata per sprimà i principii guida di a moralità piuttostu cà a lege mosaica cum'è un inseme cumprese l'ordinanze specifiche di u codice scrittu. Hè solu in questu sensu chì quelli chì ùn anu micca a lege puderia esse dichjaratu chì "per natura facenu ciò chì a lege impone" (Rom 2: 14). Quelli principii generalizati di a lege sò ciò chì Paul riferisce cum'è "lege" - micca e 613 leggi levitiche chì sò state istituite da Mosè. Pudemu vede in Rumani 2: 8-9, Paulu face un cuntrastu trà quelli chì cercanu a salvezza (gloria è onore è immortalità) è quelli chì si cercanu sè stessi è ùn ubbidiscenu micca a verità, ma ubbidiscenu à l'inghjustizia. U cuntrastu hè trà quelli chì facenu boni versi quelli chì facenu u male senza cunsiderà à esse Ghjudeu o Gentile. (Rum 2: 9-10) Pàulu afferma chì Diu ùn mostra micca parzialità. (Rom 2:11) 

Cumu serà chì Diu chì ùn mostra micca parzialità, ghjustifichi quelli chì sò senza a lege? U Puntu chjave chì Paul face hè chì quelli chì sò di fede seguenu i principii più alti di a legge ancu se ùn seguitanu micca a legge à a lettera. Hè veramente pussibule per i pagani chì ùn anu micca a legge, di fà ciò chì a legge richiede. (Rum 2:14) Mostranu chì l'opera di a lege hè scritta nantu à u so core, mentre a so cuscenza testimonia ancu. (Rum 2:15) Paulu hà cridutu chì, se un omu chì ùn hè micca incircuncisu tene i precetti di a lege, a so incircuncisione serà cunsiderata cum'è circuncisione. (Rm 2:26) In cunclusione, Paulu hà cridutu chì un Ghjudeu hè unu per ellu, è a circuncisione hè una questione di core, da u Spìritu, micca da a lettera. (Rum 2:29) In verità, Rumani 2:29 furnisce una rifutazione diretta di quelli chì interpretanu male Rumani 2:13, cum'è Paul sustenendu a seguita di a Lege Mosaica. L'enfasi di Paul hè nantu à u Spìritu (micca a lettera) cumpresu avendu u core ghjustu, è rispettendu quelli principii più alti espressi da a legge. (Rom 2:29)

Rumani 2: 6-29 (ESV), Diu ùn mostra micca parzialità

6 Renderà à ognunu secondu e so opere: 7 à quelli chì per pacienza in u benestà cercanu a gloria è l'onore è l'immortalità, darà a vita eterna; 8 ma per quelli chì cercanu sè stessi è ùn ubbidiscenu micca a verità, ma ubbidiscenu à l'inghjustizia, ci serà l'ira è a furia. 9 Ci serà tribulazione è angoscia per ogni omu chì faci u male, u Ghjudeu prima è ancu u Grecu, 10 ma gloria è onore è pace per tutti quelli chì facenu u bè, u Ghjudeu prima è ancu u Grecu. 11 Perchè Diu ùn mostra micca parzialità.

Rumani 2: 12-16 (ESV), I pagani, chì ùn anu micca a lege, facenu per natura ciò chì a lege impone

12 Per tutti quelli chì anu fattu piccatu senza a lege perisceranu ancu senza a lege, è tutti quelli chì anu fattu piccati sottu a lege seranu ghjudicati da a lege. 13 Perchè ùn sò micca ghjusti davanti à Diu quelli chì ascoltanu a lege, ma quelli chì facenu a lege seranu ghjustificati. 14 For quandu i pagani, chì ùn anu micca a legge, per natura facenu ciò chì a legge richiede, sò una legge per se stessi, ancu se ùn anu micca a legge. 15 Mostranu chì u travagliu di a lege hè scrittu annantu à u so core, mentre a so cuscenza ne testimunieghja ancu, è i so penseri cuntrastanti li accusanu o ancu li scusanu 16 in quellu ghjornu chì, secondu u mo evangelu, Diu ghjudicheghja i secreti di l'omi da Cristu Ghjesù.

Rumani 2: 25-29 (ESV), a Circuncisione hè una questione di core, da u Spiritu, micca da a lettera

25 Perchè a circoncisione hè veramente un valore se ubbidite à a lege, ma se viulate a lege, a vostra circoncisione diventa incirconcisione. 26 Allora, se un omu chì ùn hè micca circuncisu tene i precetti di a lege, a so incircuncisione ùn serà micca cunsiderata cum'è circuncisione? 27 Allora quellu chì hè fisicamente incircuncisu, ma tene a lege, vi cundannerà chì avete u codice scrittu è a circoncisione ma viola a lege. 28 Perchè nimu hè un Ghjudeu chì hè solu unu fora, nè a circuncisione hè esterna è fisica. 29 Ma un Ghjudeu hè unu internu, è a circuncisione hè una questione di core, da u Spiritu, micca da a lettera. A so loda ùn vene micca da l'omu ma da Diu.

Isaia 56 - I stranieri - tutti quelli chì tenenu u sàbatu 

Judaizes indicanu à Isaia 56 chì appartene à a salvezza chì vene è chì u sàbatu di u settimu ghjornu deve esse praticatu per Ghjudei è stranieri (Isaia 56: 2, 4, 6). Ciò chì hè veru chì stu passaghju parla di un avvenimentu futuru quandu, "prestu a mo salvezza venerà è a mo ghjustizia serà rivelata". (Isa 56: 2) In effetti, a ghjustìzia chì avia da esse rivelata hè u Novu Cunventu per mezu di a nova lege chì dà, Ghjesù Cristu. Sia i Ghjudei sia i stranieri averanu accessu à sta nova ghjustizia per mezu di Cristu è stà in i so insegnamenti. Cunsidendu chì Isaia parla di una nova allianza, ùn parla micca di a lege mosaica in termini di sabbatu di u settimu ghjornu postu chì quellu modu di ghjustu era digià statu rivelatu in a lege. Si parla di u novu è vivu modu di osservà u sàbatu da u Spìritu Santu chì avemu accessu attraversu u sangue di Ghjesù. 

U principale generale di u sàbatu hè un tempu di riposu da u travagliu è di a devozione versu Diu. Pò appartene à ogni ghjornu o periodu di riposu. Ancu se quelli chì praticanu secondu l'antica lege è u codice scrittu presumenu chì questu hè u sàbatu di u settimu ghjornu, ùn ci hè nisuna ragione per leghje què in questu passaghju chì aspetta a salvezza è a ghjustizia chì vene. U sàbatu cum'è principale generale hè diversu da l'applicazione specifica di osservà particulari ghjorni santi. Ancu se i pagani ùn rispettanu micca u sàbatu secondu a lege mosaica, sò dite in a Scrittura per osservà i sàbati. (Hos 2: 11-13) Diu odia i Sabbati cundutti da un populu gattivu chì s'impegna in u male (Isa 1: 13-17) Malgradu u fattu chì i scribi è i Farisei celebravanu u sàbatu di u settimu ghjornu, Ghjesù li chjamò illegali per avè u aspettu di santità à l'esternu ma essendu impuru à l'internu. (Mat 23: 27-28)

Ùn prufanà u sàbatu hè di ùn trascurassi di mette da parte u tempu per a devozione à Diu è per medià nantu à e cose di Diu - micca chì deve esse osservatu secondu a lege mosaica o l'usi ghjudei. In Isaia, ciò chì si mette in risaltu hè di mantene a ghjustizia, di fà a ghjustizia, (Isa 56: 1) tenendu e mani da fà ogni male (Isa 56: 2), è di sceglie e cose chì piacenu à Diu (Isa 56: 4) Di novu u sàbatu in stu cuntestu hè di mantene a devozione è a preghera à Diu. Ghjesù hè u nostru megliu esempiu di cumu duvemu truvà u riposu in Diu secondu a nova manera di u Spìritu è ​​micca a vechja manera di u codice scrittu. 

I preti chì offrenu rigali secondu a lege servianu da copia è ombra di e cose celesti. (Ebre 8: 4-5) A lege ùn hà chè un'ombra di e cose à vene invece di a vera forma di ste realità. (Heb 10: 1) Chì nimu ùn vi ghjudichi in quistione di manghjà è di beie, o in quantu à una festa o una luna nova o un sàbatu - quesse sò l'ombra di e cose à vene, ma a sustanza appartene à Cristu . (Col 2: 16-17)

Isaia 56: 1-8 (ESV), Prestu a mo salvezza venerà, è a mo ghjustizia serà rivelata

1 Cusì dice u Signore:
"Mantene a ghjustizia, è fate a ghjustìzia,
perchè prestu vene a mo salvezza,
è a mo ghjustizia serà rivelata.
2 Beatu l'omu chì face quessa,
è u figliolu di l'omu chì a tene ferma,
chì tene u sàbatu, senza prufanallu,
è tene a so manu da fà ogni male."
3 Chì u furesteru chì si hè unitu à u Signore ùn dite micca:
"U Signore m'hà da separà di sicuru da u so populu";
è ùn lascià l'eunucu dì,
"Eccu, sò un arburu seccu".
4 Perchè cusì dice u Signore:
"À l'eunucchi chì tenenu i mo Sabbati,
chì sceglienu e cose chì mi piacenu
è tene forte a mo allianza,
5 Daraghju in a mo casa è in i mo muri
un munimentu è un nome
megliu cà figlioli è figliole;
Li daraghju un nome eternu
chì ùn serà micca tagliatu.
6 "È i furesteri chì si uniscenu à u Signore,
per aduttallu, per amà u nome di u SIGNORE,
è per esse i so servitori,
tutti quelli chì tenenu u sàbatu è ùn l'anu prufanatu,
è tene fermu u mo pattu-
7 quessi i purtaraghju nantu à a mo santa muntagna,
è fà li gioie in a mo casa di preghiera;
i so olocausti è i so sacrifizii
serà accettatu annantu à u mo altare;
perchè a mo casa serà chjamata casa di preghera
per tutti i populi ".
8 U Signore Diu,
chì raccoglie i cacciati d'Israele, dichjara,
«Cuglieraghju ancu altri per ellu
in più di quelli chì sò digià riuniti ".

Isaia 1: 13-17 (ESV), Luna nova è sabbatu - Ùn possu suppurtà l'iniquità è l'assemblea solenne

  13 Ùn portate più offerte vane;
L'incensu hè una abominazione per mè.
Luna nova è sàbatu è a chjama di cunvucazioni -
Ùn possu suppurtà l'iniquità è l'assemblea solenne.
14 E vostre lune nove è e vostre feste appuntate
a mo anima odia;
sò diventati un pesu per mè;
Sò stancu di purtalli.
15 Quandu stendi e mani,
Ti piatteraghju i mo ochji;
ancu sè vo fate parechje preghere,
Ùn averaghju micca à sente;
e to mani sò piene di sangue.
16 Lavate vi; fatevi puliti;
caccià u male di e to opere da davanti à i mo ochji;
cessà di fà u male,
17 amparà à fà u bè;
cercà ghjustizia,
oppressione curretta;
Rende ghjustizia à l'orfani,
invoca a causa di a vedova.

Colossesi 2: 16-23 (ESV), Un festival o una luna nova o un sàbatu - Queste sò una ombra di e cose à vene

16 Dunque, nimu vi ghjudicherà in quistione di manghjà è di beie, o in quantu à una festa, una luna nova o un sàbatu. 17 Queste sò una ombra di e cose à vene, ma a sustanza appartene à Cristu. 18 Chì nimu ùn vi squalifichi, insistendu nantu à l'ascetismu è u cultu di l'angeli, andendu in dettu nantu à visioni, sbuffati senza ragione da a so mente sensuale, 19 è micca tenendu fermu à a Testa, da quale tuttu u corpu, nutritu è ​​maglia inseme attraversu e so articulazioni è ligamenti, cresce cù una crescita chì vene da Diu.
20 Sì cun Cristu site mortu à i spiriti elementari di u mondu, perchè, cum'è se fussi sempre vivu in u mondu, vi sottumette à regulamenti- 21 "Ùn manighjà, Ùn tastà, Ùn toccu" 22 (riferendusi à e cose chì tutti periscenu mentre sò aduprate) - secondu i precetti è l'insignamenti umani? 23 Queste anu daveru un apparenza di saviezza in a prumuzione di a religione fatta da sè è di l'ascetismu è di a severità à u corpu, ma ùn anu nunda di valore per fermà l'indulgenza di a carne.

Isaia 66:17, in i giardini - manghjendu a carne di ping è l'abominazione è i topi

Judaizes puntanu à Isaia 66:17 cum'è un'indicazione chì e leggi dietetiche di l'Antica Testamentu Torah sò sempre in effetti rivendicendu una carne di maiale di associazione cù ciò chì hè abominabile. Stu versu, tratta di u cultu paganu. A riferenza à "Quelli chì si santificanu è si purificanu per andà in i giardini, dopu à unu in mezu" hè probabilmente appartenente à un Polu Asherah. Questi pali o à volte arbuli stilizati, stavanu cum'è un monumentu sacru è un tributu à a dea cananita, Asherah. Benchè manghjà carne è topi di porcu hè assuciatu à i populi pagani, manghjà porci è topi (ciò chì un tempu era cunsideratu impuru) ùn hè micca a ragione principale per chì ste persone finisceranu. Hè fundamentalmente perchè sò adoratori pagani è facenu ciò chì hè abominabile. Manghjà carne di topi è topi sò elencati à parte "l'abominazione". Questu indica qualunque sia "l'abominazione" hè peghju chè manghjà carne è topi di porcu postu chì a carne di porcu ùn hè micca chjamata "abominazione".

Chì nimu ùn vi ghjudichi in quistione di manghjà è di beie. (Col 2:16) Se cun Cristu site mortu per i spriti elementari di u mondu, perchè, cum'è se fussi sempre vivu in u mondu, vi sottumette à regulamenti - "Ùn manighjate micca, Ùn tastate micca, Ùn toccate micca. » (Col 2: 20-21) Attenti à quelli chì richiedenu l'astinenza da l'alimenti chì Diu hà creatu per esse ricevutu cun ringraziamentu da quelli chì credenu è cunnoscenu a verità -Per tuttu ciò chì hè statu creatu da Diu hè bonu, è nunda hè da rifiutà s'ellu hè ricevutu cun ringraziamentu, perchè hè resu santu da a parolla di Diu è a preghiera. (1 Tim 4: 1-5) Quandu Ghjesù hà dichjaratu, "tuttu ciò chì entra in una persona da fora ùn pò micca impurallu, postu chì ùn entre micca in u so core ma in u stomacu, è hè espulsu", hà dichjaratu chì tutti i cibi sò puliti. (Mark 15-19) Ellu disse: "Ciò chì esce da una persona hè ciò chì a contamineghja - Perchè da l'internu, da u core di l'omu, venenu penseri maligni, immoralità sessuale, furti, omicidi, adulteriu, brama, malvagità, ingannu , sensualità, invidia, calunnia, orgogliu, scimità ". (Mark 7: 21-22) Tutte queste cose malvagie venenu da l'internu, è contaminanu una persona. (Marcu 7:23)

Isaia 66:17 (ESV), Quelli chì si santificanu è purificanu per andà in i giardini, seguitendu unu in mezu

17 "Quelli chì si santificanu è si purificanu per andà in i giardini, seguitendu unu in mezu, manghjendu carne di porcu, l'abominazione è i topi, finisceranu inseme, dice u Signore.

Colossesi 2: 16-23 (ESV), Dunque ùn lasciate nimu ghjudicà nantu à voi in quistioni di manghjà è di beie

16 Dunque, nimu vi ghjudicherà in quistione di manghjà è di beie, o in quantu à una festa, una luna nova o un sàbatu. 17 Queste sò una ombra di e cose à vene, ma a sustanza appartene à Cristu. 18 Chì nimu ùn vi squalifichi, insistendu nantu à l'ascetismu è u cultu di l'angeli, andendu in dettu nantu à visioni, sbuffati senza ragione da a so mente sensuale, 19 è micca tenendu fermu à a Testa, da quale tuttu u corpu, nutritu è ​​maglia inseme attraversu e so articulazioni è ligamenti, cresce cù una crescita chì vene da Diu.
20 Sì cun Cristu site mortu à i spiriti elementari di u mondu, perchè, cum'è se fussi sempre vivu in u mondu, vi sottumette à regulamenti- 21 "Ùn manighjà, Ùn tastà, Ùn toccu" 22 (riferendusi à e cose chì tutti periscenu mentre sò aduprate) - secondu i precetti è l'insignamenti umani? 23 Queste anu daveru un apparenza di saviezza in a prumuzione di a religione fatta da sè è di l'ascetismu è di a severità à u corpu, ma ùn anu nunda di valore per fermà l'indulgenza di a carne.

1 Timuteu 4: 1-5 (ESV), Tuttu ciò chì hè statu creatu da Diu hè bonu, è nunda ùn deve esse rifiutatu s'ellu hè ricevutu cun ringraziamentu

1 Avà u Spìritu dice espressamente chì in tempi più tardi alcuni si alluntananu da a fede dedicendu si à spiriti ingannevuli è à l'insignamenti di i dimònii, 2 attraversu l'insincerità di bugiardi chì anu cacciatu a cuscenza, 3 chì pruibenu u matrimoniu è richiede l'astinenza da l'alimenti chì Diu hà creatu per esse ricevuti cun ringraziamentu da quelli chì credenu è cunnoscenu a verità. 4 Perchè tuttu ciò chì hè statu creatu da Diu hè bonu, è nunda ùn deve esse rifiutatu s'ellu hè ricevutu cun ringraziamentu, 5 perchè hè santificatu da a parolla di Diu è di a preghera.

Mark 7: 14-23 (ESV), Ùn ci hè nunda fora di una persona chì, andendu in ellu, li possi imbruttà

14 È chjamò torna a ghjente à ellu, è li disse: Sintitemi, voi tutti, è capite: 15 Ùn ci hè nunda fora di una persona chì, andendu in ellu, li possa imbruttà, ma e cose chì esce da una persona sò ciò chì l'imbruta.. " 17 Quand'ellu intrì in casa è lasciò a ghjente, i so discìpuli li dumandonu a parabola. 18 È li disse: «Allora site ancu voi senza capisce? Ùn vedite micca chì tuttu ciò chì entra in una persona da fora ùn pò micca impurità lu, 19 postu chì ùn entre micca in u so core ma in u so stomacu, è hè espulsu? " (Cusì hà dichjaratu tutti l'alimenti puliti). 20 È hà dettu: "Ciò chì esce da una persona hè ciò chì u profana. 21 Perchè da l'internu, da u core di l'omu, venenu penseri maligni, immoralità sessuale, furti, omicidi, adulteriu, 22 brama, gattivera, ingannu, sensualità, invidia, calunnia, orgogliu, scimità. 23 Tutte queste cose maligne venenu da l'internu, è contaminanu una persona ".

Zaccaria 14: 15-19, A punizione per tutte e nazioni chì ùn cullanu micca per tene a Festa di e Casine

Zaccaria 14: 16-19 parla di u ghjornu chì vene di u Signore. Questu hè dopu un periodu di tribulazione è appartene à i sopravviventi di tutte e nazioni chì sò venute contr'à Ghjerusalemme. Stu passaghju parla di una maladizzione di caristia è peste à quelli chì ùn culleranu micca in Ghjerusalemme per tene a Festa di e Casette (Festa di i Tabernaculi). Sta festa, celebrata à a fine di a stagione di a racolta, implica di campà in capanne timpuranee per sette ghjorni. In a Legge Mosaica, tutti i nativi israeliti duvianu abità in cabine, affinchì e so generazioni sapessinu chì Diu hà fattu campà u populu d'Israele in cabine quandu li hà fattu uscì da u paese d'Egittu. (Lev 23: 42-43) Sicondu Zaccaria 14, serà osservatu currettamente solu in Ghjerusalemme. Parechji chì sustenenu seguità e feste è i ghjorni, cumpresu a festa di e Casette (Sukkot) ùn viaghjanu micca in Ghjerusalemme per osservà a festa in un modu chì sia conforme à a prufezia di Zaccaria 14: 15-19.  

In u cuntestu di a prufezia, pare esse una pena per quelle nazioni chì eranu prima nemichi di Israele, per pudè ricunnosce u Diu d'Israele. Questa esigenza ùn hè micca necessaria universale è ùn si applica micca à l'era attuale, ancu se pare chì si applicherà dopu a tribulazione in u regnu millenariu di Cristu. Benchì festi particulari ponu esse istituiti è prescritti in una epoca futura, questu ùn significa micca chì queste feste si applichinu universalmente in l'età attuale. Quandu Ghjesù piglia u putere, quelli chì sò in u so regnu seranu felici di participà à qualsiasi tradizioni è osservanze ch'ellu stabilisca. Quandu Ghjesù torna, regnerà cum'è rè nantu à tutte e nazioni è a ghjente ubbidiscerà secondu e regule ch'ellu stabilisce chjaramente. 

Cum'è credenti in u Vangelu, dicemu chì unu hè ghjustificatu da a fede fora di l'opere di a lege. (Rom 3:28). Sapemu chì una persona ùn hè micca ghjustificata da opere di a lege, ma per via di a fede in Ghjesù Cristu, cusì avemu ancu cridutu in Cristu Ghjesù, per esse ghjustificati da a fede in Cristu è micca da l'opere di a lege, perchè per opere di a lege nimu serà ghjustificatu. (Gal 2:16) In Cristu sterminemu l'antica via dopu avè mortu per a lege, per pudè campà per Diu per fede in u Figliolu di Diu, chì ci hà amatu è si hè datu per noi. (Gal 2: 18-20)  Tutti quelli chì s'appoghjanu nantu à l'opere di a lege sò sott'à una maladizzione. (Gal 3:10). I ghjusti campanu per fede è a lege ùn hè micca di fede. (Gal 3: 11-12) In Cristu Ghjesù a benedizzione d'Abràhamu hè ghjunta à i pagani, per pudè riceve u Spiritu prumessu per mezu di a fede. (Gal 3:14) Chì nimu ùn vi ghjudichi in quistione di manghjà è di beie, o in quantu à una festa o una luna nova o un sàbatu - Queste sò una ombra di e cose à vene, ma a sustanza appartene à Cristu . (Col 2: 16-17)

Zaccaria 14: 16-19 (ESV), a punizione per tutte e nazioni chì ùn cullanu micca per tene a Festa di e Casette

16 Allora tutti quelli chì sopravvivenu di tutte e nazioni chì sò ghjunti contr'à Ghjerusalemme cullerà annu dopu annu per adurà u Rè, u Signore di l'armate, è per tene a festa di e tende. 17 È sì qualchissia di e famiglie di a terra ùn culla in Ghjerusalemme per adurà u Rè, u Signore di l'armate, ùn ci serà micca pioggia nantu ad elli. 18 È sì a famiglia di l'Egittu ùn culla micca è ùn si prisenta, allora ùn ci sarà pioggia nantu à elli. ci sarà a pesta cù chì u SIGNORE affligi e nazioni chì ùn cullanu micca per tene a festa di e tende. 19 chistu serà a punizione per l'Egittu è a punizione per tutte e nazioni chì ùn cullanu micca per tene a festa di e tende.

Rumani 3:28 (ESV), Unu hè ghjustificatu da a fede fora di l'opere di a lege

28 For dicemu chì unu hè ghjustificatu da a fede fora di l'opere di a lege.

Galati 2: 16-21 (ESV), Avemu cridutu in Cristu Ghjesù, per esse ghjustificati da a fede in Cristu è micca da l'opere di a lege

15 Simu noi stessi Ghjudei di nascita è micca peccatori pagani; 16 added sapemu chì una persona ùn hè micca ghjustificata da opere di a lege, ma per via di a fede in Ghjesù Cristu, cusì avemu ancu cridutu in Cristu Ghjesù, per esse ghjustificati da a fede in Cristu è micca da l'opere di a lege, perchè per opere di a lege nimu serà ghjustificatu. 17 Ma sì, in u nostru sforzu per esse ghjustificati in Cristu, ancu noi simu stati trovati peccatori, hè Cristu allora un servitore di u peccatu? Certamente micca! 18 Perchè se ricostruu ciò chì aghju strappatu, mi provu di esse un trasgressore. 19 Per via di a lege, sò mortu per a lege, per pudè campà per Diu. 20 Sò statu crucifissu cù Cristu. Ùn sò più eiu chì campu, ma Cristu chì stà in mè. È a vita ch'e campu avà in a carne a campu per fede in u Figliolu di Diu, chì m'hà amatu è si hè datu per mè. 21 Ùn annullà micca a gràzia di Diu, perchè sì a ghjustìzia era attraversu a lege, allora Cristu hè mortu senza scopu.

Galati 3: 10-14 (ESV), A lege ùn hè micca di fede

10 For tutti quelli chì s'appoghjanu nantu à l'opere di a lege sò sott'à una maladizzione; perchè hè scrittu: "Maladettu sia quellu chì ùn rispetta micca tuttu ciò chì hè scrittu in u Libru di a Lege, è li faci". 11 Avà hè evidenti chì nimu hè ghjustificatu davanti à Diu da a lege, perchè "U ghjustu camparà per fede". 12 Ma a lege ùn hè micca di fede, piuttostu "Quellu chì li face camperà per elle". 13 Cristu ci hà liberatu da a maladizzione di a lege diventendu una maladizzione per noi- Perchè hè scrittu: "Maladettu hè quellu chì hè impiccatu à un arburu" - 14 cusì in Cristu Ghjesù a benedizzione d'Abràhamu puderia vene à i pagani, per pudè riceve u Spiritu prumessu per mezu di a fede.

Colossenses 2: 16-17 (ESV), Let nimu vi ghjudicheghja in quantu à una festa o una luna nova o un sàbatu

16 Dunque, nimu vi ghjudicherà in quistione di manghjà è di beie, o in quantu à una festa, una luna nova o un sàbatu. 17 Queste sò una ombra di e cose à vene, ma a sustanza appartene à Cristu.