Restaurazione di u Cristianesimu Apostolicu di u I Seculu
Novu Testamentu Scrittu in Grecu
Novu Testamentu Scrittu in Grecu

Novu Testamentu Scrittu in Grecu

I scritti Apostolici di u Novu Testamentu sò stati scritti in grecu

 A preponderanza di l'evidenza hè chì i manoscritti di u Novu Testamentu sò stati uriginati in grecu cù e solu eccezioni possibili di Matteu è Ebrei. 

Distinguitu eruditu FF Bruce, in I Libri è i Pergamini

«A lingua a più adatta per a propagazione di stu missaghju seria naturalmente quella più cunnisciuta in tutte e nazioni, è sta lingua era pronta à a manu. Era a lingua greca, chì, à l'epica in cui u Vangelu cuminciò à esse proclamatu trà tutte e nazioni, era una lingua à fondu internaziunale, parlata micca solu intornu à e coste Egee, ma in tuttu u Mediterraniu orientale è in altre zone ancu. U grecu ùn era una lingua strana per a chjesa apostolica ancu in i tempi quandu era limitata à Ghjerusalemme, perchè l'appartenenza à a primitiva chjesa di Ghjerusalemme includia Ghjudei di lingua greca è Ghjudei di lingua aramaica. Sti cristiani ebrei di lingua greca (o ellenisti) sò mintuvati in Atti 6: 1, induve si leghje chì si lagnavanu di l'attenzione ineguale prestata à e veduve di u so gruppu in cuntrastu cù quelle di i Ghjudei o di i Ghjudei di lingua aramaica. Per rimediate à sta situazione, sette omi sò stati numinati per incaricassi di ella, è nutevuli chì (per ghjudicà secondu i so nomi) tutti i sette eranu di lingua greca "(p.49).

~

«Paulu, pudemu dì, vene à pocu pressu à mezu caminu trà i stili vernaculari è più literarii. L'Epistola à l'Ebrei è a Prima Epistola di Petru sò veri opiri litterarii, è gran parte di u so vucabulariu deve esse capitu cù l'aiutu di un lessicu classicu piuttostu ch'è quellu chì s'appoghja nantu à fonti non literarie. I Vangeli cuntenenu più grechi vernaculari, cume ci puderiamu aspettà, postu chì riportanu tanta conversazione da a ghjente cumuna. Questu hè veru ancu di u Vangelu di Luke. Luke stessu era maestru di un bellu stile literariu literariu, cumu pare da i primi quattru versi di u so Vangelu, ma in u Vangelu è in l'Atti adatta u so stile à i persunagi è e scene ch'ellu ritratta »(p.55-56).

Novu dizziunariu biblicu

"A lingua in chì i documenti di u Novu Testamentu sò stati cunservati hè u" grecu cumunu "(koine), chì era a lingua franca di e terre di u Vicinu Oriente è di u Mediterraniu à l'epica Rumana" (p.713)

~

"Avendu cusì riassuntu e caratteristiche generali di u Grecu di u Novu Testamentu, pudemu dà una breve caratterizazione di ogni autore individuale. Mark hè scrittu in u grecu di l'omu cumunu. . . . Matteu è Luke usanu ognunu u testu Markan, ma ognunu corregge i so solecisimi, è prune u so stile. . . U stilu propiu di Matteu hè menu distintu cà quellu di Luke - scrive un grecu grammaticale, sobriu ma cultivatu, eppuru cù qualchì Septuagintalismu marcatu; Luke hè capace di uttene momentaneamente grandi altezze di stile in a tradizione attica, ma manca di u putere di sustene queste; si lampa longu à u stilu di e so fonti o à una koine assai umile.

~

«Pàulu scrive un grecu di forza, cù sviluppi nutevuli di stile trà a so prima e l'ultime Epistole. . . . Ghjacumu è I Petru mostranu entrambi una stretta cunniscenza cù u stile classicu, ancu se in a prima si pò vede ancu un grecu assai 'ebreu'. L'Epistole Ghjuvannine sò assai simili à i Vangeli in lingua. . . Jude è II Petru mostranu tramindui un grecu assai tortuoso implicatu. . . L'Apocalipse, cum'è l'avemu indicatu, hè sui generis in lingua è in stile: u so vigore, putenza è successu, ancu se un tour de force, ùn ponu esse negati »(p.715-716).

~

"In riassuntu, pudemu dichjarà chì u grecu di u Novu Testamentu hè cunnisciutu da noi oghje cum'è una lingua" capita da u populu ", è chì hè stata aduprata cù gradi variabili di uttenimentu stilisticu, ma cun un impetu è vigore, per sprimà in questi documenti un messagiu chì, quantunque, per i so predicatori era continuu cù quellu di e Scritture di l'Anticu Testamentu - un missaghju di un Diu vivu, cuncernatu per a bona relazione di l'omu cun ellu stessu, chì furnisce di ellu stessu i mezi di riconciliazione ".

Luke-Atti hè statu scrittu in grecu in Alessandria

I testi grechi affirmanu chì Luca hè statu scrittu in Alessandria (una regione di lingua greca)

Colofoni in grecu unicu K è minuscule 5, 9, 13, 29, 124 è 346 datanu u so Vangelu à u 15u annu dopu à l'Ascensione, sò stati scritti in Alessandria.

E prime versioni di u siriacu (aramea Peshitta) attestanu chì Luca è l'atti sò stati scritti in grecu in Alessandria

Almenu dece manoscritti di a Peshitta anu colofoni affermendu chì Luke avia scrittu u so Vangelu in Alessandria in grecu; culofoni simuli si ponu truvà in i manoscritti Boharici C1 è E1 + 2 chì a data à l'11 o 12 annu di Claudis: 51-52 AD[1] [2] [3]

[1] Henry Frowde, Versione Copta di u NT in u Dialettu Nordu, Vol. 1, Oxford, Clarendon Press, 1898), liii, lxxxix

[2] Philip E. Pusey è George H. Gwilliam eds. Tetraeuangelium santum justa simplicity Syrorum versionem, (Oxford: Clarendon, 1901), p. 479

[3] Constantin von Tischendorf, Novum Testamentum Graece, Vol. 1, (Leipzing: Adof Winter, 1589) p.546

Traduzzione parallella di Peschito, Luke è prologu, https://amzn.to/2WuScNA

Luke era furmatu in grecu

Luke u duttore, chì hà scrittu u Vangelu di Luca è u libru di l'Atti, era un medicu assai furmatu chì evidentemente era furmatu in u so mistieru in Alessandria d'Egittu. Indirizza u so Vangelu à "eccellente Teofilu" (Luca 1: 3), cume face ancu u libru di l'Atti (Atti 1: 1). Teofilu, hè senza dubbitu un termine grecu. U Vangelu di Luca è u libru di l'Atti sò stati senza dubbiu scritti da Luca in lingua greca. Luke scriveva principalmente per u mondu Gentile di lingua greca.

San Luca. Regnu Unitu: H. Frowde, 1924. Link di Libru

«Se ne vultemu à e dumande secondarie di u stilu litterale è di u metudu di trattà i so temi, ùn pudemu micca esse colpiti da a vera bellezza di u Vangelu di Luca. Hà un cumandu di bon grecu micca pussedutu da alcunu di l'altri evangelisti. Cum'è un campione di cumpusizione pura, a so prefazione hè u pezzu di scrittura u più finitu chì si trova in u Novu Testamentu. A so narrazione quì, è dinò in Atti, scorre cù una facilità è una grazia ineguagliate da qualsiasi altra scrittura storica di u Novu Testamentu. Hè un fattu curiosu chì Luke, chì pò scrive u megliu grecu di tutti l'evangelizatori, hà passaghji più ebraici in spiritu è ​​in lingua chè tuttu ciò chì cuntene in l'altri evangeli ". 

Novu dizziunariu biblicu (p.758)

«Hè generalmente ammessu chì Luke hè l'autore u più literariu di u Novu Testamentu. U so prologu prova ch'ellu hà sappiutu scrive in grecu irrepruvabile, puru, literariu "-. Era un paganu ... Da u stilu litterariu di Luke è Atti, è da u caratteru di u cuntenutu di i libri, hè chjaru chì Luke era un grecu ben educatu ".

U latinu di 1 Clemente afferma u grecu di Luca

Pocu dopu Petru è Paulu sò stati marturiati durante a persecuzione neruniana di u 65, Clemente di Roma hà scrittu a so Epistola à a chjesa di Corintu. Postu ch'ellu avia citatu Luke 6: 36-38 è 17: 2 in a so epistola, sia e chjese di Roma sia di Corintu devianu avè cunnisciutu questu Vangelu à a fine di l'anni 60. Cusì, l'anticu testu latinu di Luca furnisce un standard di paragone per ghjunghje à u testu grecu originale di stu Vangelu. 

Luke-Acts cita da l'Anticu Testamentu di a Settanta Greca

E citazioni di l'Anticu Testamentu in Luke è Atti sò largamente da a Septuaginta Greca. 

Atti hè statu scrittu in grecu

Atti, chì hè di u listessu autore chì Luke, hè statu scrittu in grecu per i listessi motivi chì Luke era. E referenze à a lingua ebraica in u libru di l'Atti eliminanu essenzialmente l'ebraicu cum'è lingua originale per quellu libru.

Ghjuvanni hè statu scrittu in grecu in Efese

Ghjuvanni hè statu scrittu in Efesu (una regione greca)

Ireneu hà scrittu in u libru 11.1.1 di Contra Erezie chì l'apòstulu Ghjuvanni avia scrittu u so Vangelu in Efesu (una regione greca) è ch'ellu campava in u regnu di Traianu. (98 d.C.) Efesu era à mezu à una regione di lingua greca, è Ghjuvanni scrivia per tutta a Chjesa, micca solu per i Ghjudei di Ghjerusalemme.

Eusebiu cita Irineu ancu in quantu à a scrittura di i vangeli, cusì:

"Infine, Ghjuvanni, u discìpulu di u Signore, chì s'era appughjatu à u so pettu, hà presentatu una volta di più u Vangelu, mentre stava in Efese in Asia" (p.211).

Manuscriti arameai attestanu chì Ghjuvanni hà scrittu u Vangelu in grecu mentre era in Efese

L'Insegnamentu Siriacu di l'Apostuli è l'abbunamenti in SyP i manuscritti 12, 17, 21 è 41 dicenu ancu chì Ghjuvanni hà scrittu u Vangelu in grecu mentre era in Efese. A versione siriaca (aramea) di Ghjuvanni hà numerose letture chì ùn sò supportate da alcun altru testu. 

Altre Indicazioni chì Ghjuvanni era scrittu in grecu

Ghjuvanni hè statu scrittu assai tardi in u primu seculu. À quellu tempu a grande maggioranza di i cristiani parlavanu grecu. U Vangelu hè scrittu in bonu grecu.

A maggior parte di e citazioni dirette di Ghjuvanni ùn sò micca d'accordu esattamente cù alcuna versione cunnisciuta di e Scritture ebraiche.[1]

U Vangelu interduce cuncetti da a filusufia greca cum'è u cuncettu di e cose chì esistenu per via di u LogosIn a filosofia greca antica, u termine logos significava u principiu di a ragione cosmica.[2] In questu sensu, era simile à u cuncettu ebraicu di Sapienza. U filosofu Ghjudeu Ellenisticu Filone hà unitu questi dui temi quandu hà descrittu u Logos cum'è creatore di Diu è mediatore cù u mondu materiale. Sicondu Stephen Harris, u Vangelu hà adattatu a descrizzione di Filone di u Logos, appiicendula à Ghjesù, l'incarnazione di u Logos.[3]
 

[1] Menken, MJJ (1996). Citazioni di l'Anticu Testamentu in u Quartu Vangelu: Studii in Forma Testuale. Editori Peeters. ISBN , p11-13

[2] Greene, Colin JD (2004). Christology in Culture Perspective: Marcà fora l'Orizzonti. Cumpagnia di Edizione Eerdmans. ISBN 978-0-8028-2792-0., p37-

[3] Harris, Stephen L. (2006). Capisce a Bibbia (7a ed.). McGraw-Hill. ISBN 978-0-07-296548-3, p 302-310

 

Mark hè statu scrittu in Roma in lingua rumana

Marcu scrittu in Roma per u benefiziu di a chjesa rumana

Sicondu i primi vescovi cumpresi Papias di Hierapolis è Ireneu di Lione, Mark l'evangelizatore era l'interprete di Petru in Roma. Hà scrittu tuttu ciò chì Petru hà insignatu nantu à u Signore Ghjesù. À a fine di u 2u seculu, Clemente d'Alessandria hà scrittu in i so Iputopositi chì i Rumani anu dumandatu à Mark di "lascialli un munimentu in scrittura di a duttrina" di Petru. Tutte queste antiche autorità anu accettatu chì u Vangelu di Mark era scrittu in Roma per u benefiziu di a chjesa rumana. 

Mark era scrittu in lingua rumana era micca Aramea o Ebreu

SyP hà una nota à a fine di Marcu chì dice chì hè stata scritta in Roma in lingua rumana.[1] Manuscritti Bohairici C1, D1, è E1 da u nordu di l'Eggittu anu un colofonu simile.[2] Unicals grechi G è K più minusculi manoscritti 9. 10, 13, 105, 107, 124, 160, 161, 293, 346, 483, 484 è 543 anu a nota in piè di pagina, "scritta in Rumanu in Roma".[3] U grecu era a lingua primaria di l'Italia di u Sud è di a Sicilia. U latinu predominava in Roma stessa. Da l'Epistole di Paul è Petru, ci eranu parechje in Roma induve eranu fluenti in grecu, cum'è Silvanu, Luca è Timoteu. Sembra chì Mark stia servendu da Petru in i cunvertiti rumani chì parlavanu grecu è latinu. A maiò parte di i studiosi credenu chì Mark era scrittu in grecu è uni pochi suggerenu chì era scrittu in latinu. Ciò chì hè chjaru chì ùn era micca scrittu in ebraicu o in aramea. 

[1] Philip E. Pusey è George H. Gwilliam eds. Tetraeuangelium santum justa simplicity Syrorum versionem, (Oxford: Clarendon, 1901), p314-315. 

[2] (Henry Frowde, Versione Copta di u NT in u Dialettu Nordu, Vol. 1, (Oxford, Clarendon Press, 1898), I, Ii, lxii, lxxvii)

[3] Constantin von Tischendorf, Novum Testamentum Graece, Vol. 1, (Leipzing: Adof Winter, 1589) p.325

Matteu piglia da Marcu (una fonte greca non ebraica) è hè statu scrittu in grecu

U Vangelu di Matteu hè statu scrittu dopu à u Vangelu di Mark hè statu scrittu è prubabile prima di u 70 d.C. (l'annu di a distruzzione di u Tempiu in Ghjerusalemme). Matteu hè chjaramente dipindenti di Mark per a maiò parte di u so cuntenutu postu chì 95% di u Vangelu di Mark si trova in Matteu è 53% di u testu hè verbatim (parolla per parolla) da Mark. U Vangelu hè attribuitu à Matteu per via di a presunzione chì una parte di u materiale di origine unicu pò esse venutu da Matteu (un discepulu di Ghjesù chì era prima un publicanu) ancu se a maiò parte di u materiale di origine hè di u Vangelu di Mark cum'è parechji u vedenu hè un abbellimentu annantu à Mark. Alcuni studiosi credenu chì Matteu hè statu uriginale scrittu in una lingua semitica (ebraica o arameaica) è hè statu dopu traduttu in grecu. Hè attestatu da i babbi di a chjesa chì ci era una versione aramaica (o ebraica) in più di u grecu. E porzioni pigliate da Marcu forse sò state prima tradutte da u grecu à l'arameu (o ebraicu). A prima copia cumpleta di Matteu chì ferma hè in grecu di u IV seculu.

Ciò chì hè chjaru hè chì Matteu hè a cumbinazione di materiali di origine piuttostu cà quella di un solu discìpulu o fonte. Matteu ùn hè micca strutturatu cum'è una narrazione storica cronologica. Piuttostu, Matteu hà blocchi alternanti di insegnamentu è blocchi di attività. L'attribuzione à u Vangelu "secondu Matteu" hè stata aghjunta l'ultima. E prove di l'attribuzione di u babbu di a Chjesa à Matteu si stendenu finu à u secondu seculu. Hà una custruzzione artificiale chì incarna una struttura literaria cuncepita cù sei blocchi maiò di insegnamentu.

 

Donald Senior, U Vangelu di Matteu, Abingdon Press, 1977, p. 83

U fattu chì l'evangelu di Matteu, cum'è l'avemu avà, era evidentemente scrittu in grecu, è l'evidenza chì hà utilizatu Marcu com'è fonte è pò esse scrittu in l'ultimu quartu di u primu seculu, sò tutti motivi forti per dubbità chì u Ghjudeu palestinianu è perceptore d'imposti Matthew puderia esse u so autore. Per quessa, ùn saria micca prudente di piglià cunclusioni annantu à u significatu di l'evangelu nantu à a basa di u so autore apostolicu solu ...

L'evidenza interna ùn porta micca à una identificazione più precisa di l'autore di l'evangelu. U riccu usu di l'Evangelu di citazioni è tipulugia di l'Anticu Testamentu, a so preoccupazione per i prublemi ebraici, cum'è l'interpretazione di a lege, u so tentativu manifestu di cunnetta a storia di Ghjesù cù a storia d'Israele, è ancu a so forte polemica cù i dirigenti ebrei chì hà u atmosphère d'une lutte intestine - toutes ces caractéristiques de l'Évangile suggèrent qu'il a été composé en grec et son bon style grec, en particulier par rapport à celui de sa source importante Marc, que Matthieu améliore souvent, suggèrent en outre que l'auteur était un hellénistique. Ghjudeu, vale à dì quellu chì era in casa in u mondu greco-rumanu. ... I cumenti favurevuli di Matteu nantu à u "scribe ... furmatu per u regnu di i celi" (Matt 13:52) è a natura pensativa è urdinata di a so narrazione di l'evangelu pò indicà chì l'evangelista era ellu stessu un scriba ebreu, chì hè un ebreu intelligente è educatu. Christian immerse in e tradizioni di u Ghjudaismu è preoccupatu di l'interpretazione di queste tradizioni à a luce di a so fede in Ghjesù cum'è u Messia è u Figliolu di Diu. 

Theodore H. Robinson, L'Evangelu di Matthew, Harper and Brothers Publishers, 1927

Stu evangelistu s'hè basatu largamente nantu à una cullizzioni di passaghji di l'Anticu Testamentu chì sò stati scelti cum'è utili per scopi di scusa quandu discutanu cù i Ghjudei. Allusion hè digià stata fatta à una dichjarazione attribuita à Papias da Eusebius. Ceci dit : « Matthieu, donc, a compilé les oracles (« logia ») en langue hébraïque. È ognunu li interpretava cum'ellu pudia "(ap. Eusebiu, Hist. Eccles., ill. 39)... Ci hè lasciatu, dunque, cù u suggerimentu più naturali, à dì chì "logia" significa l'Anticu Testamentu. L'opera attribuita da Papias à Matteu ùn serà micca una trascrizione di tuttu l'Anticu Testamentu ; chì va senza dì. Ma pò esse statu una cullizzioni di oraculi chì trattanu di u Messia, cum'è puderia esse usatu da u Cristianu per pruvà à u Ghjudeu chì Ghjesù era u Cristu. Sapemu chì tali cullezzione eranu attuali in u terzu seculu, è chì passavanu in a chjesa occidentale sottu u nome di "Testimonies", ma in a chjesa ebraica a necessità di elli seria immediata è urgente. A megliu spiegazione di a lingua di Papias pare chì Matteu hà preparatu una tale cullizzioni di "Testimonii", utilizendu u testu ebraicu, è chì ogni persona traduce per ellu stessu cum'ellu avia bisognu. (pagina xvi-xv)

Mentre chì ci hè, sicuru, una grande quantità di aramaicu sottu à u nostru Vangelu, in particulare in i discorsi è e conversazioni, hè perfettamente chjaru - sia solu da l'usu fattu di Marcu - chì ùn hè micca una traduzzione da un originale semiticu cumpletu. Deve avè ghjuntu à a so forma attuale in lingua greca. (xv)

Un studiu di e citazioni di l'Anticu Testamentu in l'evangelu mette in luce sta rimarca di Papias. Ci sò più di vinti citazioni in quelli parte di Matteu chì sò derivati ​​​​da Marcu, è cù una pussibuli eccezzioni (Matteu 26: 31) tutti parenu seguità u testu di a LXX. Un casu interessante hè Matteu 13: 14, 15, induve Marcu hà una riferenza libera, mentre chì Matteu hà una citazione cumpleta da u testu grecu. Solu dui di sti avvenimenti arregistrati da Mark sò citati da ellu cum'è cumpiimentu direttu di a prufezia, Matteu 3: 3 è Matteu 13: 14, 15. Q cuntene appena una meza duzina di tali citazioni, è di questi solu quelli chì si trovanu in a narrativa di Tentazione. sò pigliati da a LXX, u restu essendu riferimenti un pocu sciolti piuttostu cà citazioni dirette. (pagina xv-xvi)

Matteu inserisce trè citazioni (tutte citate cum'è profezia cumpleta) in passaghji chì ellu deriva da Marcu, è nimu di questi hè pigliatu da a LXX. In Matt 8: 17 è Matt 13: 35 avemu una resa completamente indipendente di u testu ebraicu, è in Matt 11: 5 avemu una citazione chì hè vicinu à a LXX, ma hè sempre più vicinu à a MT In i passaggi "particulari" di Matteu. avemu sette passaggi citati cum'è prufezia cumprita, di quale solu unu (Matt 1:23, enfatizendu a parolla 'vergine') hè pigliatu da u testu grecu, è ancu quì a formulazione ùn hè micca identica. In l'altri sei a citazione hè o una traduzzione indipendente da u MT o da qualchì testu ebraicu chì difiere da quellu chì hè diventatu tradiziunale. Un casu interessante si trova in Matteu 27: 9-10, chì hè citatu cum'è da Ghjeremia, ancu s'è u parallelu più vicinu (ùn ci hè micca un passaghju di l'Anticu Testamentu cù una ressemblanza stretta) hè in Zaccaria 11: 12-13. Avemu cusì tutti cuntatu una decina di passaggi citati cum'è "cumpleti" in Ghjesù. Di sti dui sò pigliati direttamente da Mark, è a LXX hè seguita strettamente, è in un altru (possibilmente dui altri) pudemu osservà l'influenza di a LXX. U restu sò stati tutti tradutti in grecu indipindentamente da un testu ebraicu chì pò esse o micca identicu à u MT (pagina xvi)

Hè impussibile di evità a cunclusione chì l'evangelista avia davanti à ellu una cullizzioni di oraculi cumpilati in origine in l'ebreu originale. L'esempiu di Matteu XIII. 14-15 suggerenu chì ellu stessu hà utilizatu una versione greca per preferenza, è rende prubabile chì i so "oraculi" anu digià statu resu in grecu prima ch'elli venenu in e so mani. Ceci semble correspondre à peu près exactement à ce que nous devrions attendre si la « logia » de Papias était des textes de preuve appropriés du genre si familier de cet évangile. Le fait que ces « logias » auraient été recueillies par Matthieu expliquerait l'association de l'évangile dans lequel elles sont le plus utilisées avec cet apôtre. L'evangelista hà, sicuru, assai altru materiale nantu à quale disegnà, è per a maiò parte hè impussibile per noi di traccia a so fonte. (xvi-xvii)

L'Epistole pauline sò state scritte in grecu

Paulu scrivia à cristiani è chjese di lingua greca. Lingua greca koine, lingua cumuna di a Grecia è di l'anzianu imperu grecu, chì era statu rimpiazzatu da l'Imperu Rumanu da l'epica di Cristu. U Novu Testamentu hè statu scrittu in Koine Grecu, è Paulu hà scrittu a maiò parte.

L'apòstulu Paulu era l'apòstulu di i pagani. Parlava fluentemente u grecu, è u usava continuamente mentre andava in tuttu u mondu rumanu predicendu u Vangelu. Solu quandu era in Ghjudea è in Ghjerusalemme, hà generalmente adupratu l'Ebreu (Atti 22: 2). Scrivendu e so epistuli à e chjese di tutta a regione - Roma, Corintu, Efesu, Galazia, Filippi - hà senza dubbiu scrittu ancu in lingua greca. Ùn ci hè nisuna prova chì ellu urigginariamente usessi nomi ebrei per Diu invece di e forme greche, chì sò state cunservate à traversu i seculi.

U Libru di Ebrei

Pò esse chì u Libru di Ebrei hè statu inizialmente scrittu in Ebraicu ma una tale versione ùn ferma più. Eusebiu riporta a seguente rivendicazione di Clemente:

Eusebiu. Libru 6, Capitulu XIV

2. Dice chì l'Epistola à l'Ebrei hè l'opera di Paulu, è chì hè stata scritta à l'Ebrei in lingua ebraica; ma chì Luke l'hà traduttu attentamente è publicatu per i Grechi, è dunque u listessu stilu di spressione si trova in questa epistola è in l'Atti. 3. Ma dice chì e parolle, Paulu Apostulu, ùn eranu probabilmente micca prefissate, perchè, mandendu lu à l'Ebrei, chì eranu pregiudiziosi è suspettosi di ellu, ùn hà sappiutu saggiamente di respinghje à l'iniziu dendu u so nome.

4. Più luntanu dice: "Ma avà, cum'è hà dettu u benedettu presbiteru, postu chì u Signore era l'apòstulu di l'Onniputente, hè statu mandatu à l'Ebrei, Paulu, cum'è mandatu à i pagani, per via di a so pudestia ùn s'hè micca sottoscrittu ellu stessu un apòstulu di l'Ebrei, per mezu di u rispettu di u Signore, è perchè essendu un araldo è apòstulu di i pagani, hà scrittu à l'Ebrei fora di a so superabundanza ". 

Ciò chì avemu cunservatu sò Ebrei in u Grecu è tutte e referenze di u testamentu OT, in particulare e più critiche, sò di a Septuaginta Greca. Per esempiu, Ebrei 1: 6 cita a Septuaginta per Deuteronomiu 32:43, "Chì tutti l'ànghjuli di Diu u venerinu" - questu hè omessu in u testu ebraicu masoreticu. Un altru esempiu hè Ebrei 10:38 chì cita a Septuaginta greca per Habakkuk 2: 3-4, "Se si riduce (o si ritira), a mo ànima ùn averà micca piacè", ma l'Ebreu dice: "a so anima hè sbuffata, micca ghjustu. " Un altru esempiu hè Ebrei 12: 6 citendu a Septuaginta per Proverbi 3:12, "Casticà ogni figliolu ch'ellu riceve". L'Ebreu Masoreticu leghje "ancu cum'è un babbu u figliolu in quale ellu piace". Usà u Masoreticu Ebraicu piuttostu chè a Septuaginta Greca ùn averia micca sensu in u cuntestu di sti versi. Cusì hè chjaru chì sì Ebrei avianu da esse uriginari in Ebreu, averia quantunque citatu a versione greca di l'Anticu Testamentu. 

A Rivelazione hè stata scritta in grecu

Una indicazione primaria chì Rivelazione ùn era micca scritta in ebraicu o in arameu era chì ùn era micca usata in e Chjese Orientali in i primi dui seculi è hè stata sclusa da a Peshitta aramaica. 

Inoltre, Ireneu hè citatu in quantu à a scrittura di u libru di l'Apocalisse, è u misteriosu numeru "666", u numeru di l'Anticristu. Ireneu scrive:

"Tale hè cusì u casu: stu numeru si trova in tutte e bone è prime copie è cunfirmatu da a ghjente stessa chì era Ghjuvanni faccia à faccia, è a ragione ci insegna chì u numeru di u nome di a Bestia hè mostratu secondu l'usu numericu grecu da u lettere in questu. . . . " (p.211).

U Novu Testamentu cita principalmente a Septuaginta (Anticu Testamentu grecu)

Di circa 300 citazioni di u Vechju Testamentu in u Novu Testamentu, circa 2/3 di elli sò venuti da a Settanta (a traduzzione greca di l'Anticu Testamentu) chì includia i libri deuterocanonici. Esempii si trovanu in Matteu, Marcu, Luca, Atti, Ghjuvanni, Rumani, 1 Curintini, 2 Curintini, Galati, 2 Timuteu, Ebrei è 1 Petru. 

 

U Significatu di quandu i libri di u Novu Testamentu sò stati scritti

Dapoi u 50 d.C., a grande maggioranza di i cristiani parlavanu grecu, micca parlavanu aramea. Se unu di sti libri era statu scrittu prima di u 40 d.C., allora hè più probabile ch'elli avessinu pussutu avè una versione uriginale aramaica, ma questu ùn hè micca u casu. Hè statu sustinutu da studiosi chì u primu libru scrittu di u Novu Testamentu hè o Galatiani o 1 Tessalonicani, versu l'annu 50 dC. Entrambi questi libri sò stati definitivamente scritti à parlanti principalmente di grecu, cusì naturalmente eranu in grecu. Mark pò esse statu scrittu in l'anni 40, ma più prubabile era in l'anni 50, dunque ùn hè micca stupente chì sia statu scrittu in grecu. 19 à 24 libri di u Novu Testamentu sò stati scritti chiaramente in o da e zone di lingua greca.

L'aramea Peshitta NT hè stata tradutta da u grecu

U Novu Testamentu di a Peshitta Aramea hè statu traduttu da i manoscritti grechi in u V seculu. U Vechju Siriacu hè statu traduttu da manoscritti grechi precedenti in u II seculu. Benchì a traduzzione antica siriaca sia stata fatta da un testu grecu chì differia da u testu grecu sottostante à a revisione di Peshitta, sò tradutti da testi grechi. [1]

[1] Brock, A Bibbia In a Tradizione Siriaca. p13, 25-30

https://archive.org/stream/TheBibleInTheSyriacTradition/BrockTheBibleInTheSyriacTradition#page/n7/mode/2up

A Peshitta hè in un dialettu di l'arameu chì hè differente di ciò chì Ghjesù averia adupratu. U Sirianu Peshitta ùn hè micca superiore à i manoscritti grechi solu per via di esse una lingua aramaica. 

Problemi addiziunali cù u primatu di Peshitta sò documentati quì: http://aramaicnt.org/articles/problems-with-peshitta-primacy/

U grecu era parlatu in Palestina

Una riferenza à i Ghjudei di lingua greca si trova chjaramente in u libru di l'Atti. In Atti 6: 1 certi primi cristiani in Ghjerusalemme sò parlati di "ellenisti". A Versione King James dice: "È in quelli ghjorni, quandu u numeru di i discìpuli hè statu multiplicatu, ci hè statu un murmuru di i Grechi (Hellenistai) contr'à l'Ebrei (Hebraioi), perchè e so vedove eranu trascurate in u ministru di ogni ghjornu" (Atti 6: 1). U terminu Hellenistai s'applica à i Ghjudei di lingua greca, in e sinagoghe di i quali si parlava u grecu, è induve senza dubbitu sò state cumunamente usate e Scritture di a Settanta. Questu hè verificatu in Atti 9:29 induve si leghje: "È ellu (Saulu, chì u so nome hè statu cambiatu dopu in Paulu) hà parlatu arditu in nome di u Signore Ghjesù, è hà disputatu contr'à i Grechi. . . " I "Grechi" o "Ellenisti" eranu i Ghjudei di lingua greca, chì avianu e so sinagoghe, ancu in Ghjerusalemme.

Ghjesù u Messia: Una indagine di a vita di Cristu, Robert H. Stein, InterVarsity Press, 1996, p.87

«A terza lingua maiò parlata in Palestina era u grecu. L'impattu di e cunquiste di Lisandru Magnu in u IV seculu aC hà purtatu à u Mediterraniu un "mare grecu" in i tempi di Ghjesù. In u terzu seculu, i Ghjudei in Egittu ùn pudianu più leghje e Scritture in Ebraicu, allora cumincianu à traduce in grecu. Sta famosa traduzzione hè cunnisciuta cum'è Septuaginta (LXX). Ghjesù, chì era allevatu in 'Galilea, di i pagani,' campava solu à trè o quattru chilometri da a prosperosa cità greca di Sepphoris. Ci hè statu forse ancu tempi quandu ellu è u babbu anu travagliatu in sta cità metropolitana in rapida crescita, chì hè stata a capitale di Erode Antipas finu à u 26 d.C., quandu si trasferì a capitale in Tiberiade " 

Stein ci dice ancu chì l'esistenza di "ellenisti" in a Chjesa primitiva (Atti 6: 1-6) implica chì da u principiu di a Chjesa, ci eranu cristiani Ghjudei di lingua greca in a Chjesa. U termine "ellenisti" suggerisce chì a so lingua era greca, piuttostu chè a so visione culturale o filosofica. Arricurdatevi, questi eranu cristiani ebrei chì a lingua principale era u grecu - ùn eranu micca filosofi greci o i so seguitori, ma seguitori di Cristu Ghjesù.

Evidenza chì Ghjesù hà pussutu parlà grecu

Ci hè qualchì indicazione chì Ghjesù averia pussutu parlà u grecu cum'è seconda lingua (in più di l'arameu).

Tutti i quattru Vangeli riprisentanu à Ghjesù chì conversa cun Ponziu Pilatu, u prefettu rumanu di Ghjudea, à u mumentu di u so prucessu (Marcu 15: 2-5; Matteu 27: 11-14; Luca 23: 3; Ghjuvanni 18: 33- 38). Ancu se permettemu un abbellimentu literariu evidenti di sti conti, ùn ci ponu dubbità chì Ghjesù è Pilatu anu participatu à una certa forma di cunversazione. . . In chì lingua anu parlatu Ghjesù è Pilatu? Ùn ci hè menzione di un interpretu. Postu chì ci hè poca probabilità chì Pilatu, un Rumanu, averia pussutu parlà sia in Aramaicu sia in Ebreu, l'implicazione evidente hè chì Ghjesù hà parlatu grecu in u so prucessu davanti à Pilatu.

quandu Ghjesù hà cunversatu cù u centurione rumanu, un cumandante di una truppa di suldati rumani, u centurione più prubabile ùn parlava micca l'arameu o l'ebreu. Hè assai prubabile chì Ghjesù hà parlatu cun ellu in grecu, a lingua cumuna di l'epica in tuttu l'imperu Rumanu (vede Matt 8: 5-13; Luke 7: 2-10; John 4: 46-53). Un ufficiale reale di Roma, à u serviziu di Erode Antipas, un Gentile, averia probabilmente parlatu cun Ghjesù in grecu.

Avemu trovu chì Ghjesù viaghjò in a zona pagana di Tirò è di Sidone, induve parlò cù una donna siro-fenicia. U Vangelu di Mark identifica sta donna cum'è Ellenica, vale à dì un "Grecu" (Mark 7:26). A probabilità hè, dunque, chì Ghjesù li parlessi in grecu.

In u racontu in Ghjuvanni 12, induve ci hè dettu: "È ci eranu certi Grechi trà quelli chì cullavanu per adurà à a festa: Quellu ghjunse dunque à Filippu, chì era di Betsaida di Galilea, è u dumandava, dicendu: Signore , avemu da vede à Ghjesù "(Ghjuvanni 12: 20-21). Questi omi eranu Grechi, è probabilmente parlavanu Grecu, ciò chì Filippu hà capitu evidentemente, avendu cresciutu in a regione di Galilea, micca a regione di l'acqua di ritornu chì parechji anu presumutu, ma "Galilea di i Gentili" (Matt 4:15) - un locu di cummerciu è cummerciu internaziunale, induve u grecu seria a lingua nurmale di l'affari.

Ghjesù u Messia: Una indagine di a vita di Cristu, Robert H. Stein, InterVarsity Press, 1996, p.87

«Dui discepuli di Ghjesù eranu ancu cunnisciuti cù i so nomi grechi: Andrew è Filippu. Inoltre, ci sò parechji incidenti in u ministeru di Ghjesù quandu hà parlatu à e persone chì ùn cunnoscianu nè l'arameu nè l'ebreu. Dunque, à menu chì un traduttore ùn sia statu prisente (ancu se nimu ùn hè mai menzionatu), e so cunversazioni anu avutu probabilmente in lingua greca. Probabilmente Ghjesù hà parlatu grecu durante e seguenti occasioni: a visita in Tiru, ​​Sidone è a Decapolis (Mark 7: 31ss), a cunversazione cù a donna siro-fenicia (Mark 7: 24-30; paragunà in particulare 7:26) è u prucessu davanti à Ponziu Pilatu (Marcu 15: 2-15; paragunate ancu a cunversazione di Ghjesù cù i "Grechi" in Ghjuvanni 12: 20-36) "

Evidenza da a Storia è i Vangeli chì Ghjesù hà parlatu grecu

Terminu di carta da Corey Keating

scaricare pdf

Accettabilità di traduce u Nome Divinu

Una motivazione primaria per affirmà chì u Novu Testamentu hè statu scrittu in Ebreu da i tipi di radice ebraica, hè u desideriu di insistere solu nantu à aduprà a pronuncia ebraica di u nome divinu. Tuttavia ùn ci hè evidenza biblica chì Diu deve esse chjamatu solu da i so nomi è tituli ebrei. Ùn ci hè micca evidenza biblica o linguistica chì pruibisce l'usu di nomi è tituli inglesi per Diu.

Se Diu Onniputente hà vulsutu solu chì usessimu i nomi ebrei per Diu, allora ci aspetteriamu chì i scrittori di u Novu Testamentu avessinu inseritu i nomi ebrei per Diu ogni volta chì l'anu menzionatu! Ma ùn la facenu micca. Invece, in tuttu u Novu Testamentu usanu e forme greche di nomi è tituli di Diu. Chjamanu à Diu "Theos" invece di "Elohim". Anu ancu riferimentu à l'Anticu Testamentu Grecu (Septuaginta) chì usa ancu nomi grechi per Diu.

Ancu se alcune parti di u Novu Testamentu sò state scritte in ebraicu (cum'è l'evangelu di Matteu), cum'è qualcunu suggerisce, ùn hè micca stupente chì Diu ùn hà micca cunservatu questi manoscritti - invece e Scritture di u Novu Testamentu sò cunservate in lingua greca, cù e forme greche di u so nome è tituli.

Mancu un libru di u Novu Testamentu hè statu cunservatu in Ebreu - solu in Grecu. Questa hè una prova prima facie chì una lingua chì l'ebreu ùn deve esse affirmata annantu à u grecu, è chì ùn hè micca sbagliatu di utilizà e forme di u nome di Diu chì sò tradutti da l'ebreu o da u grecu. In nisun locu a Bibbia ci dice chì hè sbagliatu aduprà i nomi di Diu in Aramaicu, Grecu, o qualsiasi altra lingua di a terra.

Hè un argumentu falsu per affirmà chì u Novu Testamentu duvia esse statu scrittu in ebraicu, è duvia cuntene solu i nomi ebrei per Diu. Tutte e prove di i manoscritti puntanu altrimente. Quelli chì ricusanu chì l'Anticu Testamentu conservi fedelmente a cunniscenza di u nome di Diu, è chì dicenu chì u Novu Testamentu hè statu uriginale scrittu in Ebraicu, aduprendu i nomi Ebraici per Diu, ùn anu alcuna prova o prova per sustene e so rivendicazioni. Ùn duvemu micca adattà sta teoria quandu a preponderanza di l'evidenza sustene l'autore greca di u Novu Testamentu.

Petru hà dichjaratu: "Da una verità, aghju capitu chì Diu ùn rispetta micca e persone: Ma in ogni nazione, quellu chì u teme è face a ghjustizia, hè accettatu cun ellu". (Atti 10: 34-35)

Commenti sopra adattati da ntgreek.org https://www.ntgreek.org/answers/nt_written_in_greek

E pronunzie multiple di u nome di Ghjesù

Ci sò alcuni chì insistenu ancu à aduprà una pronuncia ebraica di Yahusha per u nome di Ghjesù postu chì, in teoria, hè cumu si prununziava u so nome in Ebreu. Tuttavia in pratica ùn ci hè manoscrittu o iscrizioni chì Ghjesù sia statu chjamatu da i Ghjudei in u primu cristianesimu. Da Ghjudei micca ellenizati, Ghjesù seria statu chjamatu da una di e parechje prununciazioni aramaiche tale hè Yeshua, Yeshu, Yishu, or Eashoa. L'arameanu (simile à u siriacu di a Peshitta) era a lingua semitica cumuna di l'epica. 

Siccomu a Chjesa primitiva hà adupratu i termini grechi è arameaici per Ghjesù chì si stendenu nantu à u Novu Testamentu, duveriamu esse cuntenti cun elli è ùn impone micca una esigenza chì certi nomi ponu esse pronunziati solu in un certu modu in una sola lingua. 

U grecu Iesous (Ἰησοῦς) deriva da una pronuncia aramaica Eashoa (ܝܫܘܥ). Per sente a prununcia aramaica vedi a video quì sottu- ancu à stu ligame: https://youtu.be/lLOE8yry9Cc