Restaurazione di u Cristianesimu Apostolicu di u I Seculu
Capisce i Loghi
Capisce i Loghi

Capisce i Loghi

Dictionnaire / Sens lessique du Logos (λόγος) traduit par « Parole »

Dizziunariu di Strong  g3056

λόγος loghi; da 3004; qualcosa dettu (cumpresu u penseru); per implicazione, un tema (sughjettu di discorsu), ancu ragiunamentu (a facultà mentale) o mutivu; per estensione, una computazione; apposta, (cù l'articulu in Ghjuvanni) u Spressione Divina (vale à dì Cristu): - contu, causa, cumunicazione, x riguardante, duttrina, fama, x anu da fà, intenzione, materia, bocca, predicazione, dumanda, Mutivu, + ricunnosce, caccià, dì (-ing), shew, x speaker, speech, talk, thing, + nunda di ste cose ùn mi cummove, nutizie, trattatu, dichjarazione, parolla, travagliu.

Mounce's Complete Expository Dictionary

(MED) [3364] λόγος logos 330x una parolla, una cosa detta, Mt. 12: 32, 37; 1 Cor. 14:19; discorsu, lingua, discorsu, Mt 22:15; Lk. 20:20; 2 Cor. 10:10; Jas. 3: 2; cunversà, Lk. 24:17; mera parolla, spettaculu di parolle, 1 Cor. 4:19, 20; Col. 2:23; 1 Ghjn. 3:18; lingua, modu di discorsu, stile di parlà, Mt 5: 37; 1 Cor. 1:17; 1 Thess. 2: 5; un dettu, un discorsu, Mk. 7:29; Eph. 4:29; una spressione, forma di parolle, formula, Mt 26:44; Rom. 13: 9; Gal. 5:14; un dettu, una cosa pruposta in u discorsu, Mt 7:24; 19,11; Jn. 4:37; 6,60; 1 Tim. 1:15; un missaghju, annunziu, 2 Cor. 5:19; un annunziu prufeticu, Jn. 12:38; un contu, dichjarazione, 1 Pet. 3:15; una storia, rapportu, Mt 28:15; Jn. 4:39; 21,23; 2 Thess. 2: 2; una narrativa scritta, un trattatu, Atti 1: 1; un discorsu stabilitu, Atti 20: 7; duttrina, Jn. 8:31, 37; 2 Tim. 2:17; sughjettu, Atti 15: 6; conti, contu, Mt. 12:36; 18,23; 25,19; Lk. 16: 2; Atti 19:40; 20,24; Rom. 9:28; Phil. 4:15, 17; Eb. 4:13; una preghiera, Mt 5:32; Atti 19:38; a mutivi, Atti 10:29; Mutivu, Atti 18:14; ὁ λόγος, a parolla di Diu, in particulare in u Vangelu, Mt 13:21, 22; Mk. 16:20; Lk. 1: 2; Atti 6: 4; ὁ λόγος, a PAROLA divina, o Logos, Jn. 1: 1 [3056] Vede u missaghju; rapportu; parolla.

Lessicu Analiticu di u Novu Testamentu Grecu

λόγος, ου, ὁ. ligatu à λέγω (organizà in ordine); (1) cum'è termine generale per parlà, ma sempre cun cuntenutu raziunale parolla, discorsu (MT 22.46); spessu di fronte à ἔργον (attu) (1J 3.18); (2) cù a traduzzione specifica secondu una larga varietà di cuntesti; (a) quistione (MT 21.24); (b) prufezia (JN 2.22); (c) cumandamentu (2P 3.5); (d) rapportu (AC 11.22); (e) missaghju, insignamentu (LU 4.32); (f) dichjarazione, dichjarazione, affirmazione (MT 12.32), di fronte à μῦθος (legenda); (g) plurale, di parolle chì formanu un'unità di spressione discorsu, discorsu, insegnamentu, cunversazione (MT 7.24); (h) di ciò chì si discute sughjettu, cosa, materia (MK 9.10); (3) di revelazione divina; (a) parolla, missaghju (di Diu) (JN 10.35); (b) cumandamentu (i) (MT 15.6); (c) di l'autorevelazione cumpleta di Diu per mezu di Ghjesù Cristu a Parolla (JN 1.1); (d) di u cuntenutu di a parolla evangelica, missaghju (LU 5.1); (4) in un sensu legale o tecnicu; (a) accusazione, materia, accusazione; (b) contu, cuntu (RO 14.12); (c) raghjoni, mutivu (AC 10.29)

Ghjuvanni 1: 1-3, U significatu attestatu da e prime traduzzione inglese

Logos (Parolla tradutta) significa qualcosa dettu (cumpresu u pensamentu) è puderia ancu esse capitu cum'è saviezza parlata, ragiunamentu, intenzione o pianu di Diu. Sempre appartene à u cuntenutu raziunale. Hè per quessa chì quasi ogni traduzzione inglese da u grecu chì era prima di a traduzzione di KJV, hà interpretatu u Logos (Parolla) in Ghjuvanni 1: 3, cum'è un "it" invece di un "ellu". In a maiò parte di e traduzioni inglesi muderne Ghjuvanni 1: 1-3 hè tipicamente traduttu in modu tale da pregiudiziu u lettore à interpretà a Parolla cum'è un Cristu preincarnatu. Tuttavia, si deve capisce chì u Logos hè un nome astrattu chì appartene à l'aspettu di a saviezza di Diu cumprese a so logica, ragiunamentu, intenzioni, pianu o scopu per l'umanità. Hè attraversu questu Logos (Parola) chì tutte e cose sò diventate. Tuttavia, questu ùn hè micca dì chì a Parola era una persona preexistente chì esisteva prima chì Ghjesù era cuncipitu.

Traduzzioni 1526 è 1534 di Tyndale

A prima versione inglese di e Scritture fatta da traduzzione diretta da l'ebreu è u grecu originali, è a prima à esse stampata, hè stata l'opera di William Tyndale. Incuntrendu una amara opposizione, hè statu accusatu di perversà u significatu di e Scritture. In uttrovi 1536 hè statu publicamente esecutatu è brusgiatu à u staccu. Eppuru u travagliu di Tyndale hè diventatu u fundamentu di e successive versioni in inglese. William Tyndale hà traduttu u prologu di u Vangelu di Ghjuvanni assai diversamente da e traduzioni muderne pupulari. L'immagine à destra hè a prima pagina di u Vangelu di Ghjuvanni di una copia sopravvissuta di u Novu Testamentu 1526 di Tyndale. 

Ortografia muderna di Ghjuvanni 1: 1-5,14 di a traduzzione di Tyndale in u 1534:

"À u principiu era a parolla, è a parolla era cun Diu: è a parolla era Diu. U stessu era in u principiu cù Diu. Tutte e cose sò state fatte da ellu, è senza ellu, ùn hè statu fattu nunda, chì era fattu. In questu era a vita, è a vita era a luce di l'omi, è a luce splende in u bughju, ma a bughjura ùn l'hà capita ... È a parolla hè stata fatta carne è hà campatu trà di noi, è avemu vistu a gloria di ella, cum'è a gloria di l'unicu figliolu di u babbu, chì parolla era piena di grazia è di verità ".

 

Diu hà fattu tutte e cose da a so saviezza / intelligenza / cunniscenza

Pruverbii 3: 19-20 (ESV)

«U Signore da saviezza hà fundatu a terra; per capiscitura hà stabilitu i celi; da a so cunniscenza i prufondi si spalancavanu, è i nivuli lasciavanu falà a rugiada ".

Ghjeremia 10:12 (ESV)

Hè ellu chì hà fattu a terra cù a so putenza, chì hà stabilitu u mondu da a so saviezza, è da a so intelligenza stesi u celu.

Ghjeremia 51:15 (ESV)

Hè ellu chì hà fattu a terra cù a so putenza, chì hà stabilitu u mondu da a so saviezza, è da a so intelligenza stesi u celu.

Salmu 33: 6 (LSV)

Da a parolla of YHWH - U celu hè statu fattu - È tuttu u so ostiu da u rispiru di a so bocca. 

Salmi 104: 24 (ESV)

O SIGNORE, quantu sò molte e vostre opere! In saviezza l'avete fattu tutti; a terra hè piena di e vostre creature.

Salmi 136: 5 (ESV)

à quellu chì per intelligenza hà fattu i celi, perchè u so amore fermu dura per sempre;

Diu hà pussutu a saviezza à l'iniziu di u so travagliu

A saviezza hè personificata in Pruverbii 8 cum'è "ella / ella" ma ùn hè micca letteralmente una persona preesistente. Questu hè sinonimu di u preesistente logoti di u prologu di Ghjuvanni. 

Pruverbii 8 (ASV)

1 Ùn face micca saviezza pienghje, È capisce l'intesa u so voce?
2 In cima di i lochi alti per a strada, Induve i camini si scontranu, ella stà;
3 Accantu à e porte, à l'entrata di a cità, À l'entrata à e porte, ella cria à voce alta:
4 À voi, omi, ti chjamu; È a mo voce hè per i figlioli di l'omi.
5 O simplici, capite prudenza; È, scemi, siate di un capisce u core.
6 Senti, chì parleraghju cose eccellenti; È l'apertura di e mo labbre serà ghjusta.
7 Perchè a mo bocca dicerà verità; È a gattivera hè una abominazione per e mo labre.
8 Tutte e parolle di a mo bocca sò in ghjustizia; Ùn ci hè nunda tortu o perversu in elli.
9 Tutti sò chjari per quellu chì capisce, è ghjusti per quelli chì trovanu cunniscenzi.
10 Ricevi u mo Istruzzioni, è micca argentu; È cunniscenzi piuttostu chè scelta d'oru.
11 For A saviezza hè megliu cà i rubini; È tutte e cose chì si ponu desiderà ùn sò micca paragunate cun ella.
12 I. saviezza aghju fattu a prudenza a mo casa, è scopre a cunniscenza è a discrezione.
13 U timore di l'Eternu hè d'odià u male: Odiu l'orgogliu, l'orgogliu, è a via cattiva, È a bocca perversa.
14 U mio cunsigliu hè u mio, è una bona cunniscenza: Sò capiscitoghju; Aghju putenza.
15 Per mè regnanu i rè, È i principi dicretanu a ghjustizia.
16 Per mè guvernanu i principi, È i nobili, ancu tutti i ghjudici di a terra.
17 Amu quelli chì mi amanu; È quelli chì mi cercanu diligentemente mi truveranu.
18 Ricchezze è onore sò cun mè; Ié, ricchezza durabile è ghjustizia.
19 U mo fruttu hè megliu cà l'oru, sì, cà l'oru finu; È i mo ricavi cà a scelta d'argentu.
20 Caminu in a via di a ghjustìzia, À mezu à i chjassi di a ghjustizia;
21 Perchè possu fà eredità quelli chì mi amanu, è pudè riempie i so tesori.
22 U Signore m'hà pussessu à u principiu di a so strada, Davanti à e so opere di l'antichità.
23 Sò statu creatu da l'eternità, da u principiu, Prima chì a terra fussi.
24 Quandu ùn ci era prufundità, Sò statu purtatu, Quandu ùn ci era micca funtane chì abbondavanu d'acqua.
25 Prima chì i monti fussinu stallati, Davanti à e muntagne era statu fattu nasce;
26 Mentre ch'ellu ùn avia ancu fattu a terra, nè i campi, nè u principiu di a polvera di u mondu.
27 Quandu hà stabilitu u celu, era quì: Quandu hà messu un circulu nantu à a faccia di u prufondu,
28 Quand'ellu hà rinfurzatu u celu sopra, Quandu e funtane di l'abissu si sò furzate,
29 Quand'ellu hà datu à u mare u so limitu, Chì l'acque ùn trasgredissinu u so cumandamentu, Quandu hà marcatu i fundamenti di a terra;
30 Allora eru cun ellu, cum'è maestru di travagliu; È eru ogni ghjornu u so piacè, Rallegrandu mi sempre davanti ad ellu,
31 Rallegrassi in a so terra abitabile; È u mo piacè era cù i figlioli di l'omi.
32 Avà dunque, figlioli mo, ascultatemi; Perchè beati sò quelli chì tenenu e mo vie.
33 Ascolta struzzioni, è sia sàviu, È ùn ricusate micca.
34 Beatu l'omu chì mi sente, chì feghja ogni ghjornu à e mio porte, chì aspetta i posti di e mo porte.
35 Perchè quellu chì mi trova trova a vita, è uttenerà a gràzia di l'Eternu.
36 Ma quellu chì peccatu contru à mè sbagghia a so anima: Tutti quelli chì mi odianu amanu a morte.

L'usu cuntestuale di "logos" in Ghjuvanni è 1 Ghjuvanni

A parolla logoti hè adupratu 326 volte in u Novu Testamentu. Una indagine di l'usu nurmale di logoti hè coherente cù u significatu di missaghju, ragiunamentu o pianu. Logos hè adupratu in Ghjuvanni più di trenta volte fora di u prulogu di Ghjuvanni. Stu usu dà una indicazione se ciò chì duvemu capisce u logoti esse.

Ghjuvanni 2:22 (ESV), Cridianu a Scrittura è u logò chì Ghjesù avia parlatu

22 Quandu fù risuscitatu da i morti, i so discìpuli s'arricurdonu chì l'avia dettu, è anu cridutu a Scrittura è a parolla (logos) chì Ghjesù avia parlatu.

Ghjuvanni 5:38 (ESV), È ùn avete micca i so loghi chì fermanu in voi, perchè ùn credite micca in quellu chì hà mandatu

38 e ùn avete micca a so parolla (logos) chì stà in tè, perchè ùn crede micca quellu chì hà mandatu

Ghjuvanni 10: 34-36 (ESV), S'ellu li chjamava dii à i quali ghjunse u logò di Diu

34 Ghjesù li rispose: "Ùn hè micca scrittu in a vostra Legge: "Aghju dettu, sì dii"? 35 S'ellu i chjamava dii à i quali venia a parolla (logos) di Diu-È a Scrittura ùn pò micca esse rotta- 36 Dicerete di quellu chì u Babbu hà cunsacratu è mandatu in u mondu: Sì ghjastimatu, perchè aghju dettu: Sò u Figliolu di Diu?

Ghjuvanni 12:38 (ESV), A parolla (logos) parlata da u prufeta Isaia

38 cusì chì u Parola (logos) detta da u prufeta Isaia puderia esse cumpletu: "Signore, quale hà cridutu ciò chì hà intesu da noi, è à quale hè statu revelatu u bracciu di u Signore?"

Ghjuvanni 14: 23-24 (ESV), A parolla (logos) chì tù senti ùn hè micca a meia ma di u Babbu

23 Ghjesù li rispose:Sì qualchissia mi ama, tenerà a mo parolla (logos), è u mo Babbu u tenerà caru, è veneremu à ellu è faremu a nostra casa cun ellu. 24 Quellu chì ùn mi ama micca tene e mo parolle (loghi). È a parolla (logos) chì vo avete intesu ùn hè micca meia, ma di u Babbu chì m'hà mandatu.

Ghjuvanni 17: 14-19 (ESV), li aghju datu i vostri loghi, è u mondu li hà odiatu

14 Li aghju datu a vostra parolla (logos), è u mondu li hà odiati perchè ùn sò micca di u mondu, cum'è eiu ùn sò micca di u mondu. 15 Ùn dumandu micca chì i cacciate fora di u mondu, ma chì li teniate da u male. 16 Ùn sò micca di u mondu, cum'è eiu ùn sò micca di u mondu. 17 Santificateli in a verità; a vostra parolla (logos) hè a verità. 18 Cum'è tù mi hai mandatu in u mondu, cusì l'aghju mandati in u mondu. 19 È per via di mè mi cunsacraghju, affinchè anch'elli sianu santificati in verità.

1 Ghjuvanni 1: 1-2 (ESV), A Parola (logoti) di a vita - a vita eterna, chì era cù u Babbu.

1 Ciò chì era da u principiu, chì avemu intesu, chì avemu vistu cù i nostri ochji, chì avemu vistu è toccu cù e nostre mani, riguardu à a parolla (logos) di a vita- 2 a vita hè statu manifestatu, è avemu vistu, è tistimuniamu è proclamà à voi a vita eterna, chì era cù u Babbu è hè statu manifestatu à noi-

L'usu cuntestuale di "logos" in Luca-Atti

Luke 1: 1-4 (ESV), Chì pudete avè certezza riguardu à i loghi chì vi sò stati insegnati

1 In quantu parechji si sò impegnati à compilà una narrazione di e cose chì sò state compie trà noi, 2 cum'è quelli chì da u principiu eranu testimoni oculari è ministri di a parolla (logos) ci anu mandatu, 3 mi hè parsu bè dinò, dopu avè seguitu tutte e cose da vicinu da qualchì tempu passatu, scrive un contu urdinatu per voi, eccellente Teofilu, 4 chì pudete avè certezza riguardu à e cose (loghi) chì vi sò stati insegnati

Luke 5: 1 (ESV), A folla u pressava per sente u logò di Diu

1 In una occasione, mentre a folla u pressava per sente a parolla (logos) di Diu, stava à fiancu à u lavu di Genesaret

Luke 24: 44-47 (ESV), Tuttu ciò chì hè scrittu nantu à mè in a Lege di Mosè è i Prufeti deve esse cumpiitu

44 Allora li disse: Quessi sò e mo parolle (loghi) chì ti aghju parlatu mentre era sempre cun voi, chì tuttu ciò chì hè scrittu nantu à mè in a Lege di Mosè è i Prufeti è i Salmi deve esse cumpletu. " 45 Allora aprì a so mente per capisce e Scritture, 46 è li disse: "Cusì hè scrittu, chì u Cristu duverebbe soffre è u terzu ghjornu risuscità da i morti47 è chì u pentimentu per u perdonu di i peccati deve esse proclamatu in u so nome à tutte e nazioni, partendu da Ghjerusalemme.

Atti 4: 29-31 (ESV), Grant à i vostri servitori di cuntinuà à parlà u vostru logò cun tutta audacia

29 È avà, Signore, fighjate e so minacce è cuncede à i vostri servitori di continuà à parlà a vostra parolla (loghi) cun tutta audacia, 30 mentre stende a vostra manu per guarisce, è i segni è e meraviglie sò realizate à traversu u nome di u vostru santu servitore Ghjesù ". 31 È quandu avianu pregatu, u locu duv'elli eranu riuniti fù scuzzulatu, è eranu tutti pieni di u Spìritu Santu è cuntinuavanu à parlà a parolla (logos) di Diu cun audacia.

Atti 10: 34-44 (ESV), A parolla - predicà a bona nova di a pace per mezu di Ghjesù Cristu

34 Allora Petru aprì a bocca è disse: "Sò veramente capitu chì Diu ùn mostra micca parzialità, 35 ma in ogni nazione quellu chì u teme è chì faci ciò chì hè ghjustu hè accettatu per ellu. 36 In quantu à u parolla (loghi) ch'ellu hà mandatu in Israele, pridicendu e bone nutizie di pace per mezu di Ghjesù Cristu (hè u Signore di tutti), 37 sapete voi stessu ciò chì hè accadutu in tutta a Ghjudea, à partesi da a Galilea dopu à u battesimu chì Ghjuvanni hà dichjaratu: 38 cumu Diu hà untu à Ghjesù di Nazaretta cù u Spìritu Santu è cun putenza. Andava per fà u bè è guarì tutti quelli chì eranu oppressi da u diavulu, perchè Diu era cun ellu. 39 È simu testimoni di tuttu ciò ch'ellu hà fattu in u paese di i Ghjudei è in Ghjerusalemme. L'anu messu à morte appiccicatu à un arburu, 40 ma Diu u fece risuscità u terzu ghjornu è u fece cumparisce, 41 micca à tutte e persone ma à noi chì eranu stati scelti da Diu cum'è testimoni, chì avemu manghjatu è betu cun ellu dopu à a so risurrezzione. 42 È ci hà urdinatu di predicà à u populu è di testimunià ch'ellu hè quellu chì hè statu nominatu da Diu per esse ghjudice di i vivi è di i morti.. 43 Per ellu tutti i prufeti testimonianu chì tutti quelli chì credenu in ellu ricevenu u perdonu di i peccati per via di u so nome." 44 Mentre Petru dicia sempre ste cose, u Spìritu Santu hè cascatu annantu à tutti quelli chì anu intesu a parolla (logos).

Atti 13: 26-33 (ESV), Ci hè statu mandatu u missaghju (loghi) di sta salvezza

26 "Fratelli, figlioli di a famiglia d'Abràhamu, è quelli di voi chì temenu Diu, sò stati mandati à noi missaghju (loghi) di sta salvezza. 27 Per quelli chì campanu in Ghjerusalemme è i so capi, perchè ùn l'anu micca ricunnisciutu nè capisce e parolle di i prufeti, chì si leghjenu ogni sàbatu, li anu cumpiitu cundannendulu. 28 È ancu s'elli ùn anu trovu in ellu nisuna culpabilità degna di a morte, anu dumandatu à Pilatu di falla eseguì. 29 È dopu avè fattu tuttu ciò chì era scrittu d'ellu, u piglionu da l'arburu è u pusonu in una tomba. 30 Ma Diu u hà risuscitatu da i morti, 31 è per parechji ghjorni si prisintò à quelli chì eranu cullati cun ellu da a Galilea à Ghjerusalemme, chì sò avà i so testimoni à u populu. 32 È vi purtemu a bona nutizia chì ciò chì Diu hà prumessu à i babbi, 33 questu hà rializatu per noi i so figlioli allivendu à Ghjesù, Cumu hè ancu scrittu in u sicondu Salmu: "Sì u mo Figliolu, oghje ti aghju incinta".  

Atti 18: 5 (ESV), Paulu era occupatu da a parolla (logos), testimuniannu chì Cristu era Ghjesù

5 Quandu Silas è Timoteu ghjunghjenu da Macedonia, Paulu era occupatu da u parolla (logos), testimuniannu à i Ghjudei chì u Cristu era Ghjesù.

Sicondu Paulu, u logos di Diu (pianu divinu) si centra nantu à l'evangelu di Ghjesù, l'Untu.

Ghjesù hè u cumpiimentu di Diu logoti (parlata-saviezza) è hè u centru di u pianu è di u scopu di Diu per l'umanità - di cuncilià tutte e cose cun ellu per mezu di Cristu. A multiplicità di saviezza di Diu hè u scopu eternu di Diu realizatu in Cristu Ghjesù u nostru Signore.

1 Curintini 1: 18-25 (ESV), U logos di a croce - Cristu hè a putenza di Diu è a saviezza di Diu

18 di l ' parolla (logos) di a croce hè una pazzia per quelli chì periscenu, ma per noi chì sò salvati hè a putenza di Diu. 19 Perchì hè scrittu: "Distruggeraghju a saviezza di i saggi, è u discernimentu di i discernenti u contraraghju". 20 Induve hè quellu chì hè sàviu? Induve hè u scribu? Induve hè u debattore di questa età? Diu ùn hà fattu scimità a saviezza di u mondu? 21 Perchè postu chì, in a saviezza di Diu, u mondu ùn cunniscia micca Diu per via di a saviezza, hà fattu piacè à Diu per via di a pazzia di ciò chì predichemu per salvà quelli chì credenu. 22 Perchè i Ghjudei dumandanu segni è i Grechi cercanu a saviezza, 23 ma predichemu u Cristu crucifissu, un ostaculu per i Ghjudei è una follia per i Gentili, 24 ma à quelli chì sò chjamati, Ghjudei è Grechi, Cristu a putenza di Diu è a saviezza di Diu. 25 Perchè a scimità di Diu hè più sàviu di l'omi, è a debbulezza di Diu hè più forte di l'omi.

Galati 4: 4-5 (ESV), Diu hà mandatu u so Figliolu, per riscattallu - in modu chì pudessimu riceve l'adopzione cum'è figlioli

«Ma quandu u a pienezza di u tempu era ghjunta, Diu hà mandatu u so Figliolu, natu di donna, natu sottu a lege, da riscattà quelli chì eranu sottu a lege, per pudè riceve l'adopzione cum'è figlioli. "

Efesini 1: 3-5 (ESV), Ci hà predestinatu per adozione secondu u scopu di a so vuluntà

"Benedettu sia u Diu è u Babbu di u nostru Signore Ghjesù Cristu, chì ci hà benedettu in Cristu cù tutte e benedizioni spirituali in i lochi celesti, cum'è ellu ci hà sceltu in ellu prima di a fundazione di u mondu, chì duvimu esse santi è senza colpa davanti ad ellu. Innamuratu hà predestinatu noi per adozione per ellu stessu cum'è figlioli per mezu di Ghjesù Cristu, secondu u scopu di a so vulintà. "

Efesini 1: 7-13 (ESV), A Parolla (logos) di verità u Vangelu di a to salvezza

7 In ellu avemu a redenzione per mezu di u so sangue, u pirdunu di i nostri tortu, secondu e ricchezze di a so grazia, 8 ch'ellu ci hà risparmiatu, in tuttu saviezza è insight 9 facenduci cunnosce u misteru di a so vuluntà, secondu u so scopu, ch'ellu hà stabilitu in Cristu 10 cum'è un pianu per a pienezza di u tempu, per unisce tutte e cose in ellu, e cose in u celu è e cose nantu à a terra. 11 In ellu avemu ottenutu una lascita, essendu statu predestinatu secondu u scopu di quellu chì travaglia tutte e cose secondu u cunsigliu di a so vulintà, 12 affinchì noi chì eramu i primi à sperà in Cristu pudessimu esse à a loda di a so gloria. 13 In ellu ancu voi, quandu avete intesu u parolla (logos) di verità, u vangelu di a to salvezza, è credenu in ellu, sò stati sigillati cù u Spiritu Santu prumessu

Efesini 3: 9-11 (ESV), U pianu - a saviezza multiple di Diu - u scopu eternu chì hà realizatu in Cristu Ghjesù

«Di mette in lume per tutti ciò chì hè u pianu di u misteru piattu da seculi in Diu, chì hà creatu tutte e cose, cusì chì attraversu a chjesa u una saviezza multiplica di Diu puderia avà esse fattu cunnosce à i guvirnanti è l'autorità in i lochi celesti. Questu era secondu u scopu eternu ch'ellu hà realizatu in Cristu Ghjesù u nostru Signore. "

Colossesi 3:16 (ESV), Let u logò di Cristu abita in voi riccamente, insegnendu è ammonendu l'unu l'altru in tutta a saviezza

16 Chì a parolla (logos) di Cristu abiti in voi riccamente, insegnendu è ammonendu l'unu l'altru in tutta a saviezza, cantendu salmi è inni è canti spirituali, cun ringraziamentu in u vostru core à Diu

1 Thessalonians 5: 9-10 (ESV), Diu hà destinatu à ottene a salvezza per mezu di u nostru Signore Ghjesù Cristu

"Per Diu ùn ci hà micca destinatu per l'ira, ma per ottene a salvezza per mezu di u nostru Signore Ghjesù Cristu, chì hè mortu per noi affinchì siamu sveglii o addurmintati pudemu campà cun ellu ".

2 Timuteu 1: 8-10 (ESV), U so propiu scopu è grazia, ch'ellu ci hà datu in Cristu Ghjesù nanzu à l'iniziu di l'età

"Diu chì ci hà salvatu è chì ci hà chjamatu à una santa chjamata, micca per via di e nostre opere ma per via di u so propiu scopu è grazia, ch'ellu ci hà datu in Cristu Ghjesù nanzu à l'età, è chì avà hè statu manifestatu per via di l'apparizione di u nostru Salvatore Cristu Ghjesù ".

Titu 1: 2-3 (ESV), A speranza di a vita eterna - prumessa prima di l'iniziu di l'età - à u mumentu propiu manifestata in a so parolla

 2 in speranza di vita eterna, chì Diu, chì ùn bugia mai, hà prumessu prima di l'iniziu di l'età 3 è à u mumentu propiu manifestatu in a so parolla attraversu a predicazione chì m'hà statu affidatu da u cumandamentu di Diu, u nostru Salvatore;

Logos in Revelazione

Apocalisse 1: 1-3 (ESV), Testimone di a parolla (logos) di Diu è di a tistimunianza di Ghjesù Cristu

1 lu rivelazione di Ghjesù Cristu, chì Diu l'hà datu per mustrà à i so servitori e cose chì devenu accade prestu. A fece cunnosce mandendu u so anghjulu à u so servitore Ghjuvanni, 2 chì anu testimuniatu di a parolla (logos) di Diu è di a tistimunianza di Ghjesù Cristu, ancu à tuttu ciò ch'ellu hà vistu. 3 Beatu quellu chì leghje à alta voce parolle (logos) di sta prufezia, è beati quelli chì sentenu, è chì guardanu ciò chì hè scrittu in questu, perchè u tempu hè vicinu.

Revelazione 1: 9 (ESV), Per via di a parolla (logos) di Diu è di a tistimunianza di Ghjesù

9 Eiu, Ghjuvanni, u to fratellu è cumpagnu di a tribulazione è di u regnu è di a pazienza chì sò in Ghjesù, era in l'isula chjamata Patmos per via di a parolla (logos) di Diu è di a tistimunianza di Ghjesù.

Revelazione 17:17 (ESV), Per rializà u so scopu - finu à chì e parolle (logos) di Diu sianu compie

17 perchè Diu l'hà messu in i so cori per realizà u so scopu essendu di una mente è tramandendu u so putere reale à a bestia, finu à chì e parolle (logos) di Diu sò compie.

Revelazione 19: 9-16 (ESV), U testimoniu di Ghjesù hè u spiritu di prufezia - u nome da u quale hè chjamatu hè a Parolla di Diu

9 È l'ànghjulu m'hà dettu: "Scrivi questu: Beati quelli chì sò invitati à a cena di u matrimoniu di l'Agnellu. " È m'hà dettu:Queste sò e vere parolle (logos) di Diu. " 10 Dopu sò cascatu à i so pedi per adurà lu, ma ellu m'hà dettu: «Ùn duvete micca fà què! Sò un cumpagnu di servitore cun voi è i vostri fratelli chì tenenu a testimonianza di Ghjesù. Adurà à Diu ". Perchè u testimoniu di Ghjesù hè u spiritu di prufezia. 11 Dopu aghju vistu u celu apertu, ed eccu, un cavallu biancu! Quellu chì si stà sopra si chjama Fidelu è Vere, è in ghjustizia ghjudicheghja è face a guerra. 12 I so ochji sò cum'è una fiamma di focu, è nantu à a so testa sò parechji diademi, è hà un nome scrittu chì nimu ùn cunnosce chè ellu stessu. 13 Hè vistutu di una robba immersa in sangue, è u nome da u quale hè chjamatu hè a Parolla (logos) di Diu. 14 È l'armate di u celu, disposti in linu finu, biancu è puru, u seguitavanu nantu à cavalli bianchi. 15 Da a so bocca esce una spada acuta cù chì pichjà e nazioni, è li guvernerà cù una verga di ferru. Ellu piserà u viticulu di a furia di l'ira di Diu l'Onniputente. 16 Nantu à a so vesta è nantu à a so coscia hà un nome scrittu, Rè di i rè è Signore di i signori.

  • In questu cuntestu, chì hè una prufezia, Ghjesù hè chjamatu a Parolla (logos) di Diu per via di u fattu chì "u testimoniu di Ghjesù hè u spiritu di prufezia". (Rev 19:10)

Ghjuvanni 1: 1-4, 14 - Chì dice u grecu?

E traduzzione in inglese sò tipicamente tradotte in modu pregiudiziale in appoghju à a teologia trinitaria. Per avè una idea più chjara di ciò chì dice in realtà u grecu, u testu grecu per Ghjuvanni 1: 1-4, 14 hè furnitu quì sottu seguitatu da traduzzione litterale è interpretativa da u grecu. 

Ghjuvanni 1: 1-4, 14 (NA28)

1 Ἐν ἀρχῇ ἦν ὁ λόγος, καὶ ὁ λόγος ἦν πρὸς τὸν θεόν, καὶ θεὸς ἦν ὁ λόγος.

2 οὗτος ἦν ἐν ἀρχῇ πρὸς τὸν θεόν.

3 πάντα διʼ αὐτοῦ ἐγένετο, καὶ χωρὶς αὐτοῦ ἐγένετο οὐδὲ ἕν. ὃ γέγονεν

4 ἐν αὐτῷ ζωὴ ἦν, καὶ ἡ ζωὴ ἦν τὸ φῶς τῶν ἀνθρώπων ·

14 Καὶ ὁ λόγος σὰρξ ἐγένετο καὶ ἐσκήνωσεν ἐν ἡμῖν, καὶ ἐθεασάμεθα τὴν δόξαν αὐτοῦ, δόξαν ὡς μονογενοῦς παρὰὰὰ

Traduzzioni Litterale è Interpretativa

E traduzioni letterali è interpretative sò furnite quì sottu per Ghjuvanni 1: 1-3, 14. A traduzzione Literale hè basatu annantu à una tavola interlinear cumpleta dispunibule quì: Ghjuvanni 1: 1-4, 14 Interlinear. 

Ghjuvanni 1: 1-4, 14, Traduzzione Litterale

1 In principiu era a Parola

è a Parola era versu u Diu,

è Diu era a Parola.

2 Questu era in principiu versu u Diu.

3 Tuttu questu hè stata causata

è fora di questu ùn era micca causatu.

Ciò chì hè causatu à esse 4 in questu era a vita,

è a vita era a luce di l'omi

14 È a Parolla - carne - hè stata causata

è stava in noi,

è avemu vistu a gloria

di gloria ancu cum'è unica da u babbu,

piena di grazia è di verità.

Ghjuvanni 1: 1-4, 14 Traduzzione Interpretativa

1 Prima era u pianu,

è u pianu era appartenente à Diu,

è una cosa divina era u pianu.

2 U pianu era in prima pertinenza à Diu.

3  Tutte e cose attraversu u pianu hè stata fatta,

è fora di u pianu ùn hè statu fattu nunda.

Ciò chì hè fattu 4 in u pianu era a vita,

è a vita era a luce di l'omi ...

14 È u pianu hè statu fattu carne,

è hà campatu trà di noi,

è avemu vistu a gloria,

gloria di l'unicu da u babbu,

piena di grazia è di verità.

Note è osservazioni chjave in u Prologu à Ghjuvanni

"Parola"

A definizione di logoti hè statu furnitu da parechji lessichi in cima di sta pagina. Logos significa qualcosa chì hà dettu ancu u ragiunamentu. "A saviezza parlata" hè un modu stentu per discrive u significatu largu di a parolla. Questu hè, u Logos appartene à ciò chì Diu pensa è ciò chì Diu dice. Questu include a saviezza, u ragiunamentu, l'intenzioni, a logica, u pianu è u scopu di Diu chì hè sempre statu in a cuscenza di Diu. "Plan" si adatta megliu in u cuntestu à u Prologu di Ghjuvanni.

"a Parola era versu u Diu"

A parolla greca pros hè una prepusizione chì significa più letteralmente versu. Questu cumunicà a nuzione chì u logoti era in vista di Diu (in a cuscenza di Diu) è era di fronte à Diu (davanti è centru in i penseri di Diu). Versu connotate ancu "appartenente à" o "secondu". Hè, u logoti hè un aspettu di Diu chì appartene à l'intenzioni / saviezza di Diu. Se l'autore avia intenzione di descrivere una persona cun Diu, averia adupratu a parolla scopu piuttostu chì prus. 

"Diu era a Parola"

I pinsamenti di Diu sò pinsamenti di Diu. Aspetti di Diu sò Diu. A Parola hè una cosa divina (micca Persona). In un sensu simili, u Spìritu (respiru) di Diu hè Diu (essendu a so influenza di cuntrollu). 

"Tuttu à traversu questu hè statu causatu-à-esse è fora di questu hè statu-causatu-esse micca unu".

Tutte e cose esistenu per mezu di Diu logoti (pianu). Questu include l'animali è u primu omu, Adam. Fora di l'intenzioni di Diu, nunda ùn vene in esistenza. Tuttu hè statu fattu per mezu di u ragiunamentu è i scopi di Diu.

"Ciò chì hè causatu à esse in a vita era è a vita era a luce di l'omi" 

A maiò parte di e traduzzione in inglese anu una struttura di frase erronee per includere parolle in u versu 3 chì duverebbenu esse in realtà parte di u versu 4. Piuttostu u versu 3 duveria finisce cù "hè statu fattu micca unu" è u versu 4 deve cuntene "Ciò chì hè fattu". E traduzioni populari in inglese seguitanu a puntuazione bizantina più tardi è micca a puntuazione alessandrina prima chì hè esposta in u Testu Grecu Criticu (NA-28). Un esempiu di una traduzzione inglese chì usa a puntuazione alessandrina di i primi manoscritti grechi hè u Novu Testamentu Comprehensive (COM).

L'ultime duie parolle di u versu 3 (ὃ γέγονεν) devenu daveru fà parte di u versu 4. I traduttori pregiudiziali usanu a puntuazione bizantina dopu per oscurà u fattu chì a vita chì "a luce di l'omi" hè un pruduttu di u logoti è ùn hè micca u logoti ellu stessu. U versu 4 legge currettamente "Ciò chì hè causatu à esse (fattu) in questu (logoti) era a vita è sta vita era a luce di l'omi ". In u sensu simile chì tutte e cose sò entrate in esistenza per mezu di u logoti (pianu), "a vita chì era a luce di l'omi" (Ghjesù) hè ancu ghjuntu in esistenza attraversu u logoti di Diu.

"E a Parola - carne - hè stata causata à esse"

Sapemu da Ghjuvanni 1: 3 chì tutte e cose sò fatte carne per mezu di u logoti è fora di u logoti (pianu) di Diu, nunda ùn vene in esistenza (era causatu-a-esse). U grecu ginomai (γίνομαι) chì significa "caused-to-be" hè a stessa parola greca per causatu à esse in Ghjuvanni 1: 3-4, "Tutto ciò chì hè statu fattu, è fora di questu ùn hè statu fattu micca. ." Ghjesù hè un pruduttu di u loghi (pianu) cum'è tuttu ciò chì hè ghjuntu in esistenza. Tutte e cose, cumpresu Cristu, sò state causate-a-esse (fatte) à traversu u Logos Di Diu. 

lu logoti essendu fattu carne hè Diu chì parla à Ghjesù in esistenza secondu a so Parola. Perchè Ghjesù hè in prima linea di u pianu di Diu per portà a salvezza à u mondu, Ghjesù hè strettamente assuciatu cù a saviezza di Diu è pò esse chjamatu Logos di Diu (Rev 19:13). Questu hè in u sensu chì u testimoniu di Ghjesù hè u spiritu di prufezia (Rev 19:10). U pianu maestru di Diu per salvà l'umanità si centra intornu à u so Messia (untu). Avemu capitu chì l'intenzioni è i scopi di Diu sò realizati in Cristu Ghjesù. Benchì Ghjesù ùn esistessi micca cum'è un essere persunale da u principiu, u pianu di Diu per salvà u mondu per ellu esistia dapoi u principiu. A multiplicità di saviezza di Diu, u pianu di misteru piattu da seculi in Diu, hè u scopu eternu realizatu in Cristu Ghjesù (Ef 3: 9-11)

U Significatu di pros in Ghjuvanni 1: 1 - "è a Parolla era cun (pros) Diu"

A parolla greca spessu tradutta "cun" in Ghjuvanni 1: 1b hè pros (πρὸς). Runzinu significa più literalmente significa "versu". Cusì, una traduzzione più litterale di Ghjuvanni 1: 1b hè "a Parolla era versu Diu". 

U diagrama mostra preposizioni greche cumprese Runzinu "Versu". Cumu pudete vede da u schema pò ancu esse capitu chì significa "affruntà" (qualcosa chì ghjè versu un'altra cosa hè di fronte). Dì chì u logos (parlatu-saviezza) era di fronte à Diu hè di dì chì era in vista di Diu. Hè cusì, si pò capisce chì i penseri di Diu eranu in prima linea di a cuscenza di Diu (in questu sensu eranu cun Diu). 

"Versu" u Diu pò ancu implicà "secondu à Diu" o "appartenente à Diu" cum'è descrivendu un aspettu di Diu in relazione cù a saviezza di Diu, l'intenzioni, u pianu, u scopu, u ragiunamentu, a logica, ecc.

Traduttu pros cum'è "cun" dà un pregiudiziu per fà pensà à u lettore cum'è una persona cù una altra persona. Runzinu u più literalmente significa versu, ma pò significà "cun" in diversi sensi, cum'è qualchissia cù qualcunu altru o qualcosa cù qualcunu cum'è una persona pensa à esse cun elli. Un'altra parola greca scopu (μετὰ) significa più coerentemente "cun" in u sensu di una persona chì hè cun un'altra persona, Per esempiu 1 Ghjuvanni 1: 3, "... in verità a nostra fraternità hè cun (scopu) u Babbu è cun (scopu) u so Figliolu Ghjesù Cristu ". Se l'autore di Ghjuvanni hà capitu u logoti per esse una persona cun Diu, hè più prubabile chì averia utilizatu a parolla scopu datu u so usu di a parolla scopu in 1 Ghjuvanni 1:3.

Chjarificà Ghjuvanni 1: 1-3 cù 1 Ghjuvanni 1: 1-3

U prologu di 1 Ghjuvanni, scrittu da u stessu autore, furnisce alcuni indizii interessanti per clarificà u Prologu di Ghjuvanni. Quì esaminemu u grecu è furnimu una traduzzione litterale è interpretativa di 1 Ghjuvanni 1: 1-3 seguitata da osservazioni chjave.

1 Ghjuvanni 1: 1-3 (NA28)

 1 Ὃ ἦν ἀπʼ ἀρχῆς, ὃ ἀκηκόαμεν, ὃ ἑωράκαμεν τοῖς ὀφθαλμοῖς ἡμῶν, ὃ ἐθεασάμεθα καὶ αἱ χεῖρες ἡμῶν ἐψηλάφησαν περὶ τοῦ λόγου τῆς ζωῆς -

 2 μὶ ἡ ζωὴ ἐφανερώθη, καὶ ἑωράκαμεν καὶ μαρτυροῦμεν καὶ ἀπαγγέλλομεν ὑμῖν τὴν ζωὴν τὴν αἰώνιον ἥτις ἦν πρὸς τὸν πατέρα καὶ ἐφανερώθη ἡμῖν -

 3 ὃ ἑωράκαμεν καὶ ἀκηκόαμεν, ἀπαγγέλλομεν oκαὶ ὑμῖν, ἵνα καὶ ὑμεῖς κοινωνίαν ἔχητε μεθʼ ἡμῶν. καὶ ἡ κοινωνία δὲ ἡ ἡμετέρα μετὰ τοῦ πατρὸς καὶ μετὰ τοῦ υἱοῦ αὐτοῦ Ἰησοῦ Χριστοῦ.

Rendimentu litterale è Traduzzione Interpretative

E traduzioni litterali è interpretative sò furnite quì sottu per 1 Ghjuvanni 1: 1-3. A traduzzione letterale hè basatu annantu à una tavola interlineare cumpleta dispunibule quì: 1 Ghjuvanni 1: 1-3 Interlinear

1 Ghjuvanni 1: 1-3, Traduzzione Litterale

1 Chì era da u primu,

ciò chì avemu intesu,

ciò chì avemu vistu,

chì in vista di noi,

ciò chì avemu osservatu,

Quelle mani di noi chì avemu toccu,

tucchendu a parolla di vita

2 è a vita si manifestava,

è avemu vistu,

è avemu dichjaratu,

è vi dichjaremu,

a vita eterna,

chì era versu u Babbu,

è si hè manifestatu à noi.

3 Ciò chì avemu vistu,

è ciò chì dichjaremu,

è à voi per chì ancu voi,

participazione chì pudete avè à noi,

è a participazione u Babbu,

e u Figliolu di ellu,

di Ghjesù untu.

1 Ghjuvanni 1: 1-3 Traduzzione Interpretativa

1 Ciò chì era da u principiu,

ciò chì avemu intesu,

ciò chì avemu vistu,

quellu chì era davanti à i nostri ochji,

ciò chì avemu osservatu,

quelle autorità chì avemu scontru,

tucchendu u pianu di a vita

2 è a vita si manifestava,

è avemu vistu,

è avemu dichjaratu,

è vi dichjaremu,

a vita eterna,

chì era in vista di u Patre,

è si hè manifestatu à noi.

3 Ciò chì avemu vistu,

è ciò chì dichjaremu,

ancu per voi,

 puderia avè participazione à noi,

è a participazione u Babbu,

e u so Figliolu,

Ghjesù Messia.

Osservazioni da 1 Ghjuvanni 1: 1-3

Queste sò l'osservazioni chjave in quantu à u prologu di 1 Ghjuvanni per aiutà à clarificà l'implicazione di u prologu di Ghjuvanni.

"A parolla di vita"

In u versu 1, a parolla greca hè logoti («U logoti di vita "). U logoti (sapienza parlata, ragiunamentu, pianu, scopu, intenzioni, penseri, ecc.) di Diu sò assuciati à a vita (Diu avia pensatu per noi di participà à a salvezza da u principiu). 

"A vita hè stata manifestata"

Questu à l'iniziu di i versi 2 hè un parallelu cù Ghjuvanni 1: 4 "Ciò chì hè diventatu era a vita è a vita era a luce di l'omi". Hè cusì, a vita (quale hè Ghjesù) hè un pruduttu di u logos, u logos stessu hè a saviezza parlata di Diu, a ragione, l'intenzioni è i penseri chì appartenenu à Diu. 

"A vita eterna, chì era versu u Patre, è ci hè stata manifestata"

U logò hè ancu pros u Patre in Ghjuvanni 1: 1. Postu chì a vita eterna ùn hè micca una persona ma piuttostu un cuncettu, a pudemu vede in un sensu simile logoti hè un cuncettu chì appartene à i penseri di Diu chì eranu direttamente in a cuscenza di Diu (di fronte à Diu ma piattu da noi). A vita eterna hè sinonimu di u Logos (raghjone parlatu) perchè face parte di u pianu di Diu da u principiu, essendu statu pros (in vista di) u Patre da u principiu. 

"Cù u babbu è cù u Figliolu di ellu"

E trè occurrenze di "cun" in u versu 3 sò da a parolla greca scopu (micca pros). Quandu una persona hè descritta per esse cù un'altra hè più adatta à aduprà scopu piuttostu chì prus. Ghjè per quessa scopu ùn hè micca adupratu in Ghjuvanni 1: 1, perchè u logò (parlata-saviezza) ùn hè micca una persona preesistente. 

Loghi in Riferimentu à Diu è Creazione

lu logoti hè un aspettu di Diu chì appartene à l'intenzioni di Diu (Sapienza). Tutte e cose esistenu per mezu di Diu logoti (saviezza parlata). Hè cusì chì a creazione uriginale (primu Adamu) hè stata fatta è hè cusì chì Ghjesù Cristu (l'ultimu Adamu) hè statu fattu. 

cunchiusioni

E traduzioni muderne in inglese sò tradutte cù un pregiudiziu trinitario per presumere chì u logoti hè u Cristu preincarnatu piuttostu cà un aspettu di Diu chì appartene à a so saviezza è intenzioni. Ingannanu u lettore mentre oscuranu ancu ciò chì Logos significa veramente in riferenza à a saviezza eterna di Diu. Ghjesù hè in realtà un pruduttu di u Logos (Spoken-Wisdom) di Diu cum'è tuttu u restu chì hè statu purtatu in esistenza per l'intenzioni di Diu. U logoti esse fattu carne hè Diu chì parla à Ghjesù in esistenza secondu a so saviezza parlata. Ghjesù hè in prima linea di u pianu di Diu per purtà a Salvazione in u mondu. U pianu maestru di Diu per salvà l'umanità si centra intornu à u so Messia (untu). Avemu capitu chì l'intenzioni è i scopi di Diu sò realizati in Cristu Ghjesù. A multiplicità di saviezza di Diu, u pianu di misteru piattu da seculi in Diu, hè u scopu eternu realizatu in Cristu Ghjesù (Ef 3: 9-11)

TD Jakes descrizzione di u logoti (u capisce)