Restaurazione di u Cristianesimu Apostolicu di u I Seculu
Analisi di Filippini Capitulu 2
Analisi di Filippini Capitulu 2

Analisi di Filippini Capitulu 2

I MUVRINI

U tema di Filippini 2 hè "avè a mente di Cristu". (Fil 2: 5). In i versi 6-11 a testimunianza di Ghjesù Cristu hè furnita cum'è l'esempiu principale di l'umiltà è l'ubbidienza chì duvemu avè. Hè ancu enfatizatu, hè a ricumpensa chì Ghjesù hà ricevutu da u serviziu altruistu è l'ubbidienza (Fil 2: 8-11). Tuttavia, Phil 2: 6-7 hè statu tradizionalmente adupratu cum'è testu di prova per i difensori di a duttrina di l'incarnazione. Questu hè chì i versi 6-7 sò tipicamente tradutti cun un preghjudiziu tradiziunale chì pregiudica u lettore per leghje l'incarnazione in u passaghju. Tuttavia, stu passaghju ùn insegna micca chì Ghjesù era Diu è poi diventò un omu. Cuminciamu fighjendu a famosa versione ESV. 

Filippi 2: 1-18 (ESV)

1 Allora s'ellu ci hè qualchì incuragimentu in Cristu, qualsiasi cunfortu da l'amore, ogni participazione à u Spìritu, ogni affettu è simpatia, 2 compie a mo gioia essendu di a stessa mente, avendu u listessu amore, esse in pienu accordu è di una mente. 3 Ùn fate nunda da ambizione egoista o vanità, ma in umiltà contate l'altri più significativi di voi. 4 Chì ognunu di voi guardi micca solu i so interessi, ma ancu l'interessi di l'altri. 5 Avete sta mente trà voi, chì hè a toia in Cristu Ghjesù, 6 chì, ancu s'ellu era in forma di Diu, ùn hà micca cunsideratu l'uguaglianza cun Diu una cosa da capisce, 7 ma sviutatu ellu stessu, pigliendu a forma di un servitore, essendu natu à l'aspettu di l'omi. 8 è essendu truvatu in forma umana, si hè umiliatu diventendu ubbidiente finu à a morte, ancu a morte nantu à una croce. 9 Perciò Diu l'hà altamente esaltatu è hà datu à ellu u nome chì hè sopra ogni nome, 10 cusì chì à nome di Ghjesù ogni ghjinochju deve inchinassi, in u celu è in a terra è sottu à a terra, 11 è ogni lingua confessa chì Ghjesù Cristu hè Signore, per a gloria di Diu u Babbu.

12 Dunque, a mo amata, cum'è avete sempre ubbiditu, dunque avà, micca solu cum'è in a mo presenza ma ancu di più in a mo assenza, travagliate a vostra salvezza cun paura è tremulu, 13 perchè hè Diu chì travaglia in voi, sia per vulintà sia per travaglià per u so bon piacè. 14 Fate tutte e cose senza mormuli o disputà, 15 affinchì siate senza colpa è innocenti, figlioli di Diu senza difettu à mezu à una generazione storta è storta, trà i quali brilli cum'è luci in u mondu, 16 tenendu fermu a parolla di vita, per chì in u ghjornu di Cristu possu esse fieru chì ùn aghju micca curatu in vain o travagliatu in vain. 17 Ancu sì devu esse versatu cum'è una offerta di bevanda nantu à l'offerta sacrifiziale di a vostra fede, Sò cuntentu è ralegru cun voi tutti. 18 In listessu modu duvete ancu esse felice è ralegrassi cun mè.

Chì ghjè u prublema?

A traduzzione in u ESV sopra dà una indicazione di putenza di quantu stu passaghju hè prufondu in enfatizà u missaghju di umiltà è ubbidienza - avendu a stessa mente chì Cristu avia. U prublema hè chì incubatu in questu passaghju hè un torcimentu tradiziunale di e Scritture per trasmette a duttrina di l'incarnazione. U prublema principale hè Fil 2: 6-7 chì hè traduttu ingannevule per inferisce chì Ghjesù era prima in a forma di Diu è poi diventò un omu. Ùn hè mancu appena ciò chì dice u grecu.

Stu passaghju hè ricunnisciutu da i studiosi biblichi cum'è un poema chì probabilmente parallella Isaia 53 chì appartene à u servitore chì soffre. Ùn hè micca destinatu à esse un trattatu teologicu. U cuntestu hè avè a mente di Ghjesù, u Messia umanu. U sughjettu ùn si tratta micca di un cambiamentu di l'essenza o di a natura di Ghjesù. Nè si riferisce à un tempu prima chì Ghjesù era un omu. 

Un'uchjata à l'ESV-Grecu Interlineare

Sottu hè un frammentu di l'interlineare ESV-Grecu per Phil 2: 6-7. E parolle chjave sò identificate cù scatuli codificati di culore cù l'analisi è a definizione furnita in e scatule currispondenti sottu. 

Rivedendu stu schema si deve nutà chì μορφῇ, (morphē) traduttu "forma" significa l'aspettu esternu mentre σχήματι (schēma) traduttu "forma" appartene à ciò chì qualcosa include l'aspettu funzionale di qualcosa. Perchè sti dui paroli grechi diffirenti sò tradutti cum'è "forma" in l'ESV, a distinzione hè persa chì hè in u grecu. 

Si deve ancu nutà chì ὑπάρχων (hyparchō) traduttu "ancu s'ellu era" in l'ESV, hè in a voce attiva attuale chì significa "hè" o "hà" (micca chì "era").

Prughjettendu ciò chì ùn hè micca bè cù l'ESV

A traduzzione ESV di Phil 2: 6-7 hè furnita sottu è i prublemi sò descritti in quantu à e porzioni enfatizate di i versi. 

Filippi 2: 6-8 (ESV)

 6 WHO, ancu s'ellu era in forma di Diu, ùn hà micca cuntatu l'uguaglianza cun Diu una cosa da capisce, 7 ma s'hè svultulatu, pigliendu a forma di un servitore, essendu natu à a sumiglia di l'omi. 8 È esse truvatu in forma umana, si hè umiliatu diventendu ubbidiente finu à a morte, ancu a morte nantu à una croce.

Edizione # 1: "ancu s'ellu era in forma di Diu"

U verbu grecu iparcu hè traduttu cum'è "era" quì. U verbu grecu hè in a voce attiva attuale (micca l'aorist) chì significa "hè" o "hà" piuttostu chì "era". Hè cusì, Ghjesù hè oghji in forma di Diu - Micca ch'ellu fussi in forma di Diu prima ch'ellu fussi fattu à l'aspettu di l'omu. A prima parte di Fil 2: 6 si riferisce à e circustanze attuali di avà esse in l forma di Diu essendu esaltata è stata data un nome sopra à ogni nome (Fil 2: 9-11). Alcune traduzioni rendenu questu cum'è "esse in forma di Diu" chì hè più currettu di "era"

A parolla "ancu" ùn hè micca in u grecu è hè una interpolazione interoperativa. Una interpolazione essendu materia nova o spuria inserita in u testu. In questu casu hè adupratu per pregiudiziu u lettore per dà l'impressione chì l'affirmazione hè da cuntrastà ciò chì vene dopu in u versu 6 "ùn hà micca cuntatu l'uguaglianza cun Diu una cosa da capisce". Aghjunghjendu a parolla "quantunque" à "era" hè una decisione interpretativa pregiudiziale chì va al di là di ciò chì u veru testu trasmette. 

Edizione # 2, "pigliendu a forma di un servitore"

Ùn ci hè parolla "da" in u grecu. Questu hè aghjuntu da i traduttori per implicà chì Ghjesù hà pigliatu a decisione di diventà omu. "By" in questu casu in un'altra interpolazione interpretativa (materia nova o spuria inserita in u testu). 

Edizione # 3, "nata à l'aspettu di l'omi"

A parolla greca tradutta 'natu' hè γενόμενος (ginomai) significa esse, diventà, accade; per esiste, nasce. U significatu generale vene in esistenza senza alcuna riferenza à alcun tippu di preesistenza. 

Edizione # 4, "in forma umana"

A parolla greca tradutta "forma" quì hè ciò chì qualcosa hè piuttostu chè ciò chì pare esse. Questu hè, Ghjesù hè un omu in cumpusizioni è micca solu in l'aspettu. L'ESV traduce tramindui e parolle greche morph e schema cum'è "forma" ma ste parolle greche anu un significatu diversu. U Schema appartene di più à ciò chì qualcosa include l'aspettu funzionale di qualcosa (BDAG) piuttostu chè l'apparenza esterna (morfe). A traduzzione in inglese cunfonde morph "Forma" (ciò chì qualcosa pare esse apparenza esterna) cun schema "Forma" (chì listessa cosa hè in a so cumpusizione). Rendendu queste duie parole si formanu in inglese oscurisce a differenza. Per mantene a distinzione chì ghjè in u grecu sarebbe più ghjustu di traduce morph cum'è "visualizazione" o "apparenza" è schema cum'è "moda" o "composizione" (ontulugia). Questu hè, Ghjesù hè in a manifestazione di Diu, ma hè statu purtatu in esistenza in a cumpusizioni di un omu.  

Chì dice u Grecu?

Ancu s'ellu ci sò alcune traduzioni inglesi notevuli chì sò megliu cà l'altri, sò tutte tradutte cun pregiudiziu per implicà l'incarnazione. Di seguito hè u testu grecu per Phil 2: 5-11 seguitu da traduzioni letterali è interpretative da a tavula interlinea dettagliata quì: Interlinear

Filippi 2: 5-11 (NA28)

5 Τοῦτο Ï†Ï Î¿Î½Îµá¿–Ï„Îµ ἠν á½'μῖν ὃ καὶ ἠν Î§Ï Î¹ÏƒÏ„á¿· á¼¸Î·Ï ¿à¿¦,

6 ὃς ἐν μορφῇ θεοῦ ὑπάρχων οὐχ ἁρπαγμὸν ἡγήσατο τὸ εἶναι ἴσα θεῷ,

7 ἀλλʼ ἑαυτὸν ἐκένωσεν μορφὴν δούλου λαβών, ἐν ὁμοιώματι ἀνθρώπων γενόμενος · καὶ σχήματι εὑρεθεὶς ὡς ςνθρ

8 ἐταπείνωσεν ἑαυτὸν γενόμενος ὑπήκοος μέχρι θανάτου, θανάτου δὲ σταυροῦ.

9 διὸ καὶ ὁ θεὸς αὐτὸν ὑπερύψωσεν καὶ ἐχαρίσατο αὐτῷ oτὸ ὄνομα τὸ ὑπὲρ πᾶν ὄνομα,

10 ἵνα ἐν τῷ ὀνόματι Ἰησοῦ πᾶν γόνυ κάμψῃ ἐπουρανίων καὶ ἐπιγείων καὶ καταχθονίων

11 καὶ πᾶσα γλῶσσα ἐξομολογήσηται ὅτικύριος Ἰησοῦς Χριστὸς εἰς δόξαν θεοῦ πατρός.

Traduzzioni Litterale è Interpretativa

Sottu hè a resa litterale di Filippini 2: 5-11 basata annantu à a tavula interlineare (Interlinear). Si currisponde assai à l'ordine di e parolle di u grecu. A traduzzione interpretativa menu litterale hè ancu mustrata. Sti traduzzioni, custanti cù u significatu grecu, ùn suggerenu micca l'incarnazione. Duverebbe ancu esse evidente chì ogni dichjarazione in u passaghju hà un sensu perfettu considerendu u cuntestu di u passaghju cum'è un tuttu.

Filippi 2: 5-11 Traduzzione litterale

5 Questu penseru in voi

chì ancu in unti, in Ghjesù,

6 chì sustene in forma di Diu,

micca attaccà,

si guverna ellu stessu

essendu uguale à Diu,

7 piuttostu ellu stessu, si sviutò,

forma di servile ch'ellu hà ricevutu,

à l'aspettu di l'omi, era statu causatu,

è in moda

 hè statu truvatu cum'è omu.

8 Si hè umiliatu

essendu diventatu ubbidiente finu à a morte

ancu nantu à una croce. 

9 Perciò ancu ellu hà esaltatu u Diu stessu

è li hà datu

u nome al di là di ogni nome

10 chì à nome di Ghjesù,

ogni ghjinochju si inchinu,

di u celu è di a terra è di sottu a terra,

11 è ogni lingua averia cunfessu

chì u Signore Ghjesù hà untu

per gloria di Diu, di Babbu.

Filippi 2: 5-11 Traduzzione Interpretativa

5 Stu penseru hannu in tè,

u penseru ancu in Messia - in Ghjesù,

6 chì hè in pussessu di l'espressione di Diu,

micca apprupriazione,

s'affirmò ellu stessu

essendu un proxy à Diu,

7 piuttostu ch'ellu ùn si stimava,

spressione di un servitore ch'ellu hà accettatu,

à l'aspettu di l'omi hè statu fattu,

è in cumpusizioni,

hè statu ricunnisciutu cum'è un omu.

8 Si hè umiliatu

essendu diventatu ubbidiente finu à a morte,

ancu nantu à una croce.

9 Dunque ancu Diu stessu hà esaltatu

è li hà datu,

l'autorità sopra ogni autorità, 

10 Chì à l'autorità di Ghjesù,

ogni ghjinochju si inchinu,

di u celu, è di a terra è di quelli sottu a terra,

11 è ogni lingua averia cunfessu

chì Ghjesù is Signore Messiah,

à a loda di u Babbu Diu.

Ghjustificazione di e parolle aduprate

"In Messia"

A parolla greca Χριστῷ (Christo) in a voce dativa chì significa in u untu. L'unti unu u termine grecu per u Messia umanu (Vede Ghjuvanni 1:41). L'untu hè l'omu (Figliolu di l'omu) chì Diu hà numinatu per ghjudicà u mondu in ghjustizia (Atti 17:31). 

"In pussessu di"

A parolla quì ὑπάρχων (hyparchōn) pò ancu esse intesa cum'è esse è ancu esse in pussessu. Chì hè Ghjesù hè in pussessu di l'apparenza / reputazione di Diu. Avè a reputazione di Diu ùn significa micca a listessa cosa chì esse in a natura diversa di Diu. I seguenti sò versi chì illustranu u verbu hyparchō si riferisce à pussede cum'è attestatu da Atti 3: 6 "Ùn aghju (hyparchō) nè argentu nè oru" è 2 Pet 1: 8 "Perchè se queste qualità sò i vostri (hyparchō)." In currispundenza, u nomu hyparchonta si riferisce à i pussidimenti (Vede Matt 24:47, Matt 25:14, Luke 11:21, Luke 12:33, Luke 12:44, Luke 14:33, Luke 16:1, Luke 19:8, 1 Cor 13:3 è Eb 10:34)

À novu, participiu iparchonu hè un participiu attivu prisente. Un participiu attivu prisente puderia esse adupratu per riferisce à qualcosa in u passatu se u verbu principale hè passatu passatu riferendu à un avvenimentu passatu. Tuttavia, i participi ùn sò micca necessariamente cuntempuranei di u verbu principale. U cuntestu dimustra chjaramente chì à Ghjesù hè stata data l'espressione di Diu perchè hà pigliatu prima l'espressione di un servitore è umilmente hà ubbiditu à u so Diu finu à a morte.

Assumendu chì Ghjesù hè Diu in un sensu ontologicu, cume credenu i trinitariani, ùn hà alcun sensu chì Paulu avessi mai bisognu di dìci chì Diu u Figliolu ùn hà micca cunsideratu chì u saccheghju sia uguale a Diu. Invece sì esse o avè in a so forma / apparenza Diu si riferisce à Ghjesù esaltatu è glurificatu, tuttu ciò chì Paul dice hà un sensu cumpletu è si adatta perfettamente à e parolle cunclusive di Paul in i versi 9 à 11 induve spiega chì Diu hà altamente esaltatu Ghjesù per via di a so umilia ubbidienza. Hè Ghjesù, chì hè avà in a forma di Diu, ùn hà micca cunsideratu questu uguaglianza cun Diu qualcosa da saccheghje per ellu stessu.

"Spressione"

A parolla greca aduprata μορφῇ (morphē) significa forma, aspettu esternu, forma. "Spressione", chì significa qualcosa chì si manifesta, incarna o simbulizeghja qualcosa d'altru (Merriam Webster) si adatta bè à sta definizione. "Forma" hè una scelta menu adatta perchè a distinzione cù ciò chì hè qualcosa è ciò chì pare esse hè persa. Piuttostu morph porta a nuzione di pusizione è statutu cum'è in Tobit 1:13 di LXX ("statutu"). U paragone cù u morph di un servitore "(v.7) ci permette di capisce morph cum'è adupratu in u cuntestu di u passaghju hè più simile à u statutu, a pusizione o u rangu. In inglese britannicu "forma" hè aduprata indistintamente cù "rank" cum'è una persona pò esse parlata cum'è in una bona "forma" o "forma".

Da scritti seculari, amparemu chì i Grechi adupravanu morphē per discrive quandu i dii anu cambiatu u so aspettu. Kittel (TDNT) rimarca chì in a mitulugia pagana, i dei cambianu e so forme (morphē), è soprattuttu nota Afrodite, Demetra è Dionisiu cum'è trè chì l'anu fatta. Questu hè chjaramente un cambiamentu di apparenza, micca a natura. Ghjiseppu, un cuntempuraneu di l'Apostuli, l'usu morphē per discrive a forma di e statue (Lessicu di Bauer).

Altri usi di morphē in a Bibbia sustene a pusizione chì morphē si riferisce à l'aspettu esternu. U Vangelu di Mark hà una breve rifarenza à a storia cunnisciuta in Luke 24: 13-33 nantu à Ghjesù chì appare à i dui omi nantu à a strada di Emmaus. Mark ci dice chì Ghjesù apparsu "in una forma diversa (morphē) "À sti dui omi in modu chì ùn l'anu micca ricunnisciutu (Marcu 16:12). Ancu se quella sezione di Mark ùn era probabilmente micca uriginale, mostra chì a ghjente di l'epica aduprava a parolla morphē per riferisce à l'aspettu esternu di una persona. Hè chjaru chì Ghjesù ùn avia micca una "natura essenziale" diversa quandu si prisintò à i dui discìpuli, avia solu un aspettu esternu diversu. I Ghjudei chì traducenu u Septuaginta camion morphē parechje volte, è hà sempre riferitu à l'aspettu esternu.

Hè chjaru chì morphē ùn si riferisce micca à a natura essenziale di Cristu chì certe traduzzione cercanu di fà esse. Chì ghjè chì se u puntu di u versu hè di dì chì Ghjesù hè Diu, allora perchè micca solu dì què? Sì Ghjesù hè Diu, dite què, ùn dite micca ch'ellu hà a "natura essenziale di Diu". Benintesa Diu hà a "natura essenziale" di Diu, allora perchè qualcunu faria chì puntu? Stu versu ùn dice micca "Ghjesù, essendu Diu", ma piuttostu "esse in forma di Diu". Hè in u listessu sensu chì Ghjesù era u morph di un servitore- l'attività o funzione di u titulu. Di conseguenza morph ùn hè micca una classificazione di ciò chì qualchissia hè in un sensu ontologicu (in u so esse intrinsicu). 

"Micca appropriazione"

A parolla greca ἁρπαγμὸν (harpagmon) hè una presa violenta di pruprietà, robba; qualcosa à chì si pò rivindicà o affirmà u tittulu agguantendu o afferrendu; qualcosa rivendicatu. Ciò hè avè u pussessu di l'espressione di Diu, ùn hè micca qualcosa chì Ghjesù si ingiustamente apprupriatu per ellu stessu. Videmu in u versu 9 chì hè Diu stessu chì hà esaltatu Ghjesù u Messia.

Dopu avè dettu chì Cristu era in forma di Diu, Filippini 2: 6 cuntinua dicendu chì Cristu "hà cunsideratu chì esse uguali à Diu ùn hè micca qualcosa esse capitu ". Tradutta cusì, a frasa hè un argumentu putente contru à a Trinità. Sì Ghjesù fussi Diu, allora ùn averia nunda di sensu di dì ch'ellu ùn hà micca "capitu" l'ugualità cun Diu perchè nimu afferra l'ugualità cun ellu stessu. Hè solu sensu chì ùn hè micca uguale à Diu per cumincià.

"S'hè affirmatu"

A parolla greca ἡγήσατο (hēgeomato) significa esse in una capacità di supervisione, guida, guida; impegnassi in un prucessu intellettuale, pensà, cunsiderà, cunsiderà. U grecu hè in a voce media aorista chì indica u passatu passatu è chì ellu hè à tempu u sughjettu è l'ughjettu di u verbu "s'hè affirmatu".

"Proxy"

A parolla greca ἴσα (isa) significa uguale, listessa; in accordu. U significatu di proxy (1) hè l'agenzia, a funzione o l'uffiziu di un deputatu chì agisce cum'è sustitutu di un altru è (2) autorità o putere di agisce per un altru è (3) una persona autorizzata à agisce per un altru (Merriam Webster in ligna). À a luce di u cuntestu di u passaghju "proxy" hè una scelta di parolle adattata.

"Ùn si stimava micca"

A parolla greca ἐκένωσεν (kenoō) significa sviutà, privà; (passà.) esse cavu, viotu, senza valore. Questu trasmette l'idea di privassi di stima (in u sensu di aspettà a ricunniscenza è esse altamente stimati à l'altri). Questu hè custante cun Isaia.

"Espressione di un servitore ch'ellu hà accettatu"

A listessa parolla greca morph hè adupratu quì cum'ellu hè adupratu cù rispettu à Ghjesù chì avà hè in u morph di Diu in u versu 6. Hè chjaru da u cuntestu di questi cuntrastanti morphs chì morph appartene à l'aspettu esternu, l'espressione, u rolu o u statutu in uppusizione à a natura essenziale o à l'ontulugia. L'implicazione hè chì esse in u morph di Diu ùn hè micca esse Diu in un sensu ontologicu ma pussede l'espressione o u rolu di Diu (in virtù di u putere divinu è l'autorità chì li hè stata data).

Accettendu u morph di un servitore ùn significa micca ch'ellu era Diu è hè diventatu omu. Piuttostu chì, cum'è omu, hà accettatu a so missione di esse servitore è di dà si cum'è offerta per tutti. Ùn ci hè nisuna implicazione di preesistenza in questu passaghju, solu quellu chì hè statu purtatu in un statu di esistenza cusciente, era un omu chì si sottumette à a vulintà di Diu cum'è servitore di Diu. U passaghju ci insegna à avè a stessa mente. 

"À a figura di l'omu hè statu fattu"

Per parechje persone, venendu à esse à a forma di l'omi significa automaticamente chì ùn era micca prima in a somiglianza di l'omi, vale à dì, ùn era micca un omu. In a mente trinitaria, tuttu si tratta di sustanza perchè hè a duttrina ch'ellu vole vede in stu versu. Tuttavia, hè funzione è chì Paul parla - ciò chì Ghjesù hà fattu, affinchì i Filippini sappianu cumu seguenu i passi di Ghjesù. A parolla greca genomenos hè ancu adupratu in u prossimu fiatu quandu dice chì Ghjesù "hè diventatu" ubbidiente à morte. Diventà à l'aspettu di l'omi ùn hè micca un modu per dicci chì un essere micca umanu hè diventatu un essere umanu. Hè un modu di dicci chì Ghjesù si hè cunduttu cum'è un umile essere umanu piuttostu chè un esse divinu esaltatu. Hà pigliatu a forma di un servitore è e parolle "à l'aspettu di l'umani" ci chiariscenu di ciò chì si intende per piglià a forma di un servitore.

"in moda (cumposizione)"

A parolla greca σχήματι (schēmati) hè u statu o forma generalmente ricunnisciuta di qualcosa; l'aspettu funzionale di qualcosa secondu u lessicu BDAG u più stimatu. A cumpusizione hè definita cum'è u modu in chì qualcosa hè cumpostu; u truccu generale (Merriam Webster) trasmette da vicinu stu significatu.   

"Hè statu ricunnisciutu"

A parolla greca εὑρεθεὶς (heuritheis) hè in a voce passiva chì significa "esse truvatu". Esse "esse ricunnisciutu" trasmette u significatu: ricunnosce o fassi casu in un certu modu definitu (Merriam Webster).

"Autorità sopra ogni autorità" 

A parolla greca tradutta "autorità" hè ὄνομα (onoma) chì significa nome; titulu; reputazione. in questu cuntestu si riferisce à l'autorità chì Ghjesù hè identificatu cum'è Signore Messia.

U cuntrastu cù Adamu

Ghjesù ùn hà capitu una pusizione à tortu cum'è Adamu. L'errore d'Adamu hè statu invertitu in Ghjesù. Dr.Colin Brown à u Seminariu Fuller hà osservatu chì Phil. 2 ùn si tratta micca di preesistenza è post-esistenza, ma di u cuntrastu trà Cristu è Adamu. Adamu l’omu fattu à l’origine à l’imaghjina di Diu, circò invanu à esse cum'è Diu. Ma Ghjesù hà fattu u cuntrariu essendu ubbidiente à a morte - ancu nantu à una croce. (Kyrious Jesus Revisited di Ernst Lohmeyer) Vede ancu u Duttore James Dunn, Cristulugia in Fattu. Notabile eruditu FF Bruce hà ancu espresu ch'ellu ùn pensava micca chì Paul crede in un Figliolu preesistente (L'unicu Diu, u Babbu, un omu Messiah Translation, 2a Edizione, p. 480, Anthony Buzzard, Borsa di Restaurazione)

Citazioni da Biblisti Trinitari

James Dunn (Methodist NT Scholar) p115. Cristologia in a creazione

«D'altronde si pò vede subitu chì u schema di pensamentu in l'innu Filippinu currisponde pienamente à a Cristulugia in duie tappe evidenti in altrò in u Cristianesimu di prima generazione. - l'accettazione libera di u lottu di l'omu hà seguitu à a morte, è esaltazione à u statutu di Signore sopra tuttu.

JAT Robinson (Anglican NT Scholar), p166 "A faccia umana di Diu"

U ritrattu ùn hè micca di una figura celeste chì si abbassa per diventà omu, per esse esaltatu sempre più altu di quellu chì era prima. Piuttostu, hè chì tutta a pienezza di Diu hè stata permessa ... di truvà incarnazione in quellu chì era cumpletamente unu di noi cum'è qualsiasi altru discendente d'Abràhamu ". 

Jerome Murphy-O'Connor (Scholar Catholic NT)

«Inevitabilmente, quelli chì cumincianu a so esegesi di questu innu cù l'assuntu chì riguarda un essaru divinu preesistente tendenu versu una interpretazione docetica (gnostica) di sti filari. "

James P. Mackey (Teologu Cattolicu). p52 "L'Esperienza Cristiana di Diu cum'è Trinità"

"U fattu chì in u cuntestu di l'innu in l'epistola vera ùn ci hè menzione à nunda di sta figura divina anonima chì diventa omu... "

Karl-Josef Kuschel (teologu tedescu) p250 "Natu prima di tutti i tempi"

"Da questu fattu chì u sincretisimu ebraicu piuttostu chè ellenisticu pò esse a chjave per capisce l'innu di i Filippini, L'esegeti oghjinchi anu tiratu a cunclusione radicalmente opposta chì l'innu di i Filippini ùn parla in tuttu di a preesistenza di Cristu. "

Anton Vogtle (Scholar Catòlicu Germanu NT) esegeta Friburgo

"Nisuna preesistenza di Cristu davanti à u mondu cun un significatu indipendente pò esse ricunnisciuta ancu in Phil. 2. " 

Klaus Berger (Erudito Cattolico Tedesco NT) esegeta di Heidelberg

"Filippesi 2: 6 hè primuramente cuncernatu à fà dichjarazioni nantu à u statutu elevatu è in nisun casu necessariamente cuncernatu à a preesistenza. " 

Bas van Iersel (studiu olandese NT) p45. "Figliu di Diu in u Novu Testamentu"

"Ma di preesistenza è di parità di esse cun Diu ùn pudemu scopre alcuna traccia in e lettere di Paul

Better English Translations di Phil 2: 6-7

Eccu un campionamentu di alcune di e migliori traduzioni in inglese chì sò menu pregiudiziali per basà u lettore. Sò tradutti più littiralmente ma ancu cun pregiudiziu per implicà l'incarnazione. In certi casi, mustrati in itàlicu, e parolle ùn sò micca tradotte accuratamente.

Versione Standard Letterale (LSV): wHo, essendu in forma di Diu, ùn pensava micca qualcosa da piglià per esse uguale à Diu, ma si svuotò, pigliendu a forma di un servitore, essendu statu fattu à l'aspettu di l'omi,

Bibbia di Studiu Berean (BSB): Quale, esistente in forma di Diu, ùn hà micca cunsideratu l'uguaglianza cun Diu qualcosa da capisce, ma si hè svuotatu, pigliendu a forma di un servitore, essendu fattu à l'aspettu umanu.

Versione inglese rivista (ERV): chì, essendu in forma di Diu, ùn hà micca cunsideratu un premiu per esse in una parità cù Diu, ma si hè svultatu, pigliendu a forma di un servitore, essendu fattu à l'aspettu di l'omi;

Bibbia di Tyndale di u 1526: Quale beynge in forma di Diu è pensava chì ùn era micca una rapina per esse uguale à Diu. Eppuru li fece arruffà senza reputazione è li pigliò a forma di un servaunte è diventò lick à l'omi

Bibbia Coverdale di u 1535: chì u beyinge in a forma di Diu, pensava chì ùn era micca robba per esse uguale à Diu, ma l'hà fattu senza reputazione, è hà pigliatu nantu à ellu a forma di un servitore, hè diventatu cum'è altru omu,

Bibbia di i Vescovi di u 1568 Quellu chì stà in u quatru di Diu, hà pensatu chì ùn era micca una robba esse uguale à Diu. Ma si fece senza reputazione, pigliò nantu à ellu u quatru di un servitore, è li fece in a licenzia di l'omi, 

Bibbia di Ginevra di u 1587: Quale essendu in a forma di Diu, ùn pensava micca robba di esse uguale à Diu: Ma ellu ùn si fece micca reputazione, è pigliò nantu à ellu a forma di un servitore, è hè statu fattu cum'è l'omi, è hè statu fundatu in forma cum'è omu.

Bibbia di u Rè Ghjacumu di u 1611 (KJV): Quale, essendu in a forma di Diu, hà pensatu chì ùn era micca una rapina per esse uguale à Diu:

A traduzzione litterale di Young di u 1898 (YLT): chì, essendu in forma di Diu, ùn pensava micca chì a robba sia uguale a Diu, ma si svuotava, a forma di un servitore avendu presu, à l'aspettu di l'omi fatti.

Versione Standard Americana di 1901 (ASV): chì, esistendu in forma di Diu, ùn cuntava micca l'essere nantu à una parità cù Diu una cosa da capisce, ma si svuotava, pigliendu a forma di un servitore, essendu fattu à l'aspettu di l'omi;

Bibbia Lamsa (Peshitta): Quale, essendu in a forma di Diu, ùn hà micca cunsideratu chì a robba sia uguale à Diu: Ma si hè fattu senza reputazione è hà pigliatu nantu à sè a forma di un servitore, è era à l'aspettu di l'omi:

Presunzioni erronee è cuncepzioni sbagliate

Eccu un elencu di presunzioni erronee cumuni è inferenze riguardanti Fil 2: 5-7

  1. A parolla "era" in riferimentu à a mente di Cristu pregiudica u lettore per suppone chì Paul parla di un passatu passatu induve Ghjesù avia una certa mentalità è di suppone chì Cristu avia sta mentalità prima di diventà umanu.
  2. Presumendu chì Paulu parli di un Figliolu preincarnatu chì "era" in a "forma di Diu".
  3.  Presumendu chì u terminu "forma di Diu" significa "Diu" è cascà per vede chì ùn hà micca sensu riferisce à Diu cum'è essendu in forma di Diu. Hè solu sensu di riferisce à qualchissia altru cum'è à l'imaghjini di Diu o in a forma di Diu. 
  4.  Presumendu chì Ghjesù s'hè sviutatu di alcune di e so prerogative divine o di a so gloria di pusizione in celu.
  5. Presumendu chì ùn lu cunsideressi micca cum'è un saccu per esse uguale à Diu hè chì Ghjesù ùn avia nisun prublema per esse uguale à Diu. In u cuntestu, questu ùn hà nunda di sensu postu chì u scopu di Paulu hè di mustrà à i Filippini cumu umiliassi è serve cum'è Ghjesù hà servitu u so Diu.
  6. Pigliendu e parolle di Paul per dì chì u versu 6 chì Ghjesù ùn hà micca cunsideratu "aggrappatu à" l'ugualità cù Diu. Tuttavia, questu significava chì Ghjesù incarnatu ùn era micca uguale à Diu chì neganu.
  7. Piglià u versu 6 per significà chì Ghjesù ùn hà micca sfruttatu, o apprufittatu di a so parità cù Diu. Tuttavia, se Ghjesù avia dighjà un arpagmos induve sò allora e parolle di u versu 6 chì si riferenu à sfruttallu?  arpagmos significa à pena sfruttamentu. Si riferisce à qualcosa strappatu / pigliatu per sè stessu cum'è saccheghju.
  8. Presumendu chì "piglià a forma di un servitore" significa "aghjunghje una natura umana" per ellu stessu. E parolle "diventà à l'aspettu di l'omi", o "diventà à l'aspettu di l'omi" qualificanu l'espressione "piglià a forma di un servitore". In u cuntestu, a somiglianza di l'omi hè cuntrastata cù a forma di Diu. A parolla greca quì dice chì Ghjesù hè entratu in a so esistenza à l'aspettu di l'omu.

Peghju Traduzioni Inglese di Fil 2: 6-7

Eccu un campionamentu di alcune di e peghju traduzioni in inglese chì sò altamente pregiudizievuli per basà u lettore non solu per implicà l'incarnazione, ma per assume. U cuntenutu ingannevule chì svia da u significatu litterale di u testu hè in itàlicu. 

New Versione Internaziunale (NIV)Quale, essendu in assai natura Diu, ùn hà micca cunsideratu chì l'ugualità cù Diu sia qualcosa adupratu à u so propiu vantaghju; piuttostu, ùn si fece nunda by pigliendu u assai natura di un servitore, essendu fattu in sumiglia umana.

New Living Translation (NLT): Sibbeni he Diu, ùn hà micca pensatu à l'uguaglianza cun Diu cum'è qualcosa attaccà si. Invece, ellu rinunciò à i so privileggi divini ; pigliò a pusizione umile di schiavu è hè natu cum'è un essere umanu. Quandu pareva in forma umana,

A Bibbia di u Messaghju (MSG):  He avia uguale statutu cù Diu ma ùn hà micca pensatu tantu à sè stessu ch'ellu duvia appicà si à l'avantaghji di stu statutu, ùn importa ciò chì. Manca appena. Quandu u tempu hè ghjuntu, hà messu da cantu i privileghi di a divinità è hà pigliatu u statutu di schiavu, addivintò umanu!

Nova Bibbia Standard Americana 2020 (NASB 2020): WHO, as He già esistia in forma di Diu, ùn hà micca cunsideratu l'uguaglianza cun Diu qualcosa da capisce, ma si hè svuotatu by piglià a forma di un servitore di bonu e essendu natu à a sumiglia di l'omi

Nova Bibbia Standard Americana 1995 (NASB 95): chì, ancu s'ellu Esistia in forma di Diu, ùn hà micca cunsideratu l'uguaglianza cun Diu cum'è una cosa da capisce, ma si hè svuotatu, pigliendu a forma di servitore di schiavitù, è esse fattu à l'aspettu di l'omi

Versione Inglese Contemporanea (CVE): Cristu era veramente Diu. ma he ùn hà micca pruvatu à stà uguali à Diu. Invece ellu rinunciò à tuttu è divintò schiavu, quannu he addivintò cum'è unu di noi.

Bibbia NET (NET): chì sippuru he esistia in forma di Diu ùn hà micca cunsideratu l'uguaglianza cun Diu cum'è qualcosa da capisce, ma si hè svuotatu by pigliendu a forma di schiavu, by circà cum'è lucca omi, è da spartera in a natura umana.

Versione standard riversata (RSV): WHO, sippuru he in forma di Diu, ùn hà micca cuntatu l'uguaglianza cun Diu una cosa da capisce, ma si hè svultatu, pigliendu a forma di un servitore, essendu natu in u similitudine di l'omi.

Nova Versione Standard Riveduta (NRSV): WHO, sippuru he in forma di Diu, ùn hà micca cunsideratu l'ugualità cù Diu cum'è qualcosa da sfruttà, ma s'hè svultulatu, pigliendu a forma di schiavu, esse natu in sumiglia umana. È esse truvatu in l'omu furmulariu,

Versione Inglese Inglese (ESV): WHO, sippuru he in a forma di Diu, ùn hà micca cuntatu l'uguaglianza cun Diu una cosa da capisce, ma si hè fattu nunda, pigliendu a forma di un servitore, essendu natu à a sumiglia di l'omi.

Bibbia Cristiana Standard (CSB): chì, esistendu in forma di Diu, ùn anu micca cunsideratu l'ugualità cù Diu cum'è qualcosa da sfruttà. Ma s'hè svultulatu by pigliendu a forma di schiavu è diventendu cum'è l'omu. quandu si truvò in forma d'omu,

Bibbia Standard Holman Christian (HCSB): chì, esistendu in forma di Diu, ùn hà micca cunsideratu l'uguaglianza cun Diu cum'è qualcosa da aduprà per u so propiu vantaghju. Invece si hè svultulatu by assumendu a forma di schiavu, pigliendu a sumiglia di l'omi. È quand'ellu era ghjuntu cum'è un omu in u so esternu forma,

cunchiusioni

A maiò parte di e traduzzione in inglese di Filippini Capitulu 2, specificamente Filippini 2: 6-7, presentanu un preghjudiziu di traduzzione per implicà preesistenza è incarnazione. Tuttavia un'analisi attenta mostra chì stu passaghju ùn insegna micca l'incarnazione ma u valutatore refuta l'ella è a teologia trinitaria. Ciò chì si dice senza termini incerti hè chì Ghjesù hè statu esaltatu è datu l'autorità ch'ellu hà per via di a so ubbidienza finu à a morte nantu à una croce. Invece di discrive l'incarnazione, stu passaghju cunferma a comprensione unitaria di Diu.

Una rivista attenta dimostra chì Filippini 2 ùn insegna micca l'incarnazione à tutti. Hè chjaru chì ùn era micca in pussessu di a forma / espressione di Diu per cumincià. Hè in virtù di l'ubbidienza di l'omu Ghjesù Cristu chì avà hè statu datu u putere è l'autorità è hè statu fattu Signore Messia. Questu hè in accordu cù a proclamazione di l'Atti 2:36 "Chì tutta a casa d'Israele sappia dunque cun certezza chì Diu l'ha fattu à tempu Signore è Cristu (Messia), questu Ghjesù chì avete crucifissu".

Cunsidendu chì u testu pò esse interpretatu in un modu chì nisuna incarnazione hè implicita, hè ironicu chì stu passaghju serve da testu di prova à parechji cristiani chì tenenu una visione di l'incarnazione.

Materiale Supplibale

PRENDI FILIPPIANI 2: 6-11 FORA DI U VACUUM:
UNA LETTURA FRESCA DI CRISTU-INNU À LUMI DI U
ARGUMENTU SOCIU-ETICU DI I FILIPPINI COMU SENU

DUSTIN SMITH

PDF Download: http://focusonthekingdom.org/Taking.pdf

 

Ubbidienza è Umiltà di u Secondu Adamu:
I Filippi 2: 6-11 

SCOTT A. DEANE, MATS

PDF Download: https://focusonthekingdom.org/Obedience%20and%20Humility%20of%20the%20Second%20Adam.pdf

 

I Filippi 2: 6-8

BiblicalUnitarian.com

https://www.biblicalunitarian.com/verses/philippians-2-6-8