Restaurazione di u Cristianesimu Apostolicu di u I Seculu
Ebrei_10: 26, Puderanu esse salvati quelli chì si ne vanu?
Ebrei_10: 26, Puderanu esse salvati quelli chì si ne vanu?

Ebrei_10: 26, Puderanu esse salvati quelli chì si ne vanu?

I MUVRINI

Dui passaggi in Ebrei (10:26 è 6: 4-6) sò à volte malinterpretati dicendu chì sì peccate intenzionalmente dopu avè ricevutu a cunniscenza di a verità è diventatu un credente, chì ùn pudete micca esse perdonatu per u peccatu intenzionale. Tuttavia questu hè un malintendu di ciò chì si dice. Fighjemu à tempu u cuntestu di u passaghju è ciò chì u grecu trasmette in realtà. Cuminciamu fighjendu a traduzzione ESV di u passaghju di Ebrei 10: 22-39 è ancu Ebrei 10:26 in u KJV. 

Ebrei 10: 22-39 (ESV)

22 avvicinemu cun un veru core in piena assicuranza di fede, cù u nostru core spulatu pulitu da una cattiva cuscenza è i nostri corpi lavati cù acqua pura. 23 Andemu tene forte a cunfessione di a nostra speranza senza vacillà, perchè quellu chì hà prumessu hè fidu. 24 È cunsideremu cumu si suscitanu l'unu l'altru à l'amore è à e bone opere, 25 ùn trascurendu di scuntrà inseme, cum'è l'abitudine di alcuni, ma incuraghjendu si, è ancu di più cumu si vede u ghjornu chì s'avvicina.

26 Perchè sì continuemu à peccà deliberatamente dopu avè ricevutu a cunniscenza di a verità, ùn ferma più un sacrifiziu per i peccati, 27 ma una speranza spaventosa di ghjudiziu, è una furia di focu chì cunsumerà l'avversarii. 28 Qualchissia chì hà messu da parte a lege di Mosè more senza pietà di e prove di dui o trè testimoni. 29 Quantu pena peghju, pensate, serà meritatu da quellu chì hà calpestatu u Figliolu di Diu è hà profanatu u sangue di l'allianza da u quale hè statu santificatu, è hà scandalizatu u Spiritu di grazia? 30 Perchè u cunniscimu quellu chì hà dettu: "A vindetta hè a moia; A rimburseraghju ". È dinò, "U Signore ghjudicherà u so pòpulu. " 31 Hè una cosa paurosa di falà in manu à u Diu vivu.
32 Ma ricurdate i tempi antichi quandu, dopu chì site statu illuminatu, avete suppurtatu una lotta dura cù suffrenze, 33 qualchì volta esse publicamente esposti à rimproveri è afflizioni, è qualchì volta esse partenarii cù quelli cusì trattati. 34 Perchè avete avutu cumpassione per quelli chì sò in prigiò, è avete accettatu cun gioia u saccheghju di a vostra prupietà, postu chì sapete chì voi stessi aviate una pussessione migliore è una dimora. 35 Per quessa ùn ghjettate micca a vostra fiducia, chì hà una bella ricumpensa. 36 For avete bisognu di resistenza, affinchì quandu avete fattu a vuluntà di Diu puderete riceve ciò chì hè prumessu. 37 Per, "Eppuru un pocu tempu, è quellu chì vene vene è ùn ritarderà; 38 ma u mo ghjustu ghjustu camparà per fede, è s'ellu si restringe, a mo ànima ùn hà micca piacè in ellu ". 39 Ma ùn simu micca di quelli chì si restringenu è sò distrutti, ma di quelli chì anu fede è conservanu a so anima.

Ebrei 10:26 (KJV)

26 Perchè sì avemu piccatu cun vuluntà dopu avè ricevutu a cunniscenza di a verità, ùn ferma più sacrifiziu per i peccati.

Panoramica contextuale

U tema di stu passaghju hè di mantene a nostra fede mentre u Ghjornu (di u Signore) s'avvicina. Ùn vulemu micca esse truvati in u peccatu quandu u Signore torna è duvemu affruntà u Ghjudiziu. U versu 26 vene subitu dopu à u versu 25 chì face riferenza diretta à u "Day chì s'avvicina". Questu hè u cuntestu induve u versu 26 deve esse capitu. ESV hè chjaramente una megliu traduzzione in questu casu paragunatu à KJV perchè a parolla greca per peccatu hè in realtà in genitivu. Vale à dì, ùn hè micca un peccatu vuluntariu chì ci cundanna, ma piuttostu dispostu à rientre in un stilu di vita peccatore (perpetuamente peccatu senza restrizzione). Ciò chì hè discrittu quì hè se ùn ignoremu a fede (femu apostasia) è truvemu una vita di peccatu, quandu u ghjornu vene, u sacrifiziu per u peccatu hè statu scartatu. L'apostasia hè a diserzione di a fede. Se abbandunemu a fede, abbandunemu u nostru sacrifiziu. Fighjendu da vicinu u grecu cunferma chjaramente sta valutazione. 

ChristianRefutation.com

Chì dice u Grecu in u versu 26?

Di seguito hè u testu criticu grecu per Ebrei 10:26 seguitatu da una tabella interlineare dettagliata cun ogni parola greca in ordine sequenziale, a resa inglese, l'analisi, è a definizione di lessicu di ogni parola greca. E traduzzione litterale è interpretativa sò furnite sottu à a tavula interlineare

Ebrei 10:26 (NA28)

26 Ἑκουσίως γὰρ ἁμαρτανόντων ἡμῶν μετὰ τὸ λαβεῖν τὴν ἐπίγνωσιν τῆς ἀληθείας, οὐκέτι περὶ ἁμαρτιῶν ἀπολείπε

Traduzzioni Litterale è Interpretativa

Sottu hè a resa litterale di Ebrei 10:26 basata annantu à a tavula interlineare. Si currisponde assai à l'ordine di e parolle di u grecu. A traduzzione interpretativa menu litterale hè ancu mustrata.

Grecu

Traduzione

Analisi

Défintion

26 Ἑκουσίως

vulinteri

Avverbiu

senza cumpulsione, vale à dì apposta, intenzionalmente

γὰρ

di

Coniunzione

mostra inferenza o continuazione: per, perchè, veramente, ma

ἁμαρτανόντων

si-di-piccatu

Verbu, Presente, Attivu, Participiu, Genitivu, Maschile, Plurale

peccatu, commette un peccatu, fà male

ἡμῶν

we

Prunome, Genitivu, (Senza Genere), Plurale, 1a Persona

Eiu, eiu, e mo; noi, noi, i nostri; spessu aghjuntu per enfasi: me stessu, noi stessi

μετὰ

dopu (cun)

Preposizione chì Guverna l'Accusativu

(gen.) cun, trà, un marcatore d'associazione di vari tipi è significati; (acc.) dopu, dopu, un marcatore di tempu

τὸ

l

Determinatore, Accusativu, Neutru, Singulare

u; questu, quellu; ellu, ella, it; τοῦ cun inf. per chì, cusì chì, cù u risultatu chì, quellu

λαβεῖν

avendu ricevutu

Verbu, Aorist, Active, Infinitivu

piglià, riceve; (passà.) da riceve, selezziunatu

τὴν

l

Determinatore, Accusativu, Femininu, Singulare

u, questu, quellu, quale

ἐπίγνωσιν

cunniscenzi

Nomi, Genitivu, Femininu, Singulare

cunniscenza, ricunniscenza, cuscenza

τῆς

di u

Determinatore, Genitivu, Femininu, Singulare

u; questu, quellu; ellu, ella, it; τοῦ cun inf. per chì, cusì chì, cù u risultatu chì, quellu

ἀληθείας

di verità

Nomi, Genitivu, Femininu, Singulare

a verità

οὐκέτι

più

Avverbiu

mancu più, micca di più, mancu più, mancu più luntanu

περὶ

riguardu

Preposizione chì Guverna u Genitivu

(1) gen. circa, cuncernante, di, in riferimentu à; per; à causa di (π. ἁμαρτίας spessu offerta per u peccatu); (2) acc. intornu, circa; vicinu; di, in riferimentu à, riguardu

ἁμαρτιῶν

di u peccatu

Nomi, Genitivu, Femininu, Plurale

peccatu, malfattu; di solitu qualsiasi attu cuntrariu à a vulintà è a lege di Diu

ἀπολείπεται

hè abbandunatu

Verbu, Presente, Passivu, Indicativu, 3a Persona, Singulare

lasciate daretu; abbandunà, disertu (passivamente, stà); per implicazione, abbandunà

θυσία

una offerta

Nomi, Nominativu, Femininu, Singulare

sacrifiziu, offerta; attu di offerta

ChristianRefutation.com

Ebrei 10:26 Traduzzione litterale

Perchè sì vuluntariamente di peccatu - noi stessi  

- dopu avè ricevutu a cunniscenza di a verità -

- micca più - riguardu à u peccatu -

hè abbandunatu - una offerta

Ebrei 10:26 Traduzzione Interpretativa

 Perchè sì simu peccati deliberatamente

dopu avè ricivutu a cunniscenza di a verità,

ùn ci hè più un'offerta riguardu à u peccatu - 

hè abbandunatu

 

ChristianRefutation.com

Analysis

Permettemu di rompe u versu in riferenza à e parolle greche chjave aduprate chì sò spessu malinterpretate.

"Vuluntariamente"

a parolla greca Ἑκουσίως (hekousiōs) significa vuluntariamente, deliberatamente o intenzionalmente. Hè adupratu solu duie volte in u Novu Testamentu U significatu di sta parolla hè infurmatu in più da l'altra occurrenza in 1 Petru 2: 5, "pastore a banda di Diu chì hè trà voi, esercitendu a surveglianza, micca sottumessu, ma vulinteri, cum'è Diu ti vuleria ". In questu versu disposti hè cuntrastatu cù una parolla greca chì significa sottu compulsione. Hè Ἑκουσίως (hekousiōs) hè l'inversu di a compulsione. L'implicazione hè "se-di-peccatu" senza limitazione, allora u sacrifiziu hè abbandunatu. Hè quellu chì commette u peccatu chì u face cù un cumpletu disprezzu di a verità. Quandu omu si vende à u peccatu anu abbandunatu a so fede.

"Di u piccatu"

A parolla greca ἁμαρτανόντων (hamartanontōn) si trova in u casu genitivu grecu. L'usu più cumunu di u genitivu hè quandu a parolla in u genitivu dà una certa descrizzione di a testa cunnisciuta (hè descrittiva). Hè cusì, a parolla funziona un pocu cum'è un aggettivu. A parolla "di" hè tipicamente aghjunta prima di u verbu per occurrenze di u genitivu. Ciò chì hè trasmessu da u participiu in u genitivu plurale "se-di-peccatu". Vale à dì, sì simu "di-peccatori" (micca chì avemu peccatu deliberatamente) u nostru sacrifiziu / offerta hè stata abbandunata.

L'acclarimentu impurtante quì hè chì si riferisce à un statu attuale di esse descrittu cum'è qualcunu chì participa attivamente à u peccatu. U casu genitivu mudifica u significatu basicu di u verbu in modu tale chì u verbu sia descrittivu di un mudellu attuale di cumpurtamentu piuttostu cà di un precedente. Ciò chì hè implicitu hè u verbu "peccatu" descrive u statu attuale di l'essere, u mudellu di comportamentu o a caratterizazione. Infatti ùn vulemu micca esse pigliati in u peccatu quandu u Signore torna. Se avemu scartatu a nostra fede, avemu ancu scartatu u nostru sacrifiziu. U passaghju ùn dice nunda à l'effettu chì, se avemu scartatu a nostra fede, ch'ellu hè impussibile di riacquistalla. Ma avemu bisognu di pentene è alluntanà torna da u peccatu per paura chì u ghjornu di u Signore venghi nantu à noi per sorpresa. 

"Hè abbandunatu"

A parolla greca ἀπολείπεται (apoleipetai) significa à lascià o abbandunà. L'implicazione hè di abbandunà. Se abbandunemu a nostra fede abbandunemu u nostru sacrifiziu. Se abbandunemu a nostra fede, abbandunemu u nostru sacrifiziu. Tuttavia, nunda in u passaghju indica chì, se retrocedi in a bughjura, ùn pudemu micca rientre in a luce è ristabilisce a nostra fede. 

ChristianRefutation.com

Versione Standard Literal

Una resa adatta di Ebrei 10:26 hè data da a Versione Standard Literal. induve a parolla "sò" hè aghjuntu per mudificà a parolla "peccatu". Ciò dà una implicazione più precisa chì simu fora di e prumesse di Diu se stemu piccatu (micca chì avessimu peccatu deliberatamente dopu avè credutu). Ùn pudemu micca esse truvati in un statu di disubbidienza volontaria quandu u Signore torna. Se u rifiutemu - ellu ci rifiuterà.   

Ebrei 10:26 (LSV)

Per [se] noi peccatu vulinteri dopu avè ricevutu a piena cunniscenza di a verità - ùn ferma più sacrifiziu per i peccati,

ChristianRefutation.com

Scrittura di Bilanciamentu

Di seguito sò parechje riferenze per mette e cose in prospettiva. Diu hè misericurdiosu è perdona. 

Salmi 32: 5 (ESV), Averaghju cunfessu e mo transgressioni à u Signore ", è avete perdunatu l'iniquità di u mo peccatu

5 Aghju ricunnisciutu u mo peccatu per voi, è ùn aghju micca coperto a mo iniquità; Aghju dettu: "Averaghju cunfessu e mo transgressioni à u Signore", è avete perdunatu l'iniquità di u mo peccatu. Selah

Ezekiel 18: 21-23 (ESV), Aghju qualchì piacè per a morte di i gattivi, dice u Signore Diu

  21 «Ma sì un gattivu si alluntana da tutti i so peccati ch'ellu hà commessi è tene tutti i mo statuti è faci ciò chì hè ghjustu è ghjustu, camperà sicuramente; ùn more micca. 22 Nisuna di e transgressioni ch'ellu hà fattu serà ricordata contru ad ellu; perchè a ghjustìzia ch'ellu hà fattu camparà. 23 Aghju qualchì piacè per a morte di i gattivi, dice u Signore Diu, è micca piuttostu ch'ellu si vultessi da a so strada è campi?

Luke 17: 3-4 (ESV), S'ellu hà piccatu sette volte contru à tè - è si volta versu tè sette volte, dicendu: 'Mi pentu', duvete pardunà lu.

3 Attenti à voi stessi! Sì u to fratellu hà piccatu, rimpruverallu, è s'ellu si pentisce, pardunali, 4 è sì ellu peccà sette volte contru à tè in u ghjornu, è si volta versu tè sette volte, dicendu: Mi pentu, duvete pardunà lu. "

Atti 17: 30-31 (ESV), Avà cumanda à tutte e persone di ogni locu di pentassi

30 I tempi di l'ignuranza chì Diu hà trascuratu, ma avà cumanda à tutte e persone di ogni locu di pentassi, 31 perchè hà fissatu un ghjornu induve ghjudicherà u mondu in ghjustizia da un omu ch'ellu hà numinatu; è hà datu l'assicuranza à tutti, fendu risuscità da i morti ".

1 Ghjuvanni 1: 5-9 (ESV), Se confessemu i nostri peccati, ellu hè fidu è ghjustu per pardunacci i nostri peccati

5 Questu hè u messagiu chì avemu intesu da ellu è vi proclamemu chì Diu hè luce, è in ellu ùn ci hè mancu un bughju. 6 Se dicemu chì avemu fraterna cun ellu mentre camminemu in u bughju, mentemu è ùn praticemu micca a verità. 7 Ma se camminemu in a luce, cum'è ellu hè in a luce, avemu fraterna cun l'altri, è u sangue di Ghjesù u so Figliolu ci purifica da ogni peccatu. 8 Se dicemu chì ùn avemu micca piccatu, ci ingannemu, è a verità ùn hè micca in noi. 9 Se confessemu i nostri peccati, ellu hè fidu è ghjustu per pardunacci i nostri peccati è per purificà ci di tutte l'inghjustizie.

1 Tessalonici 5: 2-6 (ESV), Lè noi ùn dormemu micca, cum'è l'altri, ma lasciaremu svegliati è esse sobri

2 Per voi stessi sò pienu cuscenti chì u ghjornu di u Signore venerà cum'è un latru in a notte. 3 Mentre a ghjente dice: "Ci hè a pace è a sicurità", allora a distruzzione improvvisa ghjunghjerà nantu à elli mentre i dolori di travagliu venenu nantu à una donna incinta, è ùn scappanu micca. 4 Ma ùn site micca in u bughju, fratelli, perchè quellu ghjornu vi sorprenderà cum'è un latru. 5 Perchè site tutti figlioli di luce, figlioli di a ghjurnata. Ùn simu micca di a notte o di a bughjura. 6 Dunque, ùn dormemu micca, cum'è l'altri, ma teniamu svegli è esse sobri.

1 Curinzî 1: 4-9 (ESV), Mentre aspettate a rivelazione di u nostru Signore Ghjesù Cristu

4 Rendu grazie à u mo Diu sempre per voi per via di a gràzia di Diu chì vi hè stata data in Cristu Ghjesù, 5 chì in ogni modu eri arricchitu in ellu in tutti i discorsi è tutte e cunniscenze - 6 ancu quandu u testimoniu di Cristu hè statu cunfirmatu trà voi - 7 affinchì ùn vi manchi in alcunu rigalu, mentre aspettate a rivelazione di u nostru Signore Ghjesù Cristu, 8 chì ti sustene finu à a fine, senza colpa in u ghjornu di u nostru Signore Ghjesù Cristu. 9 Diu hè fidu, per quale site statu chjamatu in a cumunione di u so Figliolu, Ghjesù Cristu u nostru Signore.

Ghjacumu 5: 14-15 (ESV), A preghera di a fede salverà quellu chì hè malatu - s'ellu hà fattu peccati, serà pardunatu.

14 Ci hè qualcunu trà voi malatu? Chjamemu chjamà l'anziani di a chjesa, è lasciarli pregà per ellu, ungendulu cù oliu à nome di u Signore. 15 È a preghera di a fede salverà quellu chì hè malatu, è u Signore u suscitarà. È s'ellu hà fattu peccati, serà pardunatu.

Ebrei 3: 12-15 (ESV), Esortatevi ogni ghjornu, sempre chì sia chjamatu "oghje"

12 Attentu, fratelli, per paura ci serà in ognunu di voi un cattivu cattivu, incredulitu, chì vi cunduce à falassi luntanu da u Diu vivente. 13 Ma esurtatevi tutti l'altri ogni ghjornu, basta ch'ellu sia chjamatu "oghje", affinchì nimu di voi sia induritu da l'ingannimentu di u peccatu. 14 Perchè simu venuti à participà à Cristu, sì veramente tenemu ferma a nostra fiducia originale finu à a fine. 15 Cum'è si dice, "Oghje, se sente a so voce, ùn indurisce micca i vostri cori cum'è in a ribellione".

Revelazione 2: 4-5 (ESV), Repent, è fà i travagli chì avete fattu in prima. Altrimenti, cacceraghju u vostru candileru da u so locu

4 Ma aghju questu contru à voi, quellu avete abbandunatu l'amore chì avete avutu prima. 5 Arricurdatevi dunque di duve site falatu; pentitevi, è fate l'opere chì avete fattu in prima. Altrimenti, veneraghju versu tè è cacceraghju u vostru candileru da u so postu, a menu chì ùn ti pentite.

Revelazione 2: 14-16 (ESV), Repent. Inutili, vengu à voi prestu è gueraghju contru ad elli cù a spada di a mo bocca.

14 Ma aghju qualchì cosa contr'à voi: ne avete alcuni quì chì tenenu l'insignamentu di Balaam, chì hà insegnatu à Balak à mette un ostaculu davanti à i figlioli d'Israele, affinch'elli possinu manghjà cibu sacrificatu à l'ìduli è praticà l'immoralità sessuale. 15 Cusì avete ancu alcuni chì detenenu l'insegnamentu di i Nicolaitani. 16 Dunque pentitevi. Inutili, vengu à voi prestu è gueraghju contru ad elli cù a spada di a mo bocca.

Revelazione 2: 20-22 (ESV), Quelli chì commettenu adulteriu cun ella, li ghjittaraghju in una grande tribulazione, a menu chì ùn si pentinu di u so travaglius

20 Ma aghju questu contru à voi, chì tollerate quella donna Jezebel, chì si chjama prufetessa è insegna è seduce i mo servitori à praticà l'immoralità sessuale è à manghjà cibu sacrificatu à l'ìduli. 21 Li aghju datu u tempu di pentassi, ma ella ricusa di pentisce a so immoralità sessuale. 22 Eccu, a lamparaghju nantu à un lettu malatu, è quelli chì commettenu adulteriu cun ella, li lamparaghju in una grande tribulazione, a menu chì ùn si pentinu di u so travaglius,

Revelazione 3: 1-3 (ESV), Repent - Se ùn vi svegliate micca, veneraghju cum'è un latru

1 «È à l'ànghjulu di a chjesa di Sardegna scrivite:« E parolle di quellu chì hà i sette spiriti di Diu è e sette stelle. "'Sò e vostre opere. Avete a reputazione di esse vivu, ma site mortu. 2 Svegliatevi, è rinfurzate ciò chì ferma è hè in traccia di more, perchè ùn aghju micca trovu e vostre opere cumplette in vista di u mo Diu. 3 Arricurdatevi, allora, di ciò chì avete ricevutu è intesu. Mantene, è pentitevi. Sì ùn vi svegliate micca, veneraghju cum'è un latru, è ùn sapete micca à chì ora veneraghju contr'à voi.

Revelazione 3: 15-20 (ESV), Quelli chì amu, rimproveraghju è disciplinu, allora siate zeli è pentitevi

15 "'Sò e vostre opere: ùn site nè fretu nè caldu. Saria chì siate fretu o caldu! 16 Dunque, perchè site tèbia, è nè calda nè fredda, ti sputheraghju da a mo bocca. 17 Perchè dite, sò riccu, aghju prosperatu, è ùn aghju bisognu di nunda, senza capì chì site disgraziatu, pietosu, poveru, cecu è nudu. 18 Vi cunsigliu di cumprà da mè l'oru raffinatu da u focu, affinchì siate ricchi, è vestiti bianchi per pudè vestitevi è a vergogna di a vostra nudità ùn si possa vede, è salvà per unghje i vostri ochji, affinchì vede. 19 Quelli chì amu, rimproveraghju è disciplinu, allora siate zeli è pentitevi. 20 Eccu, mi tengu à a porta è pichju. Sì qualchissia sente a mo voce è apre a porta, entreraghju ind'è ellu è manghjeraghju cun ellu, è ellu cun mè.

ChristianRefutation.com

È Ebrei 6: 1-8?

Ebrei 6: 4-6 hè spessu cumbinatu cù Ebrei 10: 26 per fà un casu chì, se cascate, site persa per primu. Cumu una analisi più stretta mostrerà quale hè u significatu destinatu da l'autore in quantu à u grecu originale. E traduzioni in inglese ùn danu micca necessariamente a resa adatta. A chjave per capisce u cuntestu di i versi 4-6 sò i versi 7-8. 

Ebrei 6: 1-8 (ESV)

1 Dunque lasciemu a duttrina elementare di Cristu è andemu à a maturità, senza pone di novu un fundamentu di pentimentu da opere morte è di fede versu Diu, 2 è d'istruzzioni nantu à i lavati, l'imposizione di e mani, a risurrezzione di i morti, è u ghjudiziu eternu. 3 E questu faremu se Diu permette. 4 Perchè hè impussibile, in u casu di quelli chì sò stati una volta illuminati, chì anu tastatu u donu celeste, è chì anu participatu à u Spiritu Santu, 5 è avete tastatu a buntà di a parolla di Diu è i puteri di l'età à vene, 6 è dopu sò cascati luntanu, per ristabilisceli torna à u pentimentu, postu chì stanu crucifichendu una volta di più u Figliolu di Diu per i so danni è u tenenu à disprezzu.. 7 Perchè a terra chì hà betu a pioggia chì spessu cade nantu à ella, è produce una cultura utile à quelli per u quale hè cultivata, riceve una benedizione da Diu. 8 Ma s'ella porta spine è cardi, ùn vale nunda è hè vicina à esse maladetta, è a so fine hè da brusgià.

ChristianRefutation.com

Chì dice u Grecu in versu Ebrei 6: 4-6?

Di seguito hè u testu criticu grecu per Heb 6-4-6 seguitu da una tabella interlineare dettagliata cun ogni parola greca in ordine sequenziale, a resa inglese, l'analisi, è a definizione di lessicu di ogni parola greca. E traduzioni litterale è interpretative da a tavula interlinea dettagliata sò sottu à a tavula.

Ebrei 6: 4-6 (NA-28)

4 Ἀδύνατον γὰρ τοὺς ἅπαξ φωτισθέντας, γευσαμένους τε τῆς δωρεᾶς τῆς ἐπουρανίου καὶ μετόχους γενηθέντας πνεύματ

5 καὶ καλὸν γευσαμένους θεοῦ ῥῆμα δυνάμεις τε μέλλοντος αἰῶνος

6 καὶ παραπεσόντας, πάλιν ἀνακαινίζειν εἰς μετάνοιαν, ἀνασταυροῦντας ἑαυτοῖς τὸν υἱὸν τοῦ θεοῦ καὶα αμαα.

Grecu

Traduzione

Analisi

Glossaire Pianu di u

4 Ἀδύνατον

Impussibule

Aghjettivu, Nominativu, Neutru, Singulare

à mancanza di capacità in u funziunamentu adeguatu, impotente, impotente

γὰρ

ma

Coniunzione

mostra inferenza o continuazione: per, perchè, veramente, ma

τοὺς

quelli

Determinatore, Accusativu, Maschile, Plurale

u; questu, quellu; ellu, ella, it; τοῦ cun inf. per chì, cusì chì, cù u risultatu chì, quellu

ἅπαξ

primu

Avverbiu

principiu, prima

φωτισθέντας

eranu illuminati

Verbu, Aoristu, Passivu, Participiu, Accusativu, Maschile, Plurale

dà luce à, luce, splende; palisà, palisà, fà cunnosce; illuminà, illuminà

γευσαμένους

anu tastatu

Verbu, Aoristu, Mediu, Participiu, Accusativu, Maschile, Plurale

tastà, manghjà, participà à (implicendu piacè di a sperienza)

τε

dui

Coniunzione

è, ma (spessu micca traduttu); tramindui ... è

τῆς

di u

Determinatore, Genitivu, Femininu, Singulare

u; questu, quellu; ellu, ella, it; τοῦ cun inf. per chì, cusì chì, cù u risultatu chì, quellu

δωρεᾶς

ricumpensa

Nomi, Genitivu, Femininu, Singulare

ricumpensa

τῆς

di u

Determinatore, Genitivu, Femininu, Singulare

u; questu, quellu; ellu, ella, it; τοῦ cun inf. per chì, cusì chì, cù u risultatu chì, quellu

ἐπουρανίου

di u celu

Nomi, Genitivu, Femininu, Singulare

celeste; celeste

μὶ

ancu

Avverbiu

è, ancu, ma, ancu; vale à dì

μετόχους

di spartera

Preposizione chì Guverna u Genitivu

quellu chì participa à, cumpagnu; cumpagnu, cumpagnu

γενηθέντας

elli di causati à esse

Nomi, Genitivu, Femininu, Plurale

diventà, esse; accade, accade, nasce (aor. spessu impedisce. hè accadutu o hè natu); nasce o esse creatu; esse fattu (di e cose), diventatu qualcosa (di e persone); vene, vai

πνεύματος

Spìritu

Nomi, Nominativu, Femininu, Singulare

spiritu, vita interiore, sè; dispusizione, statu di mente; spiritu, esse spiritu o putenza, putenza (spessu di spiriti maligni); vita

ἁγίου

santu

Aggettivu, Genitivu, Neutru, Singulare

distinatu à o da Diu, cunsacratu; santu, moralmente puru, ghjustu;

5 μὶ

5 e

Coniunzione

è; è dopu, allora; ma, eppuru, quantunque; ancu, ancu, listessa

καλὸν

bellu

Aggettivu, Accusativu, Neutru, Singulare

bene; ghjustu, propiu, adattatu; megliu; onorevule, onestu; fine, bella, preziosa

γευσαμένους

anu tastatu

Verbu, Aoristu, Mediu, Participiu, Accusativu, Maschile, Plurale

gustu; manghjà; sperienza

θεοῦ

di Diu

Nomi, Genitivu, Maschile, Singulare

Diu secondu a vulintà di Diu, divina; dopu à a sumiglia di Diu

ῥῆμα

enunciazioni

Nomi, Accusativu, Neutru, Singulare

ciò chì si dice, parolla, dettu; cosa, materia, avvenimentu, accadimentu

δυνάμεις

potenze

Nomi, Accusativu, Femininu, Plurale

putenza, forza; attu di putenza, miraculu

τε

mancu

Coniunzione

è; è cusì, cusì

μέλλοντος

di vene

Verbu, Presente, Attivu, Participiu, Genitivu, Maschile, Singulare

esse andatu, esse circa, intende; deve, esse destinatu; (ptc. senza inf.) vinendu, futuru

αἰῶνος

di età

Nomi, Genitivu, Maschile, Singulare

età; ordine mundiale; eternità

6 μὶ

6 e

Coniunzione

è, ancu, ma, ancu; hè

παραπεσόντας

si falanu

Verbu, Aorist, Attivu, Participiu, Accusativu, Maschile, Plurale

cascà, cummette l'apostasia

πάλιν

di novu

Avverbiu

torna, una volta di più

ἀνακαινίζειν

da ristabilisce

Verbu, Presente, Attivu, Infinitivu

rinnuvà, risturà

μá¼°Ï‚

in

Preposizione chì Guverna l'Accusativu

cù acc. in, à; in, à, sopra, sopra, da, vicinu; trà; contru; cuncernendu; cum'è

μετάνοιαν

penitenza

Nomi, Accusativu, Femininu, Singulare

pentimentu, cambiamentu di core, vultà da i peccati, cambià di strada

ἀνασταυροῦντας

crucifissanu

Verbu, Presente, Attivu, Participiu, Accusativu, Maschile, Plurale

crucifissu; crucifissa di novu

ἑαυτοῖς

in elli

Prunome, Dativu, Maschinu, Plurale, 3a Persona

ellu stessu, ella stessa, ella stessa; possessivu pro. i soi, i soi, ecc .; reciprocu pro. unu l'altru, l'altru

τὸν

l

Determinatore, Accusativu, Maschile, Singulare

u; questu, quellu; ellu, ella, it; cù inf. per chì, cusì chì, cù u risultatu chì, quellu

υἱὸν

figliolu

Nomi, Accusativu, Maschile, Singulare

figliolu; discendente, discendenza, erede; (cun gen.) spessu quellu chì hà una relazione speciale o una somiglianza cù qualcunu o qualcosa; discepulu, seguitu

τοῦ

of

Determinatore, Genitivu, Maschile, Singulare

u; questu, quellu; ellu, ella, ella

θεοῦ

di Diu

Nomi, Genitivu, Maschile, Singulare

Diu, divinu; dopu à a sumiglia di Diu

μὶ

ancu

Coniunzione

è, ancu, ma, ancu; hè

παραδειγματίζοντας

si vergugnanu

Verbu, Presente, Attivu, Participiu, Accusativu, Maschile, Plurale

sottumette à a disgrazia publica, tene u disprezzu, espone à u ridiculu publicu

ChristianRefutation.com

Traduzzioni Litterale è Interpretativa

Sottu hè una traduzzione litterale basata annantu à u tavulu interlineale di sopra. Inoltre hè furnita una traduzzione interpretativa più leggibile basata annantu à u literale.

Ebrei 6: 4-6 Traduzzione Litterale

4 Ma impotenti quelli primi

eranu illuminati

anu tastatu

tramindui u donu di u celu

hà ancu pruvucatu à sparte u Spìritu Santu

5 è anu tastatu belle dichjarazioni di Diu

ancu i puteri di un età chì vene

6 È s’elli falanu

torna à esse ripristinatu in u pentimentu

crucifissanu in sè u figliolu di Diu

anu ancu disgraziatu

Ebrei 6: 4-6 Traduzzione Interpretativa

4 Ma indebuliti sò quelli chì prima

eranu illuminati

avendu tastatu

tramindui u donu di u celu

essendu statu ancu fattu parte di u Spìritu Santu

5 è avendu sperimentatu belle dichjarazioni di Diu

ancu i puteri di l'età chì vene

6 È s'elli cascanu -

torna à esse ripristinatu in u pentimentu -

crucifissanu in sè u Figliolu di Diu

è u disgrazia.

ChristianRefutation.com

Analysis

"Indibulitu"

A parolla greca Ἀδύνατον (adynatos) hè un participiu negativu di δυνατός (dynatos) chì significa putenza. Cusì u significatu hè più littaralmente impotente (micca "impussibile" cum'è parechje traduzioni in inglese leghjenu). Questu pò esse interpretatu per indicà impotenza, carenza, compromissione o disfunzione.

"Avendu tastatu tramindui u donu di u celu essendu statu ancu fattu parte di u Spìritu Santu è avendu sperimentatu belle dichjarazioni di Diu"

Ciò pare riferisce à u battesimu "di u Spìritu Santu è a parlata di lingue mentre u Spìritu dà l'affirmazione. Micca tutti quelli chì si identificanu cum'è cristiani anu ricevutu una sperienza cusì ricca. L'implicazione quì, hè chì se avete ricevutu una tale sperienza ùn ci hè nisuna ragione per chì duvete cascà. Se fate a vostra fede hè gravemente carente. 

"Torna à esse ripristinatu in u pentimentu"

Dice u pentimentu piuttostu cà a salvezza. L'implicazione hè chì se tastà e cose bone di Diu è riceve u Spìritu Santu ùn basta micca à mantene un impegnu à u pentimentu si hà una fede disfunzionale chì hè improbabile di esse risolta. Esse illuminatu, avendu tastatu u donu di u celu, è participatu à u Spìritu Santu, è sperimentà e belle dichjarazioni di Diu duverebbe bastà per teneci in un statu di pentimentu. Se no, avemu qualchì problema seriu. Tuttavia micca tutti quelli chì si identificanu cum'è cristiani anu avutu una sperienza cusì ricca. U passaghju ùn s'applica micca cumpletamente à tutti quelli chì ùn anu ancu sperimentatu à Diu in un modu cusì drammaticu. 

"Crucifissanu in sè u Figliolu di Diu è u disgrazianu"

Questa dichjarazione ùn hè micca una ragione di perchè qualcunu ùn pò micca esse ripristinatu à u pentimentu. L'equivalente grecu di "per" o "perchè" ùn hè micca usatu. Piuttostu parla di l'orribile implicazione di fallu luntanu di disonore di Cristu. Quellu chì si ne và è ferma mortu in a so fede merita di esse brusgiatu u ghjornu di u ghjudiziu di Diu. Chistu ùn significa micca chì ùn avemu micca l'uppurtunità di pentene è di vultà à Diu mentre oghje hè sempre oghje. U cuntestu immediatu hè dinò u versu 7-8:

Ebrei 6: 7-8 (ESV)

7 Perchè a terra chì hà betu a pioggia chì spessu cade nantu à ella, è produce una cultura utile à quelli per u quale hè cultivata, riceve una benedizione da Diu. 8 Ma s'ella porta spine è cardi, ùn vale nunda è hè vicina à esse maladetta, è a so fine hè da brusgià.

ChristianRefutation.com

cunchiusioni

Ciò chì si dice chì sì ùn portate micca frutti dopu avè participatu à l'acqua viva di u Spìritu, a vostra fede hè diventata impotente. Vale à dì, site indibulitu (in un statu di disfunzione) chì vi face improbabile di ritornu à dà frutti. Ùn dice micca chì qualcunu ùn pò micca esse ripristinatu à a fede, ma implica piuttostu chì s'elli ùn portanu micca frutti, a so fede hè impotente è disfunzionale. Avvisate u versu Ebrei 6: 8 dice "vicinu à esse maledettu" (micca hè maladitu). Ci hè sempre una occasione di dà frutti prima di a fine di a racolta. Pentitevi oghje oghje hè oghje!

Nè Ebrei 6: 4-6 nè Ebrei 10:26 indicanu chì unu ùn pò esse salvatu se anu cridutu una volta è sò cascati in u peccatu è l'incredulità. I dui passaghji sò cuncernati à esse pronti per u ghjornu di u Signore. Se ci truvemu chì avemu abbandunatu a nostra fede, u sacrifiziu di Cristu (cumu si applica à noi) serà abbandunatu. Se abbandunemu u Vangelu, seremu abbandunati. Questi passaggi riguardanu à stà in un statu di apostasia. Ùn insegna micca chì se una volta ci ne vultemu, ùn ci hè speranza di vultà. Pentitevi, chì u Regnu di Diu hè vicinu!