Restaurazione di u Cristianesimu Apostolicu di u I Seculu
Credibilità di Matteu Parte 3: Matteu 28:19
Credibilità di Matteu Parte 3: Matteu 28:19

Credibilità di Matteu Parte 3: Matteu 28:19

Evidenza Contra a Parola Tradizionale di Matteu 28:19

A formula trinitaria di battezimu di Matteu 28:19, "battezenduli in nome di u Babbu, di u Figliolu, è di u Spìritu Santu" ùn hè micca prubabile originale di Matteu. E prove per questu includenu citazioni da numerose referenze è ancu e citazioni di Eusebiu. Basatu ste citazioni a lettura originale di Matteu 28:19 era prubabile: "Andate dunque è fate discepuli di tutte e nazioni in u mo nome".

E prove di Eusebiu

  • Eusebiu Pamphili, o Eusebiu di Cesarea hè natu versu u 270 d.C. è mortu versu u 340 d.C.
  •  Eusebiu, à u quale zelu duvemu a maiò parte di ciò chì si sà di a storia di u Novu Testamentu "(Dr.Westcott, Sondaggio Generale di Storia di u Canon di u Novu Testamentu, pagina 108).
  • "Eusebiu, u più grande maestru grecu di a Chjesa è u teologu u più amparatu di u so tempu ... hà travagliatu senza stanchezza per l'accettazione di a parolla pura di u Novu Testamentu cume hè venuta da l'Apostuli. Eusebiu ... si basa solu solu nantu à antichi manoscritti "(EK in u Christadelphian Monatshefte, Aug 1923; Visitatore Fraternu, Ghjugnu 1924)
  • "Eusebius Pamphilius, Vescu di Cesarea in Palestina, un omu di lettura è erudizione vastu, è quellu chì hà acquistatu fama immortale da i so travagli in a storia ecclesiastica, è in altri rami di l'apprendimentu teologicu." ... hà campatu in grande intimità cù u martire Pamphilius, un omu eruditu è ​​devotu di Cesarea, è fundatore di una vasta biblioteca quì, da a quale Eusebiu hà derivatu u so vastu magazinu di amparera ". (JL Mosheim, nota editoriale à a piè di pagina).
  • In a so biblioteca, Eusebiu deve avè trattatu abitualmente i codici di i Vangeli più vechji di dui centu anni chè u primu di i grandi unciali chì avemu avà in e nostre biblioteche " (U ghjurnale Hibbert, uttrovi., 1902)
  • Eusebiu era testimone oculare di un Libru di Matteu inalteratu chì era probabilmente una prima copia vicinu à u Matteu originale.
  • Eusebiu cita u primu libru di Matteu ch'ellu avia in a so biblioteca in Cesarea. Eusebiu ci informa di e parolle vere di Ghjesù à i so discìpuli in u testu originale di Matteu 28:19: "Cù una sola parolla è una voce hà dettu à i so discìpuli:" Andate, è fate discepuli di tutte e nazioni in u mio nome, insegnanduli à osservà tuttu ciò chì vi aghju cumandatu.
  • U MSS chì Eusebiu hà ereditatu da u so predecessore, Pamphilu, in Cesarea in Palestina, alcuni almenu anu cunservatu a lettura originale, in a quale ùn era menzionata nè u Battesimu nè u Patre, u Figliolu è u Spiritu Santu ". Hè evidenti chì questu era u testu truvatu da Eusebiu in i codici assai antichi raccolti cinquanta à centu cinquanta anni prima di a so nascita da i so grandi predecessori (FC Conybeare, Hibbert Journal, 1902, p 105)

Citazioni di Eusebiu

Prova di u Vangelu (a Demonstratio Evangelica), 300-336 d.C.

Libru III, Capitulu 7, 136 (annunziu), p. 157

"Ma mentre i discepuli di Ghjesù eranu assai prubabili o dicendu cusì, o pensendu cusì, u maestru hà risoltu e so difficultà, aghjunghjendu una frase, dicendu ch'elli devenu triunfà" In u mo nome ". È a putenza di u so nome essendu cusì grande, chì l'apòstulu dice: «Diu hà datu ellu un nome chì hè sopra ogni nome, chì in nome di Ghjesù ogni ghjinochju deve inchinassi, di e cose in u celu, è di e cose in terra, è di e cose sottu à a terra, "Hà fattu vede a virtù di u putere in u so nome celatu da a folla quandu hà dettu à i so discìpuli:"Andate, è fate discepuli di tutte e nazioni in u mo nome. " Prevede ancu cù precisione l'avvene quandu dice: "perchè stu Vangelu deve prima esse pridicatu à tuttu u mondu, per esse testimone di tutte e nazioni".

Libru III, Capitulu 6, 132 (a), p. 152

Cù una parolla è una voce disse à i so discìpuli: "Andate, è fate discepuli di tutte e nazioni in u mo nome, insegnanduli à osservà tuttu ciò chì vi aghju urdinatu ", ...

Libru III, Capitulu 7, 138 (c), p. 159

Sò irresistibilmente ubligatu à ritruvà i mo passi, è à circà a so causa, è à cunfessà ch'elli avarianu pussutu riesce solu in a so audace impresa, da una putenza più divina, è più forte di quella di l'omu è da a cooperazione di Quellu chì hà dettu à elli; "Fate discepuli di tutte e nazioni in u mo nome. "

Libru IX, Capitulu 11, 445 (c), p. 175

È invita i so discìpuli dopu u so rigettu, "Andate è fate discepuli di tutte e nazioni in u mo nome. "

Note di piè di pagina di a Bibbia è Riferimenti riguardu à Matteu 28:19

A Bibbia di Ghjerusalemme, 1966

Pò dassi chì sta formula, per ciò chì tocca à a pienezza di a so spressione, hè un riflessu di l'usu liturgicu stabilitu dopu in a cumunità primitiva. Si ricorderà chì l'Atti parlanu di battezzà "in nome di Ghjesù".

Nova Versione Standard Riveduta

I critichi muderni pretendenu sta formula hè falsamente attribuita à Ghjesù è chì riprisenta a tradizione di a chjesa (cattolica) dopu, perchè in nisun locu in u libru di l'Atti (o qualsiasi altru libru di a Bibbia) si face u battesimu cù u nome di a Trinità ...

Traduzzione di u Novu Testamentu di James Moffett

Pò dassi chì sta formula (trinitaria), per ciò chì tocca à a pienezza di a so spressione, sia un riflessu di l'usu liturgicu (cattolicu) stabilitu dopu in a cumunità primitiva (cattolica), Si ramenterà chì Atti parla di battezzà "à nome di Ghjesù".

The International Standard Bible Encyclopedia, Vol. 4, pagina 2637

«Matteu 28:19 in particulare solu canonizeghja una situazione ecclesiastica dopu, chì u so universalisimu hè cuntrariu à i fatti di a prima storia cristiana, è a so formula Trinitaria (hè) straniera à a bocca di Ghjesù. "

I Cumentu di u Novu Testamentu Tyndale, I, pagina 275

"Hè spessu affirmatu chì e parolle in nome di u Patre, è di u Figliolu, è di u Spìritu Santu ùn sò micca ipsissima verba [parolle esatte] di Ghjesù, ma ...un aghjuntu liturgicu dopu. "

Un dizziunariu di Cristu è di i Vangeli, J. Hastings, 1906, pagina 170

Hè dubbitu se l'ingiunzione esplicita di Matt. 28:19 pò esse accettatu cum'è dichjaratu da Ghjesù. ... Ma a formula trinitaria in a bocca di Ghjesù hè sicuramente inaspettata.

Enciclopedia Britannica, 11a Edizione, Volume 3, pagina 365

"U battesimu hè statu cambiatu da u nome di Ghjesù in parolle Patre, Figliolu è Spiritu Santu in u 2u Seculu. "

The Anchor Bible Dictionary, Vol. 1, 1992, pagina 585

"L'enigma storica ùn hè micca risolta da Matteu 28:19, postu chì, secondu un ampiu cunsensu eruditu, ùn hè micca un dettu autenticu di Ghjesù"

The Interpreters Dictionary of the Bible, 1962, pagina 351

Matteu 28:19 "... hè statu disputatu per motivi testuali, ma in l'opinione di parechji studiosi e parolle ponu sempre esse cunsiderate cum'è parte di u veru testu di Matteu. Ci hè, tuttavia, un dubbitu seriu sì a toia pò esse a ipsissima verba di Ghjesù. L'evidenza di l'Atti 2:38; 10:48 (cf. 8:16; 19: 5), sustenutu da Gal. 3:27; Rom 6: 3, suggerisce chì u battesimu in u primu cristianesimu era amministratu, micca in u triplu nome, ma "in nome di Ghjesù Cristu" o "in nome di u Signore Ghjesù". " Questu hè difficiule da cuncilià cù l'istruzzioni specifiche di u versu à a fine di Matteu ".

U Dizziunariu di a Bibbia, 1947, pagina 83

"Hè statu l'usu di tracciare l'istituzione di a pratica (di u battesimu) à e parolle di Cristu scritte in Matteu 28:19. Ma L'autenticità di questu passaghju hè stata sfidata sia per motivi storichi sia testuali. Ci vole à ricunnosce chì a formula di u triplu nome, chì hè quì urdinata, ùn pare micca esse statu impiegatu da a Chjesa primitiva"

Riferimenti Addiziunali riguardu à Matteu 28:19 è u Battesimu

Storia di a Critica di u Novu Testamentu, Conybeare, 1910, pagine, 98-102, 111-112

"Hè chjaru, dunque, quellu di u MSS chì Eusebiu hà ereditatu da u so predecessore, Pamphilu, in Cesarea in Palestina, alcuni almenu anu cunservatu a lettura originale, in a quale ùn era micca menzionata nè u Battesimu nè u Patre, u Figliolu è u Santu Ghost. "

U Cummentariu Criticu Internaziunale nantu à e Sacre Scritture di l'Anticu è u Novu Testamentu; S. Driver, A. Plummer, C. Briggs; Un Cummentariu Criticu è Esegeticu di San Matteu Terza Edizione, 1912, pagine 307-308

«Eusebiu cita in sta forma corta cusì spessu chì hè più faciule di suppone ch'ellu cite sicuramente e parolle di u Vangelu, chè d'inventà mutivi pussibuli chì l'anu pussutu cusì spessu avè parafrasatu. È sì una volta supponemu chì a so forma corta sia stata attuale in MSS. di u Vangelu, ci hè assai prubabilità in a cunghjettura chì hè u testu uriginale di u Vangelu, è chì in i seculi dopu a clausula "battezi ... Spiritu" hà rimpiazzatu u più cortu "in u mo nome". È l'inserzione di stu tipu derivata da l'usu liturgicu seria assai rapidamente aduttata da copisti è traduttori ". 

Dizziunariu Hastings di a Bibbia 1963, pagina 1015:

"U testu trinitariu capimachja in u NT hè a formula di battesimu in Mt 28: 19 ... Stu tardu dettu di a risurrezzione, micca truvatu in alcun altru Vangelu nè in altrò in u NT, hè statu cunsideratu da alcuni studiosi cum'è una interpolazione in Matteu. Hè statu ancu signalatu chì l'idea di fà discepuli hè continuata in l'insignamentu, cusì chì u riferimentu intervenente à u battesimu cù a so formula trinitaria era forse un inserimentu più tardu in u dettu. Infine, a forma di u testu (anticu) d'Eusebiu ("in u mo nome" piuttostu chè in u nome di a Trinità) hà avutu certi difensori. Ancu se a formula trinitaria si trova avà in u libru mudernu di Matteu, questu ùn garantisce micca a so fonte in l'insegnamentu storicu di Ghjesù. Hè senza dubbiu megliu vede a formula (trinitaria) derivata da l'usu cristianu (catolicu) primariu, forse sirianu o palestinianu, battesimale (cf Didache 7: 1-4), è cum'è un breve riassuntu di l'insegnamentu di a chjesa (cattolica) nantu à Diu, Cristu è u Spìritu ... "

Parolla Cummentariu Biblicu, Vol 33B, Matteu 14-28; Donald A. Hagner, 1975, pagina 887-888

"U triplice nome (à u più solu un trinitarisimu incipiente) in u quale u battesimu duvia esse realizatu, invece, pare chjaramente esse una espansione liturgica di l'evangelista cunseguente cù a pratica di i so tempi (cusì Hubbard; cf. . 7.1). Ci hè una bona pussibilità chì in a so forma uriginale, cum'è tistimunieghja a forma eusebiana ante-nicena, u testu leghje "fà discepuli in u mo nome" (vede Conybeare). Questa lettura più corta cunserva u ritmu simmetricu di u passaghju, invece chì a formula triadica s'adatta goffamente à a struttura cum'è si puderebbe aspettà se fosse un'interpolazione ... Hè Kosmala, tuttavia, chì hà sustenutu u più efficacemente per una lettura più corta, puntendu à u centru impurtanza di "nome di Ghjesù" in a predicazione cristiana primitiva, a pratica di u battesimu in nome di Ghjesù, è u singulare "in u so nome" in riferimentu à a speranza di i pagani in Isa. 42: 4b, citatu da Matteu in 12: 18-21. Cum'è Carson nota bè cù raghjone di u nostru passaghju: "Ùn ci hè nunda di prova chì avemu quì a ipsissima verba di Ghjesù" (598). A narrazione di l'Atti nota l'usu di u nome solu di "Ghjesù Cristu" in u battesimu (Atti 2:38; 8:16; 10:48; 19: 5; cf. Rom. 6: 3; Gal. 3:27) o simpliciamente "u Signore Ghjesù" (Atti 8:16; 19: 5)

L'Enciclopedia Schaff-Herzog di a Cunuscenza Religiosa, pagina 435

«Ghjesù, però, ùn pò micca avè datu à i so discìpuli questu ordine trinitariu di battesimu dopu a so risurrezzione; perchè u Novu Testamentu cunnosce solu un battesimu in nome di Ghjesù (Atti 2:38; 8:16; 10:43; 19: 5; Gal. 3:27; Rom. 6: 3; 1 Cor. 1: 13- 15), chì si trova sempre ancu in u secondu è terzu seculu, mentre a formula trinitaria si presenta solu in Matt. 28:19, è dopu solu di novu (in u) Didache 7: 1 è Justin, Apol. 1: 61 ... Infine, u caratteru chjaramente liturgicu di a formula ... hè stranu; ùn era micca u modu di Ghjesù per fà tali formule ... l'autenticità formale di Matt. 28:19 deve esse disputatu ... ".

L'Enciclopedia di a Religione è di l'Etica

In quantu à Matteu 28:19, dice: Hè a prova centrale per a visione tradiziunale (trinitaria). S'ellu era incontestabile, questu seria, naturalmente, decisivu, ma a so fiducia hè impugnata per motivi di critica testuale, critica letteraria è critica storica. A stessa Enciclopedia afferma dinò chì: "A spiegazione evidente di u silenziu di u Novu Testamentu nantu à u nome di a triuna, è l'usu di un'altra formula (Nome di Ghjesù) in Atti è Paulu, hè chì questa altra formula era a prima, è a triuna a formula hè un aghjuntu dopu. "

A Bibbia di Ghjerusalemme, Un travagliu Scholariu Cattolicu

«Pò dassi chì sta formula, (Triune Matteu 28:19) per ciò chì tocca à a pienezza di a so spressione, sia un riflessu di l'usu liturgicu (fattu da l'omu) stabilitu dopu in a cumunità primitiva (cattolica). Si ricorderà chì Atti parla di battezzà "in nome di Ghjesù," ... "

The International Standard Bible Encyclopedia, James Orr, 1946, pagina 398

"Feine (PER3, XIX, 396 f) è Kattenbusch (Sch-Herz, I, 435 f. Argumentanu chì a formula trinitaria in Matteu 28:19 hè falsa. Nisun documentu di l'usu di a formula trinitaria ùn pò esse scupertu in l'Atti o l'epistuli di l'apòstuli ".

A Filusufia di i Padri di a Chjesa, Vol. 1, Harry Austryn Wolfson, 1964, pagina 143

A borsa critica, in generale, rifiuta l'attribuzione tradiziunale di a formula battesimale tripartita à Ghjesù è a considera cum'è d'origine successiva. Senza dubbitu allora a formula di battesimu era uriginale custituita da una parte è si hè sviluppata à pocu à pocu in a so forma tripartita.

GR Beasley-Murray, Battesimu in u Novu Testamentu, Grand Rapids: Eerdmans, 1962, pagina 83

"Tutta l'autorità in u celu è in a terra hè stata data à Me" ci porta à aspettà di conseguenza: "Andate è fate discìpuli per mè trà tutte e nazioni, battezienduli in u mo nome, insegnenduli à osservà tutte e cose chì ti aghju urdinatu. » In fattu, a prima è a terza clausole anu stu significatu: pare chì a seconda clausula sia stata mudificata da una formula cristologica à una trinitaria in l'interessu di a tradizione liturgica ".

L'Enciclopedia Cattolica, II, 1913, Battesimu

L'autori ricunnoscenu chì ci hè stata una cuntruversa nantu à a quistione di se solu u battesimu in nome di Cristu hè statu sempre validu. Ricunnoscenu chì i testi in u Novu Testamentu nascenu sta difficultà. Dicenu u "Cumandamentu esplicitu di u Principe di l'Apostuli:" Siate battezzati ognunu di voi in nome di Ghjesù Cristu, per a remissione di i vostri peccati (Atti, ii). " ... A causa di sti testi certi teologhi anu dichjaratu chì l'Apostuli anu battezzatu solu in nome di Cristu. San Tumasgiu, San Bonaventura è Albertus Magnus sò invocati cum'è autorità per questa opinione, dichjarendu chì l'Apostuli anu agitu cusì per dispensa speciale. Altri scrittori, cum'è Petru Lombard è Hugh di San Vittore, sustenenu ancu chì un tale battesimu seria validu, ma ùn dicenu nunda di dispensa per l'Apostuli ".

Dicenu dinò: "L'autorità di u papa Stefanu I hè stata accusata per a validità di u battesimu datu solu in nome di Cristu. San Ciprianu dice (Ep. Ad Jubaian.) Chì stu pontefice hà dichjaratu validu tuttu u battesimu basta ch'ellu sia statu datu à nome di Ghjesù Cristu ... Più difficiule hè a spiegazione di a risposta di u papa Nicola I à i Bulgari (cap. Civ; Labbe , VIII), in quale ellu dice chì una persona ùn deve micca esse ribattizata chì hè stata battezzata "in nome di a Santa Trinità o in nome di Cristu solu, cumu si leghje in l'Atti di l'Apostuli".

Joseph Ratzinger (papa Benedettu XVI) Introduzione à u Cristianesimu: edizione 1968, pp. 82, 83

«A forma basica di a nostra prufessione di fede hà pigliatu forma durante u corsu di u secondu è di u terzu seculu in cunnessione cù a ceremonia di u battesimu. Per ciò chì tocca à u so locu d'origine, u testu (Matteu 28:19) hè venutu da a cità di Roma ".

Wilhelm Bousset, Cristianesimu Kyrios, pagina 295

"U testimoniu per a distribuzione larga di a formula di battezimu simplice [in u Nome di Ghjesù] finu à u seculu seculu hè cusì travolgente chì ancu in Matteu 28:19, a formula trinitaria hè stata dopu inserita."

Per amore di Cristu, Tom Harpur, pagina 103

"Tutti i studiosi, eccettu i più cunservatori, sò d'accordu chì almenu l'ultima parte di stu cumandamentu [parte Triuna di Matteu 28:19] hè stata inserita dopu. A formula [trinitaria] ùn si trova in altrò in u Novu Testamentu, è sapemu da l'unica prova dispunibile [u restu di u Novu Testamentu] chì a prima Chjesa ùn hà micca battezzatu a ghjente aduprendu ste parolle ("in nome di u Babbu, è di u Figliolu, è di u Spìritu Santu ") u battesimu era" in "o" in "u nome di Ghjesù solu. Cusì si sustene chì u versu urigginariamente leghjia "battezialli in u mo nome" è dopu era statu allargatu [cambiatu] per travaglià in u dogma [dopu trinitario catolicu]. In realtà, a prima visione avanzata da studiosi critichi tedeschi è da l'Unitariani in u XIX seculu, hè stata dichjarata cum'è a pusizione accettata di a borsa principale finu à u 1919, quandu u cummentariu di Peake hè statu publicatu per a prima volta: "A Chjesa di u primu ghjorni (33 d.C.) ùn anu micca osservatu questu cumandamentu mundiale (trinitario), ancu s'elli a sapianu. U cumandamentu di battezi in u triplice nome [Trinità] hè una espansione duttrinale tardiva ".

Una Storia di a Chjesa Cristiana, Williston Walker, 1953, pagina 63, 95

"Cù i primi discìpuli in generale u battesimu era" in nome di Ghjesù Cristu ". Ùn ci hè menzione di battesimu in nome di a Trinità in u Novu Testamentu, eccettu in u cumandamentu attribuitu à Cristu in Matteu 28:19. Ddu testu hè prestu, (ma micca l'uriginale) però. Sottostante u Credu di l'Apostuli, è a pratica registrata (* o interpolata) in l'Insegnamentu, (o u Didache) è da Justin. I dirigenti cristiani di u terzu seculu anu mantenutu a ricunniscenza di a forma precedente, è, almenu in Roma, u battesimu in nome di Cristu era cunsideratu validu, sì irregulare, sicuramente da l'epica di u vescu Stefanu (254-257) ".

The Seat of Authority in Religion, James Martineau, 1905, pagina 568

"U stessu racontu chì ci dice chì, à a fine, dopu a so risurrezzione, hà incaricatu i so apostuli d'andà à battezi trà tutte e nazioni (Mt 28:19) si hè traditu parlendu in a lingua trinitaria di u seculu dopu, è ci impone di vede in questu l'editore ecclesiasticu, è micca l'evangelizatore, ancu menu u fundatore stessu. Nisuna traccia storica appare di sta formula di battesimu prima chì l '"Insegnamentu di i Dodeci Apostuli" (cap. 7: 1,3 The Oldest Church Manuel, ed. Philip Schaff, 1887), è a prima Scusa di Ghjustinu (Apol. I. 61.) versu a mità di u seculu seculu: è più di un seculu dopu, Ciprianu hà trovu necessariu d'insistere nantu à l'usu invece di a frasa più vechja battizata "in Cristu Ghjesù", o in u "nome di u Signore Ghjesù" . " (Gal. 3:27; Atti 19: 5; 10:48. Ciprianu Ep. 73, 16-18, deve cunvertisce quelli chì usanu sempre a forma più corta.) Solu Paulu, di l'apòstuli, hè statu battezzatu, prima ch'ellu fussi statu "Pienu di u Spìritu Santu;" è hè statu certamente battizatu simpliciamente "in Cristu Ghjesù". (Rom. 6: 3) Eppuru a forma tri-persunale, quantunque micca storica, hè in realtà insistita cum'è essenziale da guasi tutte e Chjese di a Cristianità, è, se ùn l'avete micca dichjarata nantu à voi, l'autorità ecclesiastiche vi caccianu cum'è omu paganu, è ùn vi accorderà nè ricunniscenza cristiana in a vostra vita, nè sepultura cristiana in a vostra morte. Hè una regula chì cundannerebbe cum'è invalidu ogni battesimu arregistratu fattu da un apòstulu; perchè sì u libru di l'Atti pò esse fidatu, l'usu invariable era u battesimu "in nome di Cristu Ghjesù" (Atti 2:38) è micca "in nome di u babbu, di u Figliolu è di u Spìritu Santu . "

Cumentu di Peake nantu à a Bibbia, 1929, pagina 723

Matteu 28:19, "a Chjesa di i primi ghjorni ùn hà micca osservatu questu cumandamentu mundiale, ancu s'elli a sapianu. U cumandamentu di battezi in u triplu nome hè una espansione duttrinale tardiva. Invece di e parolle "battezi ... Spiritu" duveriamu forse leghje simpliciamente "in u mo nome",

Edmund Schlink, A Duttrina di u Battesimu, pagina 28

"U cumandamentu battesimale in a so forma Matteu 28:19 ùn pò esse l'origine storica di u battesimu cristianu. À u minimu, ci vole à suppone chì u testu sia statu trasmessu in una forma sviluppata da a chjesa [cattolica] ".

Storia di Dogma, Vol. 1, Adolph Harnack, 1958, pagina 79

»U battesimu à l'epica apostolica era in nome di u Signore Ghjesù (1 Cor. 1:13; Atti 19: 5). Ùn pudemu micca distingue quandu a formula in nome di u Babbu è di u Figliolu è di u Spìritu Santu hà sviluppatu "

Catechisimu biblicu, Rev. John C Kersten, SVD, Catholic Book Publishing Co., NY, NY; l973, p. 164

«In Cristu. A Bibbia ci dice chì i cristiani sò stati battizati in Cristu (n. 6). Appartenenu à Cristu. L'Atti di l'Apostuli (2:38; 8:16; 10:48; 19: 5) ci dice di battezi "in nome (persona) di Ghjesù". - una megliu traduzzione seria "in u nome (persona) di Ghjesù". Solu in u IV seculu a formula "In nome di u Patre, è di u Figliolu, è di u Spìritu Santu" hè diventata usuale ".

È u Didache?

  • Didache translit. Didakhé significa "Insegnamentu" è hè ancu cunnisciutu cum'è Insegnamentu di u Signore attraversu i Dodeci Apostuli à e Nazioni
  • A data di u so travagliu originale, a so autore è a so provenienza sò scunnisciute ancu se a maiò parte di i studiosi moderni datanu u primu seculu (90-120 d.C.)
  • U principale testimone testuale di u testu di u Didache hè un manuscrittu in pergamena greca di u XI seculu cunnisciutu cum'è Codex Hierosolymitanus o Codex H, (1056 d.C.) 
  • Hè altamente prubabile chì a Didache sia stata mudificata durante i circa 950 anni da quandu hè stata originaria paragunata à u Codex H
  • U Didache hè mutu nantu à u pentimentu è a morte simbolica in Cristu
  • U Didache 7 dice: "Ma in quantu à u battesimu, cusì battezerete. Dopu avè recitatu prima tutte ste cose, battezi in nome di u Babbu è di u Figliolu è di u Spìritu Santu in acqua viva (currente). Ma sì ùn hai micca acqua viva, allora battezi in altra acqua; è sì ùn sì micca capace in fretu allora in caldu. Ma sì ùn l'avete nè, poi versate acqua nantu à a testa trè volte (trè volte) in nome di u Babbu è di u Figliolu è di u Spìritu Santu ".
  • L'evidenza interna punta à Didache 7 cum'è interpolazione, o aghjuntu dopu. In Didache 9, chì tratta di a cummunione, u scrittore dice: "Ma chì nimu manghja o beie di stu ringraziamentu eucaristicu, ma quelli chì sò stati battizatu in u nome di u Signore Ghjesù"(U testu grecu dice" Iesous "chì hè grecu per Ghjesù)
  • Pocu dopu avè dichjaratu u battesimu duverebbe esse realizatu in i tituli Patre, Figliolu è Spiritu Santu, u Didache afferma a necessità assoluta di esse battezzatu in nome di u Signore Ghjesù (vale à dì, "Iesous" - a stessa parolla greca cum'è in Atti 2:38 ; Atti 8:16; Atti 10:48; Atti 19: 5). Ta so raprisenta una cuntradizione evidente è dà validità à l'argumentu chì Didache 7 hè un'interpolazione.
  • Ancu se ci sò alcuni cuntenuti interessanti in Didache chì eranu probabilmente scritti à l'iniziu di u seculu II, hè evidenti chì l'interpolazioni è l'edizioni successive à Didache causanu incertezza nantu à a veracità di qualsiasi di i so cuntenuti.

Cumentu nantu à u Didache

John S. Kloppenborg Verbin, Excavating Q, pp 134-135

"U Didache, una cumpusizione cristiana di u primu seculu, hè ancu chjaramente cumpostu, custituitu da una sezione" Dui modi "(cap. 1-6), un manuale liturgicu (7-10), struzzioni nantu à l'accolta di prufeti viaghjatori ( 11-15), è una breve apucalissi (16). Mdivergenze arched in stile è cuntenutu cum'è a presenza di interpolazioni dubbiose è evidenti, rendenu chjaru u fattu chì a Didache ùn era micca tagliata da panni interi. A visione dominante oghje hè chì u documentu hè statu cumpostu nantu à a basa di parechje unità indipendenti, preractional chì sò stati assemblati da unu o dui redattoris (Neiderwimmer 1989: 64-70, ET 1998: 42-52). U paragone di a sezzione "Dui modi" cù parechji altri documenti "Dui modi" suggerisce chì Didache 1-6 hè ellu stessu u risultatu di l'editurazione multistage. U documentu hà iniziatu cù una urganizazione piuttostu azzardata (cf. Barnaba 18-20), ma hè statu riorganizatu in una fonte cumuna à i Didache, a Doctrina apostolorum, è l'Ordine di a Chjesa Apostolica ... "

Johannes Quasten, Patrologia Vol. 1, Pagina 36

 Quasten hà scrittu chì u Didache ùn hè statu scrittu durante a vita di l'apòstuli originali: "u documentu hè statu manipulatu da inserzioni successive... u documentu ùn volta micca à i tempi apostolichi ... Inoltre, una tale raccolta d'ordinanze ecclesiastiche presuppone un periodu di stabilizazione di qualchì durata. Dettagli sparsi indicanu chì l'età apostolica ùn hè più cuntempuranea, ma hè passata à a storia ".

Storia di Eusebiu 3:25

À u principiu di u quartu seculu, Eusebiu di Cesarea hà scrittu chì "... i cosiddetti Insegnamenti di l'Apostuli ... eranu falsi. "