Restaurazione di u Cristianesimu Apostolicu di u I Seculu
Vangelu di l'Atti
Vangelu di l'Atti

Vangelu di l'Atti

Chì ghjè u Vangelu di l'Atti?

U Vangelu di l'Atti hè u Vangelu di Ghjesù Cristu secondu u libru di l'Atti. Vale à dì, u Vangelu cum'è insignatu è predicatu da l'Apostuli mentre surtianu in u mondu. Sia u Vangelu di Luca, sia l'Atti di l'Apostuli sò stati scritti da Luke chì hà scrittu in l'introduzione: "In u mo primu libru O Teofilu (vale à dì Cercatore di Diu), aghju trattatu tuttu ciò chì Ghjesù hà cuminciatu à fà è insegnà, finu à u ghjornu quandu era statu pigliatu, dopu avè datu cumandamenti per mezu di u Spìritu Santu à l'apòstuli ch'ellu avia sceltu ". (Atti 1: 1-2) Atti hè criticu postu chì principia induve u Vangelu di Luca hè partutu cù l'ascensione di Cristu. 

Quandu si estrae l'insegnamentu, a predicazione è l'esurtazioni da u libru di l'Atti, vedemu chjaramente u Vangelu chì l'Apostuli credevanu è insegnavanu. Prima hè furnitu un schema di e duttrine fundamentali. Dopu cuminciamu cù uni pochi di versi in l'ultimu capitulu in Luke è entremu ghjustu in a testimunianza di l'Apostuli. Videmu ciò chì quelli incaricati da Cristu pensavanu chì u Vangelu era tuttu mentre vedemu a testimunianza diretta di l'Apostuli chì sò stati scelti da Cristu. I versi pertinenti sò in Versione Standard Inglese (ESV), a menu chì ùn sia altrimenti indicatu.

Schema di l'insignamenti di u Vangelu in Atti 

Un schema di e duttrine fundamentali attestate da l'Atti hè furnitu quì sottu. Questu hè coerente cù Ebrei 6: 1-8 chì descrive insegnamenti fundamentali di a fede. 

1. Pianu di partenza: (duttrina elementare) di Cristu 

Atti 1: 3, Atti 2: 22-36, Atti 3: 13-15, 18-26, Atti 4: 10-12. Atti 4: 24-31, Atti 5: 30-32, Atti 5:42, Atti 7:56, Atti 9: 20-22, Atti 10: 36-46, Atti 11:23, Atti 13: 23-24, Atti 13: 30-35, Atti 13: 36-41, Atti 17: 3, Atti 17: 30-31

2. U pentimentu da l'opere morte è a fede versu Diu

Atti 2:38, Atti 3:26, Atti 7: 44-53, Atti 11:18, Atti 14:15, Atti 17: 24-31, Atti 20:21, Atti 26: 18-20

 3. Istruzzioni nantu à i battesimi (Falà in battesimu + battesimu in u Spìritu Santu)

Atti 2:38, Atti 8:12, Atti 8: 14-18, Atti 8: 36-39, Atti 9: 17-18, Atti 10: 44-48, Atti 11: 15-18, Atti 17: 31- 34, Atti 18: 8, Atti 19: 2-6, Atti 22:16

4. Posa nantu à e mani

Atti 6: 6, Atti 8: 17-18, Atti 9: 12-18, Atti 13: 3, Atti 19: 6, Atti 28: 8

5. Ricevendu u Spìritu Santu, tastendu u donu celeste, tastendu a bona parolla di Diu è a putenza di l'età à vene

Atti 1: 5, Atti 1: 7, Atti 2: 1-4, Atti 2: 15-18, Atti 2:33, Atti 2: 38-42, Atti 8: 14-19, Atti 10: 44-47, Atti 19: 6  

In grecu, "bona parolla" hè "belle dichjarazioni" riferendusi à e lingue cum'è "sperimentendu e belle dichjarazioni di Diu"

6. Risurrezzione di i morti (cumpresu u Regnu di Diu)

Atti 1: 3, Atti 1: 6-7, Atti 1:11, Atti 4: 2, Atti 8:12, Atti 14:22, Atti 19: 8, Atti 20:25, Atti 20:32, Atti 23: 6, Atti 24: 14-21, Atti 26: 6-8, Atti 28:23, Atti 28:31

7. Ghjudiziu eternu

Atti 2: 19-21, Atti 3:21, Atti 10:42, Atti 17: 30-31, Atti 24:15

Ebrei 6: 1-8 (Peshitta aramea, Lamsa)

1  Dunque, lasciemu a parolla elementare di Cristu, è andemu à a perfezione. Perchè torna un altru fundamentu per u pentimentu di l'atti passati è per a fede in Diu? 2 È per a duttrina di i battesimi è per l'imposizione di e mani è per a risurrezzione di i morti è per u ghjudiziu eternu ? 3 Se u Signore permette, questu faremu. 4  Ma questu hè impussibile per quelli chì sò stati battezzati una volta 5 è avete tastatu u rigalu da u celu è avete ricevutu u Spìritu Santu, è avete tastatu a bona parolla di Diu è i puteri di u mondu à vene, 6 Perchè, per elli à u peccatu di novu è esse rinnuvati di novu da u pentimentu, crucificanu u Figliolu di Diu una seconda volta è u mettenu in vergogna. 7 Perchè a terra chì beie in a pioggia chì casca abbundante nantu à ellu, è pruduce erbe utili à quelli per quale hè cultivatu, riceve benedizzione da Diu; 8 Ma s'ellu duveria pruduce spine è briers hè rifiutatu è micca luntanu da esse cundannatu; è à a fine sta cultura serà brusgiata. 

Parte 1, Prelude à u Ministeru

Luke 24: 45-49, Istruzzioni da Cristu

45 Dopu hà apertu a so mente per capisce e Scritture, 46 è li disse: "Cusì hè scrittu, chì u Cristu duverebbe soffre è u terzu ghjornu risuscità da i morti, 47 è chì u pentimentu per u pirdunu i peccati deve esse proclamatu in u so nome à tutte e nazioni, cuminciendu da Ghjerusalemme. 48 Site testimoni di ste cose. 49 Ed eccu, mandu a prumessa di u mo Babbu nantu à voi. Ma stà in cità finu à chì tù sia vistutu di putenza da l'altu. "

Atti 1: 1-11, Introduzione à l'Atti

1 In u primu libru, O Teofilu, aghju trattatu tuttu ciò chì Ghjesù hà cuminciatu à fà è à insegnà, 2 sinu à u ghjornu quandu era statu pigliatu, dopu avè datu cumandamenti per mezu di u Spìritu Santu à l'apòstuli quale ellu avia sceltu. 3 Si prisintò vivu ad elli dopu a so suffrenza per parechje prove, affaccenduli durante quaranta ghjorni è parlendu di u regnu di Diu. 4 È mentre stava cun elli, li hà urdinatu di ùn parte micca da Ghjerusalemme, ma d'aspittà a prumessa di u Babbu chì, hà dettu, "avete intesu parlà di mè; 5 perchè Ghjuvanni hà batteziatu cù l'acqua, ma sarete battezu cù u Spìritu Santu in pochi ghjorni da quì. " 6 Allora, quand'elli èranu aduniti, u dumandonu:Signore, ti ferà in stu mumentu ristabilisce u regnu in Israele? 7 Ellu li disse: Ùn hè micca per voi di sapè tempi o stagioni chì u Babbu hà stabilitu da a so auturità. 8 Ma ricevi u putere quandu u Spìritu Santu vene nantu à voi, è sarete mo testimonii in Ghjerusalemme è in tutta a Ghjudea è in Samaria, è finu à a fine di a terra. 9 Quand'ellu ebbe dettu queste cose, mentre guardanu, hè statu fattu esse alzatu, è una nuvola u fece cullà da i so ochji. 10 Quand'elli guardaru in u celu, quandu andava, eccu chì dui omi stavanu vicinu à elli in maniche bianche 11 è disse: "Omi di Galilea, perchè stai à guardà u celu? Stu Ghjesù, chì hè statu purtatu da voi in celu, vinarà di listessa manera chì l'avete vistu andà in celu. "

Parte 2, U ghjornu di e Penticoste 

Atti 2: 1-13, Effusione di u Spìritu Santu

1 Quandu u ghjornu di e Penticoste hè ghjuntu, eranu tutti inseme in un locu. 2 È di colpu, vinia da u celu un sonu cum'è un ventu putente chì corre, è pienu tutta a casa duv'elli eranu seduti. 3 E lingue divise cum'è di focu li apparsu è si pusonu nantu à ognuna. 4 È sò stati tutti pieni di u Spìritu Santu è cumincionu à parlà in altre lingue mentre u Spìritu li dete parlà. 5 Avà ci stavanu Ghjerusalemme Ghjudei, omi devoti di ogni nazione sottu u celu. 6 È à questu sonu, a multitùdine s'unì, è fùbbenu sbalurditi, perchè ognunu li sentia parlà in a so lingua. 7 È fùbbenu stupiti è stupiti, dicendu: "Ùn sò micca tutti quelli chì parlanu Galileani? 8 È cumu si pò sente, ognunu di noi in a so lingua nativa? 9 Parthi è Medi è Elamiti è residenti in Mesopotamia, Ghjudea è Cappadocia, Pontu è Asia, 10 Frigia è Panfilia, Egittu è e parte di Libia appartenenti à Cirene, è visitatori da Roma, 11 à tempu Ghjudei è proseliti, Cretani è Arabi - i sintemu cuntà in a nostra lingua e putenti opere di Diu ". 12 È tutti eranu stupiti è perplessi, dicendu l'uni à l'altri: "Chì significa questu?" 13 Ma d'altri burlanti dicenu: "Sò pieni di vinu novu".

Atti 2: 14-21, Petru cita u prufeta Ghjuvanni

14 Ma Petru, stendu cun l'ondeci, alzò a voce è li parlò: "Omi di Ghjudea è tutti quelli chì abitanu in Ghjerusaleme, falla sapè à voi, è ascultate e mo parolle. 15 Per queste persone ùn sò micca briachi, cum'è suppunite, postu chì hè solu a terza ora di a ghjurnata. 16 Ma questu hè ciò chì hè statu dichjaratu per mezu di u prufeta Joel:
17 ""È in l'ultimi ghjorni serà, Diu dice, chì sparghjeraghju u mo Spìritu nantu à tutte e carne, è i to figlioli è e to figliole prufetizaranu, è i to giovani omi averanu visioni, è i to vechji sunnieranu sogni; 18 ancu nantu à i mo servitori maschili è e servitori femine in quelli ghjorni, verseraghju u mo Spìritu, è prufetizaranu. 19 È mostreraghju meraviglie in u celu sopra è segni nantu à a terra sottu, sangue, è focu, è vapore di fumu; 20 u sole serà trasfurmatu in bughjura è a luna in sangue, prima chì vene u ghjornu di u Signore, u ghjornu grande è magnificu. 21 È accadrà chì tutti quelli chì invocanu u nome di u Signore saranu salvati.'

Atti 2: 22-28, Petru predica a risurrezzione

22 "Omi d'Israele, sintite ste parolle: Ghjesù di Nazaretta, un omu vi hà attestatu da Diu cun opere putenti è maraviglie è segni chì Diu hà fattu per ellu in mezu à voi, cum'è voi stessi sapete- 23 stu Ghjesù, liberatu secondu u pianu definitu è ​​a cunniscenza di Diu, avete crucifissu è tombu da e mani di l'omi senza lege. 24 Diu u hà risuscitatu, perdendu e pene di a morte, perchè ùn era micca pussibule per ellu esse tenutu da ella. 25 Per David dice riguardu à ellu, "'Aghju vistu u Signore sempre davanti à mè, perchè hè à a mo diritta per ùn esse scuzzulatu; 26 dunque u mo core si rallegrò, è a mo lingua si rallegrò; a mo carne ancu abitarà in speranza. 27 Perchè ùn abbandunarete micca a mo ànima à l'Infernu, nè lasciate chì u vostru Santu vedi corruzzione. 28 Mi hai fattu cunnosce i chjassi di a vita; mi farete pienu di gioia cù a vostra presenza. '

Atti 2: 29-36, Petru predica: "Diu l'hà fattu (Ghjesù) à tempu Signore è Cristu"

29 «Fratelli, vi possu dì cun fiducia nantu à u patriarca David chì hè mortu è statu sepoltu, è a so tomba hè cun noi finu à oghje. 30 Esse dunque prufeta, è sapendu chì Diu avia ghjuratu cun ellu di ghjurà di mette unu di i so discendenti nantu à u so tronu., 31 hà previstu è hà parlatu di a risurrezzione di u Cristu, ch'ellu ùn hè statu abbandunatu à l'Adesu, nè a so carne hà vistu corruzzione. 32 Questu Ghjesù Diu hà risuscitatu, è di questu simu tutti testimoni. 33 Esse dunque esaltatu à a diritta di Diu, è dopu avè ricevutu da u Babbu a prumessa di u Spìritu Santu, hà versatu questu chì voi stessi vedete è sentite. 34 Perchè David ùn hè micca cullatu in u celu, ma ellu stessu dice: "U Signore hà dettu à u mo Signore:" Sittite à a mo diritta, 35 finu à ch'e fessi i to nemichi u to banchittinu. 36 Chì tutta a casa d'Israele sappia dunque cun certezza chì Diu l'hà fattu à tempu Signore è Cristu, questu Ghjesù chì avete crucifissu. "

Atti 2: 37-43, A Duttrina di l'Apostuli

 37 Quand'elli anu intesu quessa, sò stati tagliati in core, è dicenu à Petru è u restu di l'apòstuli: "Fratelli, chì faremu?" 38 È Petru li disse: Pintitevi è siate battezi tutti in nome di Ghjesù Cristu per u pirdunu di i vostri peccati, è riceverete u donu di u Spìritu Santu. 39 Perchè a prumessa hè per voi, per i vostri figlioli è per tutti quelli chì sò luntani, tutti quelli chì u Signore, u nostru Diu, chjama in ellu stessu. " 40 È cù parechje altre parolle fece testimoniu è continuò à esurtalli, dicendu:Salvatevi di sta generazione storta. " 41 Allora quelli chì anu ricevutu a so parolla sò stati battezzati, è ci sò stati aghjunti quellu ghjornu circa trè milla anime. 42 È si sò dedicati à u insignamentu di l'apòstuli è a fraternità, à a rumpitura di u pane è à e preghere. 43 È u timore ghjunse nantu à ogni anima, è parechje miracule è segni eranu fatti per mezu di l'apostuli. 

Parte 3, Petru predica à i Ghjudei

Atti 3: 13-26, Petru predica in u porticu di Salomone

13 U Diu d'Abràhamu, u Diu d'Isaac, è u Diu di Ghjacobbu, u Diu di i nostri babbi, glurificò u so servitore Ghjesù, chì avete liberatu è nigatu in presenza di Pilatu, quandu ellu avia decisu di liberallu. 14 Ma avete nigatu u Santu è Ghjustu, è avete dumandatu chì un assassinu vi sia accordatu, 15 è avete tombu l'Autore di a vita, chì Diu hà risuscitatu da i morti. À questu simu testimoni16 È u so nome - per fede in u so nome - hà fattu forte questu omu chì vo vidite è cunniscite, è a fede chì hè per mezu di Ghjesù hà datu à l'omu sta salute perfetta in presenza di voi tutti.

17 «È avà, fratelli, sò chì avete agitu in l'ignuranza, cum'è i vostri dirigenti. 18 Ma ciò chì Diu hà annunziatu per via di a bocca di tutti i prufeti, chì u so Cristu suffria, l'hà rializatu cusì. 19 Pentitevi dunque, è vultate in daretu, affinchì i vostri peccati sianu cancellati, 20 chì i tempi di rinfrescamentu venenu da a presenza di u Signore, è ch'ellu possi mandà u Cristu nominatu per voi, Ghjesù, 21 chì u celu deve riceve finu à u tempu di ristabilisce tutte e cose chì Diu hà parlatu da a bocca di i so santi prufeti tempi fà. 22 Mosè hà dettu: U Signore Diu suscitarà per voi un prufeta cum'è mè da i vostri fratelli. L'ascultarete in tuttu ciò ch'ellu ti dice. 23 È serà chì ogni anima chì ùn ascolta micca quellu prufeta serà distrutta da u populu. ' 24 è tutti i prufeti chì anu parlatu, da Samuele è da quelli chì vinianu dopu ad ellu, anu ancu pruclamatu sti ghjorni. 25 Sì i figlioli di i prufeti è di l'allianza chì Diu hà fattu cù i vostri babbi, dicendu ad Abràhamu: 'E tutte e famiglie di a terra saranu benedette in a vostra discindenza'. 26 Ddiu, dopu avè risuscitatu u so servitore, u mandò à voi prima, per benediteli, alluntanendu ognunu di voi da a vostra gattivezza. "

Atti 4: 1-2, I Saducei infastiditi 

Enseñanza1 E mentre parlavanu à u pòpulu, i preti, u capimachja di u tempiu è i Saducei ghjunsenu nantu ad elli. 2 assai infastiditu perchè insegnavanu à u populu è pruclamavanu in Ghjesù a risurrezzione da i morti.

Atti 4: 8-12, Petru davanti à u cunciliu

8 Allora Petru, pienu di u Spìritu Santu, li disse: "Guvernanti di u pòpulu è anziani, 9 sì no simu esaminati oghje nantu à una bona azzione fatta à un omu malatu, da chì mezzu st'omu hè statu guaritu, 10 ch'ella sia cunnisciuta da tutti voi è da tuttu u populu d'Israele chì da u nome di Ghjesù Cristu di Nazaretta, quale avete crucifissu, chì Diu hà risuscitatu da i morti- da ellu st'omu si tene davanti à voi bè. 11 Questu Ghjesù hè a petra chì hè stata rifiutata da voi, i custruttori, chì hè diventata a pietra angulare. 12 È ùn ci hè a salvezza in nimu altru, perchè ùn ci hè nisun altru nome sottu u celu datu trà l'omi da quale duvemu esse salvati. "

Atti 4: 24-31, preghiera di i Credenti

24 ... anu alzatu a voce inseme à Diu è dicenu: "Sovranu Signore, chì hà fattu u celu è a terra è u mare è tuttu ciò chì ci hè, 25 chì, per via di a bocca di u nostru babbu David, u to servitore, hà dettu da u Spìritu Santu: "Perchè i pagani si furonu, è i populi tramanu in vain?" 26 I rè di a terra si sò messi, è i capi eranu riuniti, contru à u Signore è contru à u so Untu'- 27 perchè veramente in questa cità ci sò stati riuniti contr'à u to santu servitore Ghjesù, chì tù hai untu, Erode è Ponziu Pilatu, cù i pagani è i populi d'Israele, 28 per fà tuttu ciò chì a vostra manu è u vostru pianu avianu predestinatu à realizà. 29 E ora, Signore, fighjate e so minacce è cuncede à i to servitori per cuntinuà à parlà a vostra parolla cù tuttu boldness, 30 mentre stendi a manu per guarisce, è segni è meraviglie sò fatti u nome di u to santu servitore Ghjesù. " 31 È quand'elli anu pricatu, u locu induve sò stati riuniti era scuzzulatu, è eranu tutti pieni di u Spìritu Santu è cuntinuonu à parlà a parolla di Diu cun audacia.

Atti 5: 12-16, Ministeru Apostolicu

12 Avà parechji segni è meraviglie eranu fatti regularmente trà a ghjente da e mani di l'apòstuli. È eranu tutti inseme in u Porticu di Salomone. 13 Nisunu di u restu osava unisceli, ma a ghjente li tenia in alta stima. 14 È più chè mai i credenti anu aghjuntu à u Signore, una mansa di omi è donne, 15 affinch'elli anu purtatu ancu i malati in carrughju è i pusonu nantu à culle è stuoie, chì mentre Petru passessi almenu a so ombra pudessi cascà annantu à certi. 16 A ghjente si riunì ancu da e cità intornu à Ghjerusalemme, purtendu i malati è quelli afflitti da spiriti impuri, è eranu tutti guariti.

Atti 5: 29-32, Apostuli arrestati

29 Ma Petru è l'apòstuli anu rispostu: «Avemu da ubbidì à Diu piuttostu chè à l'omi. 30 U Diu di i nostri babbi hà risuscitatu à Ghjesù, chì tù avete tombu appiccicatu à un arburu. 31 Diu l'hà esaltatu à a so diritta cum'è Capimachja è Salvatore, per dà u pentimentu à Israele è u perdonu di i peccati. 32 È simu testimoni di ste cose, è cusì hè u Spìritu Santu, chì Diu hà datu à quelli chì u ubbidiscenu. "

Atti 5: 40-42, Di pettu à a persecuzione

40 Quand'elli chjamonu l'apòstuli, i minàvanu, è li urdinavanu di ùn parlà micca in nome di Ghjesù, è i lasciavanu andà. 41 Allora lascianu a presenza di u cunciliu, raligrendu ch'elli eranu cunsiderati degni di soffre disonore per u nome. 42 È ogni ghjornu, in u tempiu è di casa in casa, ùn anu cessatu d'insignà è di predicà chì u Cristu hè Ghjesù.

Atti 6: 2-7, Selezzione di assistenti

È i dòdeci chjamonu u numeru sanu di i discìpuli è dìssenu: "Ùn hè micca ghjustu chì abbandunemu di predicà a parolla di Diu per serve e tavule. 3 Dunque fratelli, sceglite trà voi sette omi di bona reputazione, pienu di u Spìritu è ​​di saviezza, chì nomineremu à stu duvere. 4 Ma ci cunsacraremu à a preghera è à u ministeru di a parolla. " 5 È ciò chì dicianu piacè à tutta a riunione, è anu sceltu Stefanu, un omu pienu di fede è di u Spìritu Santu, è Filippu, Procoru, è Nicanore, è Timone, è Parmenas, è Nicolau, un proselitu di Antiochia. 6 Quessi l'anu messi davanti à l'apòstuli, è priconu è pusonu e mani nantu ad elli. 7 È a parolla di Diu hà continuatu à cresce, è u numeru di i discìpuli si hè multiplicatu assai in Ghjerusalemme, è una grande parte di i preti sò diventati ubbidienti à a fede.

Parte 4, Discorsu di Stefanu

At 7: 2-8, ad Abràhamu, ad Isaccu è à Ghjacobbu

2 È Stefanu hà dettu: «Fratelli è babbi, ascultatemi. U Diu di a gloria si prisintò à u nostru babbu Abràhamu quandu era in Mesopotamia, prima ch'ellu campessi in Haran, 3 è li disse: "Esci da u to paese è da a to parentela, è vai in u paese chì ti mustraraghju". 4 Allora surtì da u paese di i Caldei è stete in Haran. È dopu à a morte di u babbu, Diu l'hà cacciatu da quì in stu paese induve site avà campatu. 5 Eppuru ùn li hà datu nisuna eredità, mancu una lunghezza di pede, ma hà prumessu di dalli à ellu cum'è un pusessu è à a so discindenza dopu ad ellu, ancu s'ellu ùn avia figliolu. 6 È Diu hà parlatu à questu effettu - chì a so discindenza seria residente in una terra appartenente à l'altri, chì li schjavaria è li affliggerà quattru centu anni. 7 "Ma ghjudicheraghju a nazione chì servenu", hà dettu Diu, "è dopu andaranu à adurà mi in questu locu." 8 È li dete l'allianza di circuncisione. E dunque Abràhamu hà fattu u babbu di Isaccu, è u circuncisi l'ottu ghjornu, è Isaccu hè u babbu di Ghjacobbu, è Ghjacobbu di i dodici patriarchi.

Atti 7: 9-16, Ghjiseppu

9 «È i patriarchi, ghjilosi di Ghjiseppu, u vendenu in Egittu; ma Diu era cun ellu 10 u liberò da tutte e so afflizioni è li dete favore è saviezza davanti à Faraone, rè d'Egittu, chì u fece capimachja nantu à l'Egittu è tutta a so famiglia. 11 Avà hè vinuta una caristia in tuttu l'Egittu è in Canaan, è una grande afflizione, è i nostri babbi ùn anu pussutu truvà manghjà. 12 Ma quandu Ghjacobbu sintì chì ci era granu in Egittu, mandò i nostri babbi à a so prima visita. 13 È in a seconda visita Ghjiseppu si fece cunnosce à i so fratelli, è a famiglia di Ghjiseppu fù cunnisciuta da Faraone. 14 Ghjiseppu mandò à convocà Ghjacobbu, u so babbu, è tutta a so famiglia, settanta cinque persone in tuttu. 15 Ghjacobbu falò in Egittu è morse, ellu è i nostri babbi. 16 è sò stati purtati in Sichem è messi in a tomba chì Abràhamu avia compru per una summa d'argentu da i figlioli di Hamor in Sichem.

Atti 7: 17-29, Mosè è cattività in Egittu

17 "Ma quandu u tempu di a prumessa s'avvicinava, chì Diu avia cuncessu à Abràhamu, a ghjente cresce è si multiplica in Egittu 18 finu à chì ci hè statu in Egittu un altru rè chì ùn cunniscia micca Ghjiseppu. 19 Hà trattatu cun astuzia a nostra razza è hà furzatu i nostri babbi à palisà i so figlioli, affinch'elli ùn sianu tenuti vivi. 20 À questu tempu Mosè era natu; è era bellu davanti à Diu. È hè statu allevatu trè mesi in casa di u babbu, 21 è quandu fù scupartu, a figliola di Faraone u aduttò è u fece cresce cum'è u so propiu figliolu. 22 È Mosè era struitu in tutta a saviezza di l'Egizziani, è era putente in e so parolle è e so opere. 23 «Quandu avia quaranta anni, li venia in core di visità i so fratelli, i figlioli d'Israele. 24 E videndu chì unu di elli era fattu tortu, difendia l'omu oppressu è u vendicava tumbendu l'Egizzianu. 25 Ellu suppunia chì i so fratelli avissinu capitu chì Diu li dava a salvezza per a so manu, ma ùn capìanu micca. 26 È u lindumane li apparve mentre eranu in lotta è circava à cuncilialli, dicendu: Omi, site fratelli. Perchè vi fate tortu? 27 Mais l'homme qui faisait du tort à son prochain l'a mis à l'écart, et lui dit : Qui t'a fait gouverneur et juge sur nous ? 28 Vulete tumbà mi cum'è avete tombu l'Egizianu ieri? ' 29 À questa replica Mosè fughjì è diventò esiliatu in a terra di Madian, induve diventò u babbu di dui figlioli.

Atti 7: 30-43, Mosè è l'esodu 

30 «Avà quandu sò passati quaranta anni, un anghjulu li apparse in u desertu di u monte Sinai, in una fiamma di focu in una machja. 31 Quandu Mosè a vide, fù maravigliatu da a vista, è mentre s'avvicinava per fighjà, vene a voce di u Signore: 32 "Sò u Diu di i vostri babbi, u Diu d'Abràhamu, d'Isaac è di Ghjacobbu." È Mosè trimava è ùn osava guardà. 33 Allora u Signore li disse: "Toglite i sandali da i vostri pedi, perchè u locu induve site hè terra santa. 34 Aghju sicuru vistu l'afflizione di u mo pòpulu chì hè in Egittu, è aghju intesu i so gemiti, è sò falatu per liberallu. È avà vene, ti manderaghju in Egittu.

35 "Questu Mosè, chì anu rifiutatu, dicendu:" Quale hè chì ti hà fattu capu è ghjudice? '-st'omu Diu hà mandatu cum'è guvernatore è redentore da a manu di l'angelu chì li hè apparsu in a machja. 36 St'omu li hà purtati fora, fendu meraviglie è segni in Egittu è in u Mari Rossu è in u desertu per quaranta anni. 37 Questu hè u Mosè chì hà dettu à l'Israele, 'Diu hà da alzà per voi un prufeta cum'è mè da i vostri fratelli. 38 Questu hè quellu chì era in a congregazione in u desertu cù l'angelu chì li parlava à u monte Sinai, è cù i nostri babbi. Hà ricivutu oraculi vivi per dà ci. 39 I nostri babbi ricusonu di ubbidì à ellu, ma u lamponu da parte, è in u so core si vultonu versu l'Egittu, 40 dicendu à Aaronu: "Fate per noi dii chì andaranu davanti à noi". In quantu à questu Mosè chì ci hà purtatu fora di u paese d'Eggittu, ùn sapemu micca ciò chì hè diventatu di ellu. 41 È fecenu un vitellu in quelli ghjorni, è offrisenu un sacrifiziu à l'ìdulu, è si rallegravanu di l'opere di e so mani. 42 Ma Diu si ne vultò è li hà datu per adurà l'ostia di u celu, cumu hè scrittu in u libru di i prufeti: "Avete purtatu à mè bestie ammazzate è sacrifici, durante i quaranta anni in u desertu, o casa d'Israele? ? 43 Avete pigliatu a tenda di Moloch è a stella di u vostru diu Rephan, l'imaghjini chì avete fattu per adurà; è ti manderaghju in esiliu al di là di Babilonia. '

Atti 7: 44-53, Righjettu di i prufeti 

44 "I nostri babbi avianu a tenda di testimoniu in u desertu, cum'è quellu chì hà parlatu à Mosè u urdinò di fà la, sicondu u mudellu ch'ellu avia vistu. 45 I nostri babbi à u so turnu l'anu purtatu cun Giosuè quandu anu spustatu e nazioni chì Diu hà cacciatu davanti à i nostri babbi. Cusì era finu à i ghjorni di David, 46 chì hà trovu grazia à l'ochji di Diu è hà dumandatu di truvà un locu per u Diu di Ghjacobbu. 47 Ma hè Salomone chì hà custruitu una casa per ellu. 48 Eppuru l'Altìssimu ùn stà micca in case fatte à manu, cum'è dice u prufeta, 49 "'U celu hè u mo tronu, è a terra hè u mo poghju. Chì tippu di casa custruirete per mè, dice u Signore, o chì hè u locu di u mo riposu? 50 A mo manu ùn hà micca fattu tutte ste cose? 51 «O ghjente di collu duru, incirconcisi di core è di arechje, risistite sempre à u Spìritu Santu. Cum'è i vostri babbi anu fattu, cusì fate voi. 52 Qualessu di i prufeti i vostri babbi ùn anu perseguitatu? È anu tombu quelli chì anu annunziatu in anticipu a ghjunta di u Ghjustu, chì avà avete traditu è ​​assassinatu, 53 voi chì avete ricevutu a lege cum'ella hè stata data da l'ànghjuli è chì ùn l'anu micca tinuta. "

Atti 7: 54-60, Lapidazione di Stefanu

54 Avà quandu anu intesu ste cose, sò stati in furia, è li anu pisatu i denti. 55 Ma ellu, pienu di u Spìritu Santu, fighjava in celu è vide a gloria di Diu, è Ghjesù stava à a diritta di Diu. 56 È hà dettu:Eccu, vecu u celu apertu, è u Figliolu di l'Omu chì stà à a diritta di Diu. " 57 Ma gridonu cù una voce alta è piantonu l'arechje è si precipitaru inseme versu ellu. 58 Allora u caccionu fora di a cità è u lapidonu. È i tistimoni pusonu e so vestite à i pedi di un giuvanottu chjamatu Saul. 59 È mentre ch'elli lapidavanu à Stefanu, chjamò: "Signore Ghjesù, riceve u mo spiritu". 60 È cascatu in ghjinochji, gridò cù una voce alta: "Signore, ùn tenite micca stu peccatu contru à elli". E quandu avia dettu questu, s'addurmintò.

Parte 5, Predicendu fora di Ghjerusalemme

Atti 8: 5-8, Filippu pruclama u Cristu

5 Filippu falò in a cità di Samaria è li hà proclamatu u Cristu. 6 È a ghjente cun un accordu fece casu à ciò chì si dicia da Filippu, quand'elli u sintinu è vide i segni ch'ellu facia. 7 Per spiriti impuri, gridendu cun una voce alta, iscì da parechji chì avianu, è parechji chì eranu paralizzati o zoppi sò stati guariti. 8 Cusì ci era assai gioia in quella cità.

Atti 8:12, Predicazione di Filippu

12 Ma quandu anu cridutu à Filippu mentre predicava una bona nutizia annantu à u regnu di Diu è u nome di Ghjesù Cristu, sò stati battizati, omi è donne.

Atti 8: 14-22, Samaria riceve a parolla di Diu

14 Avà quandu l'apòstuli di Ghjerusalemme anu intesu dì chì Samaria avia ricevutu a parolla di Diu, li mandonu à Petru è à Ghjuvanni, 15 chì falava è pregava per elli per riceve u Spìritu Santu, 16 perchè ùn era ancu cascatu annantu à alcunu, ma eranu stati battizati solu in nome di u Signore Ghjesù. 17 Allora anu messu e mani nantu ad elli è anu ricevutu u Spìritu Santu. 18 Avà quandu Simon hà vistu què u Spìritu hè statu datu per mezu di l'imposizione di e mani di l'apòstuli, li hà offertu soldi, 19 dicendu: "Dà mi dinò stu putere, affinchì qualchissia nantu à quale Pone e mo mani pò riceve u Spìritu Santu. " 20 Ma Petru li disse: "Chì u vostru argentu perisca cun voi, perchè avete cridutu di ottene u donu di Diu cù soldi! 21 Ùn avete nè parte nè assai in questa materia, perchè u vostru core ùn hè micca ghjustu davanti à Diu. 22 Arrimintati, dunque, di sta to gattivezza, è prega u Signore chì, se hè pussibule, l'intenzione di u to core vi sia perdonata.

Atti 8: 26-39, Filippu è l'eunucu

26 Avà un anghjulu di u Signore disse à Filippu: "Levate è vai versu u sudu versu a strada chì falà da Ghjerusalemme à Gaza." Questu hè un locu desertu. 27 È si alzò è si ne hè andatu. E c'era un etiopianu, un eunuccu, un ufficiale di a corte di Candace, regina di l'Etiopi, chì era incaricatu di tuttu u so tesoru. Era venutu in Ghjerusalemme per venerà 28 è era vultatu, sedutu in u so carru, è era leghje u prufeta Isaia. 29 È u Spìritu disse à Filippu: "Vai è uniscite à questu carru." 30 Allora Filippu corse versu ellu è l'hà intesu leghje u prufeta Isaia è disse: "Avete capitu ciò chì leghje?" 31 È disse: "Cumu possu, salvu chì qualcunu mi guidi?" È hà invitatu Filippu à vene à pusà cun ellu. 32 Avà u passaghju di a Scrittura ch'ellu lighjia era questu: "Cum'è una pecura hè statu cundottu à a tumbera è cum'è un agnellu prima chì a so tondatrice si taci, allora ùn apre micca a bocca. 33 In a so umiliazione a ghjustizia li hè stata nigata. Quale hè chì pò discrive a so generazione? Perchè a so vita hè stata livata da a terra ".

34 È l'eunucu disse à Filippu: "Quale hè chì vi dumandu, u prufeta dice questu, annantu à ellu stessu o annantu à qualchissia altru?" 35 Dopu Filippu apre a bocca, è cuminciendu cù questa Scrittura li disse a bona nova di Ghjesù. 36 Quand'elli andavanu longu a strada, ghjunsenu à l'acqua, è l'eunucu disse:Vedi, eccu l'acqua! Ciò chì mi impedisce di esse battezu? 38 E hà urdinatu à u carru di piantà, è tramindui sò falati in l'acqua, Filippu è l'eunucu, è u battezza. 39 È quand'elli urìanu da l'acqua, u Spìritu di u Signore hà purtatu Filippu, è l'eunucu ùn l'hà più vistu è seguì u so caminu rallegrendu.

Parte 6, Cunversione di Saul (Paulu)

Atti 9: 1-9, Visione nantu à a strada di Damascu

1 Ma Sàulu, rispirendu sempre minacce è omicidi contr'à i discìpuli di u Signore, andò versu u suvranu sacrificadore 2 è li dumandò lettere à e sinagoghe di Damascu, affinchì s'ellu truvessi qualchì appartenenza u Caminu, omi o donne, li puderebbe purtà ligati à Ghjerusalemme. 3 Avà, mentre andava per a so strada, s'avvicinò di Damascu, è di colpu una luce da u celu splende intornu à ellu. 4 È cascatu in terra, sintì una voce chì li dicia: "Saulu, Saulu, perchè mi perseguitate?" 5 È disse: "Quale sì, Signore?" È hà dettu:Sò Ghjesù, chì site persecutatu. 6 Ma alzati è entre in a cità, è ti diceranu ciò chì duvete fà ". 7 L'omi chì viaghjavanu cun ellu stavanu muti, sintendu a voce ma videndu à nimu. 8 Sàulu s'arrizzò da a terra, è ancu se i so ochji sò stati aperti, ùn hà vistu nunda. Allora u cundòssenu per a manu è u purtonu in Damascu. 9 È per trè ghjorni era senza vista, nè manghjava nè beia.

Atti 9: 10-19, Saul ritrova a vista, hè pienu di u Spìritu Santu, è hè battezu

10 Avà ci era un discepulu in Damascu chjamatu Ananias. U Signore li disse in una visione: "Ananias". È disse: "Eccu, Signore". 11 È u Signore li disse: Arrìzzati, vai in a strada chjamata Diritta, è cerca à a casa di Ghjuda un omu di Tarsu chjamatu Saulu, chì eccu chì prega. 12 è hà vistu in una visione un omu chjamatu Ananias entra è mette e mani nantu ad ellu per pudè ritruvà a vista. " 13 Ma Ananias rispose: «Signore, aghju intesu parlà di parechji di st'omu, quantu malignità hà fattu à i to santi in Ghjerusalemme. 14 È quì hà l'autorità da i capi di i sacrificadori per ligà tutti quelli chì chjamanu u vostru nome ". 15 Ma u Signore li disse: Andate, chì ghjè un strumentu sceltu per purtà u mo nome davanti à i pagani è i rè è i figlioli d'Israele. 16 Perchè li mustraraghju quantu deve soffre per via di u mo nome. " 17 Cusì Ananias partì è intrì in casa. È mettendu e mani annantu à ellu Ellu disse: "Fratellu Sàulu, u Signore Ghjesù chì ti hè apparsu nantu à a strada per a quale sì ghjuntu m'hà mandatu per pudè ritruvà a vista è esse pienu di u Spìritu Santu. " 18 E subitu qualcosa cum'è scaglie li cascò da l'ochji, è ripigliò a vista. Allora s'arrizzò è fù battezu; 19 è pigliendu manciari, fù rinfurzatu. Per parechji ghjorni era cù i discìpuli in Damascu.

Atti 9: 20-22, Saul cumencia à predicà

20 E subitu pruclamò à Ghjesù in e sinagoghe, dicendu:Hè u Figliolu di Diu. " 21 È tutti quelli chì l'anu intesu si sò stupiti è dicenu: "Ùn hè micca questu l'omu chì hà fattu u scempiu in Ghjerusalemme di quelli chì chjamavanu stu nome? È ùn hè micca vinutu quì per questu scopu, per purtalli ligati davanti à i principali sacrificadori? " 22 Ma Sàulu aumentava di più in forza, è cunfundia i Ghjudei chì stavanu in Damascu pruvendu chì Ghjesù era u Cristu.

Atti 9:31, Cresia di a chjesa

31 Cusì a chjesa in tutta a Ghjudea, a Galilea è a Samaria avianu a pace è era in custruzzione. È marchjendu in a paura di u Signore è in u cunfortu di u Spìritu Santu, si hè multiplicatu.

Parte 7, I pagani sentenu a bona nutizia

Atti 10: 34-43, Petru predica à i pagani

34 Allora Petru aprì a bocca è disse: «Averaghju capitu quessa Diu ùn mostra micca parzialità, 35 ma in ogni nazione quellu chì u teme è chì faci ciò chì hè ghjustu hè accettatu per ellu. 36 In quantu à a parolla ch'ellu hà mandatu in Israele, predicendu una bona nutizia di pace per mezu di Ghjesù Cristu (ellu hè u Signore di tutti), 37 sapete voi stessu ciò chì hè accadutu in tutta a Ghjudea, à partesi da a Galilea dopu à u battesimu chì Ghjuvanni hà dichjaratu: 38 cumu Diu hà untu à Ghjesù di Nazaretta cù u Spìritu Santu è cun putenza. Andava per fà u bè è guarì tutti quelli chì eranu oppressi da u diavulu, perchè Diu era cun ellu. 39 È simu testimoni di tuttu ciò ch'ellu hà fattu in u paese di i Ghjudei è in Ghjerusalemme. L'anu messu à morte appiccicatu à un arburu, 40 ma Diu u fece risuscità u terzu ghjornu è u fece cumparisce, 41 micca à tutte e persone ma à noi chì eranu stati scelti da Diu cum'è testimoni, chì avemu manghjatu è betu cun ellu dopu à a so risurrezzione da i morti. 42 È ci hà urdinatu di predicà à u populu è di testimunià ch'ellu hè quellu chì hè statu nominatu da Diu per esse ghjudice di i vivi è di i morti.. 43 Per ellu tutti i prufeti testimonianu chì tutti quelli chì credenu in ellu ricevenu u perdonu di i peccati per via di u so nome. "

Atti 10: 44-48, U Spìritu Santu cade nantu à i pagani

44 Mentre Petru dicia sempre ste cose, u Spìritu Santu cascò nantu à tutti quelli chì anu intesu a parolla. 45 È i credenti trà i circoncisi chì eranu ghjunti cun Petru eranu stupiti, perchè u donu di u Spìritu Santu hè statu versatu fora ancu nantu à i pagani. 46 Per elli stanu à sente li parlà in lingue è glurificà à Diu. Allora Petru hà dichjaratu: 47 "Qualchissia pò trattene l'acqua per battizà queste persone, chì anu ricevutu u Spìritu Santu cum'è noi? 48 È urdinò di esse battezi in nome di Ghjesù Cristu. Dopu li anu dumandatu di stà qualchì ghjornu.

Atti 11: 1-18, Petru testimunieghja di i pagani

1 Avà l'apòstuli è i fratelli chì èranu in tutta a Ghjudea anu intesu dì chì i pagani avianu ancu ricevutu a parolla di Diu. 2 Allora, quandu Petru cullò in Ghjerusalemme, u circuncisu u criticò, dicendu: 3 "Site andatu ind'è l'omi micca circuncisi è avete manghjatu cun elli". 4 Ma Petru cuminciò è li spiegò in ordine: 5 "Eru in a cità di Joppa chì pregava, è in una transa aghju vistu una visione, qualcosa cum'è una grande foglia chì discendia, chì era falata da u celu per i so quattru anguli, è hè ghjunta à mè. 6 Fighjulendu lu da vicinu, aghju osservatu animali è bestie di preda è rettili è acelli di l'aria. 7 È aghju intesu una voce chì mi dicia: 'Arrìzzati, Petru; tumbà è manghjà. ' 8 Ma aghju dettu: «Innò, Signore; perchè nunda cumunu o impuru ùn hè mai entrutu in bocca. 9 Ma a voce rispose una seconda volta da u celu: "Ciò chì Diu hà fattu puri, ùn la chjamate micca cumuna". 10 Questu hè accadutu trè volte, è tuttu hè statu trascinatu di novu in celu. 11 Ed eccu, in quellu momentu stessu trè omi ghjunsenu à a casa induve eramu, mandati da me da Cesarea. 12 È u Spìritu m'hà dettu d'andà cun elli, senza fà nisuna distinzione. Sti sei fratelli mi anu accumpagnatu ancu noi, è simu intruti in casa di l'omu. 13 È ci hà dettu cumu avia vistu l'ànghjulu stà in casa soia è dì: Manda à Ghjoppè è porta à Simone chì si chjama Petru; 14 vi dichjarerà un messagiu da u quale sarete salvati, voi è tutta a to casa. 15 Quandu aghju cuminciatu à parlà, u Spìritu Santu hè cascatu nantu ad elli cum'è nantu à noi à u principiu. 16 E mi ricordu di a parolla di u Signore, cumu hà dettu:Ghjuvanni hà battezu cù l'acqua, ma sarete battezu cù u Spìritu Santu. 17 S'è Diu hà datu u listessu rigalu à quellu chì ci hà datu quandu avemu cridutu in u Signore Ghjesù Cristu, quale era eiu per pudè stà in a via di Diu? " 18 Quand'elli anu intesu ste cose si sò muti. È glurificonu à Diu, dicendu:Dopu à i pagani ancu Diu hà cuncessu u pentimentu chì porta à a vita. "

Parte 8, Predicazione Precoce di Paulu

Atti 13: 1-3, Mandendu à u ministru

1 Avà ci era in a chjesa in Antiochia prufeti è maestri, Barnaba, Simeone chì si chjamava Niger, Luciu di Cirene, Manaen un amicu di a vita di Erode u tetrarca, è Saulu. 2 mentri anu veneratu u Signore è dighjunu, u Spìritu Santu disse, "Piazzate per mè Barnaba è Saulu per u travagliu à quale l'aghju chjamatu." 3 Dopu dopu à dighjunu è pregatu anu messu e mani annantu à elli è i mandò fora.

Atti 13: 8-11, Rimproveru di un avversariu

8 Ma Elymas u magu (perchè ghjè u significatu di u so nome) s'hè oppostu, circhendu di alluntanà u proconsule da a fede. 9 Ma Sàulu, chjamatu ancu Paulu, pienu di u Spìritu Santu, u fighjò attentamente 10 è hà dettu: «Figliolu di u diàvule, nemicu di tutta a ghjustizia, pienu di tutte l'ingannerie è di i malfattori, ùn smetterai micca di fà tortu i chjassi dritti di u Signore? 11 È avà, eccu, a manu di u Signore hè nantu à voi, è sarete cecu è incapace di vede u sole per un tempu ". Immediatamente a nebbia è a bughjura casconu nantu ad ellu, è andò à circà a ghjente per guidallu da a manu.

Atti 13: 16-25, Predicendu nantu à i Prufeti

«Omi d'Israele è voi chì timite à Diu, state à sente. 17 U Diu di stu populu Israele hà sceltu i nostri babbi è hà resu grande u populu durante a so permanenza in u paese d'Egittu, è cù u bracciu innalzatu li hà purtati fora. 18 È per una quarantina d'anni li suppurtava in u desertu. 19 È dopu avè distruttu sette nazioni in u paese di Canaan, li dete u so paese in eredità. 20 Tuttu què hà pigliatu circa 450 anni. Dopu, li dete ghjudici finu à u prufeta Samuel. 21 Allora dumandonu un rè, è Diu li hà datu à Saulu u figliolu di Chis, un omu di a tribù di Beniaminu, per quaranta anni. 22 È quandu l'avia cacciatu, hà risuscitatu David per esse u so rè, di quale ellu hà fattu a tistimunianza è hà dettu: "Aghju trovu in David, u figliolu di Iesse, un omu secondu u mo core, chì farà tutte e mo vuluntà". 23 Di a discindenza di questu omu Diu hà purtatu à Israele un Salvatore, Ghjesù, cum'è hà prumessu. 24 Prima di a so ghjunta, Ghjuvanni avia proclamatu un battesimu di pentimentu à tuttu u populu d'Israele. 25 È mentre Ghjuvanni finia u so corsu, disse: "Chì credi chì sò? Ùn sò micca ellu. Innò, ma eccu, dopu à mè vene unu, i sandali di i so pedi ùn sò micca degnu di scioglie.

Atti 13: 26-35, Predicendu nantu à Ghjesù risuscitatu da i morti

26 "Fratelli, figlioli di a famiglia d'Abràhamu, è quelli di voi chì temenu à Diu, ci hè statu mandatu u messagiu di sta salvezza. 27 Per quelli chì campanu in Ghjerusalemme è i so capi, perchè ùn l'anu micca ricunnisciutu nè capitu l'affirmazioni di i prufeti, chì si leghjenu ogni sàbatu, li anu cumpiitu cundannendulu. 28 È ancu s'elli ùn anu trovu in ellu nisuna culpabilità degna di a morte, anu dumandatu à Pilatu di falla eseguì. 29 È dopu avè fattu tuttu ciò chì era scrittu d'ellu, u piglionu da l'arburu è u pusonu in una tomba. 30 Ma Diu u hà risuscitatu da i morti, 31 è per parechji ghjorni si prisintò à quelli chì eranu cullati cun ellu da a Galilea à Ghjerusalemme, chì sò avà i so testimoni à u populu. 32 È vi purtemu a bona nutizia chì ciò chì Diu hà prumessu à i babbi, 33 questu hà rializatu per noi i so figlioli allivendu à Ghjesù, Cumu hè ancu scrittu in u sicondu Salmu: "Sì u mo Figliolu, oghje ti aghju incinta". 34 È in quantu à u fattu ch'ellu l'hà risuscitatu da i morti, ùn più per vultà in corruzzione, hà parlatu cusì: "Vi daraghju e benedizioni sante è sicure di David". 35 Dunque dice ancu in un altru salmu: "'Ùn lasciate micca à u vostru Santu vede a curruzzione.

Atti 13: 36-41, Pirdunu per mezu di Cristu

36 Perchè David, dopu avè servutu u scopu di Diu in a so generazione, s'addurmintò, fù messu cun i so babbi è vide corruzzione, 37 ma quellu chì Diu hà risuscitatu ùn hà micca vistu corruzzione. 38 Chì sia cunnisciutu per voi, fratelli, chì per questu omu vi hè proclamatu u perdonu di i peccati, 39 è da ellu tutti quelli chì credenu sò liberati da tuttu ciò chì ùn puderebbe esse liberatu da a lege di Mosè. 40 Attenti, dunque, affinchì ciò chì si dice in i prufeti ùn accada: 41 «'Eccu, scruccunati, siate stupiti è perite; perchè facciu un travagliu in i vostri ghjorni, un travagliu chì ùn crerete micca, ancu sì unu vi dice. "

Atti 13: 44-49, Missione à i pagani

44 U sàbatu prossimu guasi tutta a cità s'hè riunita per sente a parolla di u Signore. 45 Ma quandu i Ghjudei vìdenu a multitùdine, eranu pieni di gelosia è cumincionu à cuntrastà ciò chì era dettu da Paulu, inghjuliandulu. 46 È Paulu è Barnabassu parlonu cun audacia, dicendu: "Era necessariu chì a parolla di Diu sia parlata prima per voi. Postu chì l'avete cacciatu da parte è ghjudicate voi indegnu di a vita eterna, eccu, ci giremu versu i pagani. 47 Perchè cusì u Signore ci hà urdinatu, dicendu: "'Ti aghju fattu una luce per i pagani, affinchì tù porti a salvezza finu à l'estremità di a terra. "" 48 È quandu i pagani anu intesu quessa, cumincionu à ralegrassi è glurificà a parolla di u Signore, è tutti quelli chì sò stati numinati à a vita eterna credenu. 49 È a parolla di u Signore si sparghjia in tutta a regione.

Atti 14: 13-15, Mustrendu u Paganisimu

13 È u prete di Zeus, chì u tempiu era à l'entrata di a cità, purtò boi è ghirlande à e porte è vulia offre sacrifici cù a folla. 14 Ma quandu l'apòstuli Barnaba è Paulu l'avìanu intesu parlà, strapponu i so vistimenti è si precipitaru in a ghjente, gridendu: 15 «Omi, perchè fate ste cose? Simu ancu omi, di cum'è a natura cun voi, è vi purtemu una bona nutizia, quessa duverebbe vultà da queste cose vane à un Diu vivente, chì hà fattu u celu è a terra è u mare è tuttu ciò chì hè in elle.

Atti 14: 19-22, Lapidazione di Paulu

19 Ma Ghjudei venianu da Antiochia è Iconium, è dopu avè persuasu a ghjente, lapidonu à Paulu è u trascinonu fora di a cità, cridendu ch'ellu era mortu. 20 Ma quandu i discìpuli si riunìvanu intornu ad ellu, s'arrizzò è intrì in cità, è u lindumane andò cun Barnaba in Derba. 21 Quand'elli avianu annunziatu u Vangelu à quella cità è avianu fattu parechji discepuli, vultonu in Listra, in Iconiu è in Antiochia. 22 rinfurzendu l'anime di i discìpuli, incuraghjenduli à cuntinuà in a fede, è dicendu chì per mezu di parechje tribulazioni duvemu entre in u regnu di Diu.

Parte 9, U Cunsigliu di Ghjerusalemme

Atti 15: 6-11, Cuncirnendu a circuncisione di i pagani

6 L'apostuli è l'anziani sò stati riuniti per cunsiderà sta materia. 7 È dopu à esse statu assai dibattiti, Petru s'arrizzò è li disse: "Fratelli, sapete chì in i primi tempi Diu hà fattu una scelta per mezu di voi, chì da a mo bocca i pagani ascultessinu a parolla di u Vangelu è credessinu. 8 È Diu, chì cunnosce u core, l'hà resu testimone, dendu li u Spìritu Santu cum'è ellu à noi, 9 è ùn hà fattu nisuna distinzione trà noi è elli, avendu purificatu u so core per fede. 10 Avà, dunque, perchè stai mettendu à Diu à a prova mettendu un giullu nantu à u collu di i discìpuli chì nè i nostri babbi nè noi ùn anu pussutu suppurtà? 11 Ma credemu chì saremu salvati per via di a gràzia di u Signore Ghjesù, cum'è elli. "

Atti 15: 12-21, Decisione di u Cunsigliu

12 È tutta l'assemblea fece silenziu, è ascultonu à Barnabassu è à Paulu mentre cuntavanu ciò chì Diu avia fattu per mezu di elli trà i pagani. 13 Dopu avè finitu di parlà, Ghjacumu rispose: «Fratelli, ascultatemi. 14 Simeone hà riferitu cumu Diu hà visitatu prima i pagani, per piglià da elli un populu per u so nome. 15 E cun questu e parolle di i prufeti sò d'accordu, cum'è hè scrittu, 16 "Dopu, turnaraghju, è ricustruveraghju a tenda di David chì hè cascata; Ricustruveraghju e so ruvine, è a ristabilisceraghju, 17 chì u restu di l'umanità pò circà u Signore, è tutti i pagani chì sò chjamati da u mo nome, dice u Signore, chì face ste cose 18 cunnisciutu da tempi antichi. ' 19 Dunque u mo ghjudiziu hè quellu ùn duvemu micca disturbà quelli di i pagani chì vultanu versu Diu, 20 ma duverebbe scrive li per astènesi da e cose inquinate da idoli, da l'immoralità sessuale, da ciò chì hè statu strangulatu, è da u sangue. 21 Perchè da e generazioni antiche Mosè hà avutu in ogni cità quelli chì u pridicanu, perchè hè lettu ogni sabbatu in e sinagoghe. "

Atti 15: 22-29, Lettera à i Credenti Gentili

2 Tandu li parenu bè à l'apòstuli è à l'anziani, cù tutta a chjesa, di sceglie l'omi trà di elli è di mandalli in Antiochia cù Paulu è Barnaba. Mandonu à Ghjuda chjamatu Barsabbas, è à Silas, capimachja trà i fratelli. 23 cù a lettera seguente: «I fratelli, à tempu l'apòstuli è l'anziani, à i fratelli chì sò di i pagani in Antiochia è in Siria è in Cilicia, saluti. 24 Postu chì avemu intesu dì chì alcune persone sò partite da noi è vi anu disturbatu cun parolle, inquietendu a vostra mente, ancu se ùn li avemu datu nisuna istruzzione, 25 ci hè parsu bè, ghjunti à un accordu, di sceglie l'omi è di mandalli à voi cù i nostri cari Barnaba è Paulu, 26 omi chì anu risicatu a so vita per u nome di u nostru Signore Ghjesù Cristu. 27 Avemu dunque mandatu Ghjuda è Silas, chì elli stessi vi diceranu e stesse cose da bocca à bocca. 28 For ci hè parsu bè à u Spìritu Santu è à noi di ùn pone nantu à voi più pesu chè questi requisiti: 29 chì ti astene da ciò chì hè statu sacrificatu à l'ìduli, è da u sangue, è da ciò chì hè statu strangulatu, è da l'immoralità sessuale. Sì vi mantenite da questi, farete bè. Addiu ".

Parte 10, Ministeru di Paul

Atti 16: 16-18, Cacciate un spiritu di divinazione

16 Mentre andavamu in u locu di preghiera, eramu stati accolti da una schiava chì avia un spiritu di divinazione è hà purtatu à i so pruprietari assai guadagnu per furtuna. 17 Ella seguitava à Paulu è à noi, gridendu: "Questi omi sò servitori di u Diu Altìssimu, chì vi proclamanu a via di a salvezza". 18 E questu hà continuatu à fà per parechji ghjorni. Paulu, avendu arrabbiatu assai, si vultò è disse à u spiritu: «Ti cumandu in nome di Ghjesù Cristu per esce da ella ". È hè surtitu quella stessa ora.

Atti 16: 25-34, Cunversione di u Prigiuneru Filippinu

25 Versu mezanotte, Paulu è Silas pregavanu è cantavanu inni à Diu, è i prigiuneri l'eranu à sente. 26 è di colpu ci hè statu un grande terramotu, cusì chì i fundamenti di a prigiò sò stati scuzzulati. E subitu tutte e porte sò state aperte, è i ligami di tutti sò stati sbulicati. 27 Quandu u carcerieru si svegliò è vide chì e porte di a prigiò eranu aperte, tirò a spada è stava per tumbassi, supponendu chì i prigiuneri avianu scappatu. 28 Ma Paulu gridò cù una voce alta: "Ùn fate micca male, perchè simu tutti quì." 29 È u carcerieru chjamò lumi è si precipitò, è, trimendu di paura, cascò davanti à Paulu è Silas. 30 Eppò i purtò fora è disse: "Signori, chì devu fà per esse salvatu?" 31 È anu dettu: "Cridite in u Signore Ghjesù, è sarete salvatu, tù è a to casa. " 32 È dicenu a parolla di u Signore ad ellu è à tutti quelli chì eranu in casa soia. 33 È li pigliò a listessa ora di a notte è li lavò e ferite; è hè statu battezu subitu, ellu è tutta a so famiglia. 34 Eppo i purtò in casa soia è li messe da manghjà. È si rallegrava cun tutta a so famiglia chì avia cridutu in Diu.

Atti 17: 1-3, Predicendu in Tessalonica

Avà passati per Anfipoli è Apollonia, ghjunsenu in Tessalònica, duv'ellu ci era una sinagoga di i Ghjudei. 2 È Paulu intrì, secondu a so abitudine, è in trè ghjorni di sàbatu, ragiunò cun elli da e Scritture. 3 spieghendu è dimustrendu chì era necessariu per u Cristu di soffre è di risuscità da i morti, è dicendu: "Stu Ghjesù, chì ti proclamu, hè u Cristu. "

Atti 17: 22-31, Paulu in Atena

22 Cusì Paulu, stendu à mezu à l'Areopagus, disse: "Omi di Atene, percepu chì in ogni modu site assai religiosu. 23 Perchè mentre passava longu è osservava l'uggetti di u vostru cultu, aghju trovu ancu un altare cù sta scritta: "À u diu scunnisciutu". Ciò chì dunque venerate cum'è scunnisciutu, questu vi proclamu. 24 U Diu chì hà fattu u mondu è tuttu ciò chì ci hè, essendu Signore di u celu è di a terra, ùn campa micca in i tempii fatti da l'omu, 25 mancu hè servutu da mani umane, cum'è s'ellu avia bisognu di qualcosa, postu chì ellu stessu dà à l'umanità tutta a vita, u soffiu è tuttu. 26 È hà fattu di un omu ogni nazione di l'umanità per campà nantu à tutta a faccia di a terra, dopu avè determinatu i periodi attribuiti è i limiti di a so dimora, 27 ch'elli duvessinu circà à Diu, è forse sentenu a so strada versu ellu è truvallu. Eppuru ùn hè micca propiu luntanu da ognunu di noi, 28 per "'In ellu campemu è muvimu è avemu u nostru esse'; cum'è ancu alcuni di i vostri pueti anu dettu: "Perchè simu veramente a so discindenza". 29 Esse allora discendenza di Diu, ùn duvemu micca pensà chì l'essere divinu sia cum'è l'oru o l'argentu o a petra, una maghjina furmata da l'arte è l'imaginazione di l'omu. 30 I tempi di l'ignuranza chì Diu hà trascuratu, ma avà cumanda à tutte e persone di ogni locu di pentassi, 31 perchè hà fissatu un ghjornu chì ghjudicherà u mondu in ghjustizia da un omu ch'ellu hà numinatu; è di questu hà datu assicuranza à tutti risuscitendulu da i morti. "

Atti 18: 5-11, Paulu in Corintu

5 Quandu Silas è Timoteu sò ghjunti da Macedonia, Paulu era occupatu da a parolla, testimuniandendu à i Ghjudei chì u Cristu era Ghjesù. 6 È quand'elli si sò opposti è insultatu, scuzzulò i so panni è li disse: «U to sangue sia nantu à i vostri capi! Sò innucente. D'ora in avanti andaraghju à i pagani ". 7 È si n'andò da quì è andò in a casa di un omu chjamatu Titius Justus, un adoratore di Diu. A so casa era accantu à a sinagoga. 8 Crispus, u capu di a sinagoga, hà cridutu in u Signore, cù tutta a so famiglia. È parechji di i Curinzi chì sentenu à Paulu cridianu è funu battezi. 9 È u Signore disse à Paul una notte in una visione: "Ùn àbbia paura, ma continuate à parlà è ùn stà micca zitti, 10 perchè sò cun voi, è nimu ti attaccherà per fassi male, perchè aghju assai in sta cità chì sò u mo pòpulu ". 11 È stete un annu è sei mesi, insignendu a parolla di Diu trà di elli.

Atti 18: 24-28, Apollu à Efesu

24 Avà un Ghjudeu chjamatu Apollu, nativu d'Alessandria, hè ghjuntu in Efese. Era un omu eloquente, cumpetente in e Scritture. 25 Era statu struitu in a via di u Signore. È essendu fervidu di spiritu, parlava è insignava cun precisione e cose chì cuncernavanu à Ghjesù, ben ch'ellu sapia solu u battesimu di Ghjuvanni. 26 Cuminciò à parlà arditu in a sinagoga, ma quandu Priscilla è Aquila u sintinu, u piglionu da cantu è li spiegonu a via di Diu più precisamente. 27 È quandu vulia attraversà l'Achaia, i fratelli u incuraghjenu è scrivenu à i discìpuli per accoglie lu. Quand'ellu ghjunse, aiutò assai quelli chì, per grazia, avianu cridutu, 28 perchè hà putente refutatu i Ghjudei in publicu, mostrendu da e Scritture chì u Cristu era Ghjesù.

Atti 19: 1-10, Paulu in Efese

1 È accadde chì mentre Apollu era in Corintu, Paulu passava per u paese di l'internu è ghjunse in Efese. Quì truvò qualchi discepuli. 2 È li disse: "Avete ricevutu u Spìritu Santu quandu avete cridutu? " E dicenu: "Innò, ùn avemu mancu intesu dì chì ci hè un Spìritu Santu". 3 È disse: "In chì allora site statu batteziatu?" Dicenu: "In u battesimu di Ghjuvanni". 4 È Paulu disse: "Ghjuvanni hà battezu cù u battesimu di pentimentu, dicendu à a ghjente di crede in quellu chì avia da vene dopu ad ellu, vale à dì à Ghjesù. " 5 À sente quessa, funu battezi in nome di u Signore Ghjesù. 6 È quandu Pàulu avia messu e mani nantu ad elli, u Spìritu Santu ghjunse nantu ad elli, è cumincionu à parlà in lingue è prufetizà8 È intrì in a sinagoga è per trè mesi parlò arditu, ragiunendu è cunvince li di u regnu di Diu. 9 Ma quandu certi diventavanu testardi è cuntinuavanu in incredulità, parlendu male di u Caminu davanti à a cungregazione, si ritirò da elli è pigliò i discìpuli cun ellu, ragiunendu ogni ghjornu in a sala di Tiranu. 10 Questu continuò per dui anni, cusì chì tutti i residenti in Asia anu intesu a parolla di u Signore, sia Ghjudei sia Grechi.

Atti 20: 17-35, l'ultime parolle di Paul à l'anziani Efesini

17 Avà da Miletu mandò in Efese è chjamò l'anziani di a chjesa per vene à ellu. 18 È quand'elli ghjunsenu à ellu, li disse: "Sapete voi stessu cumu aghju campatu trà voi tuttu u tempu da u primu ghjornu chì aghju messu u pede in Asia, 19 servendu u Signore cun tutta umiltà è cù lacrime è cù e prove chì mi sò accadute per mezu di e trame di i Ghjudei; 20 cumu ùn aghju micca diminuitu di dichjarà à voi qualcosa chì era prufittu, è insegnavvi in ​​publicu è di casa in casa, 21 testimuniannu à tempu di Ghjudei è di Grechi di pentimentu versu Diu è di fede in u nostru Signore Ghjesù Cristu. 22 È avà, eccu, andaraghju in Ghjerusalemme, custrettu da u Spìritu, senza sapè ciò chì mi accadrà culà, 23 eccettu chì u Spìritu Santu mi testimunieghja in ogni cità chì a prigione è l'afflizioni mi aspettanu. 24 Ma ùn cuntu micca a mo vita di alcun valore nè preziosa per me stessa, solu se possu finisce u mo corsu è u ministeru chì aghju ricevutu da u Signore Ghjesù, per testimone di u Vangelu di a gràzia di Diu. 25 È avà, eccu, sò chì nimu di voi trà i quali aghju giratu pruclamendu u regnu videraghju torna a mo faccia. 26 Dunque ti testimuniu oghje chì sò innucente di u sangue di tutti, 27 perchè ùn aghju micca diminuitu di dichjarà à voi tuttu u cunsigliu di Diu. 28 Attenti à voi stessi è à tutte e bande, in chì u Spìritu Santu vi hà fattu capimachja, per curà a chjesa di Diu, ch'ellu hà ottenutu cù u so sangue (* u so sangue)29 Sapendu chì dopu à u mo partenza lupi firoci vinarà à mezu à voi, micca risparmiari la banda; 30 è da mezu à voi stessi sorgeranu omi chì parlanu cose intricciate, per attirà i discìpuli dopu ad elli. 31 Dunque siate attenti, ricurdendu chì per trè anni ùn aghju micca cessatu di notte o di ghjornu per ammonì à ognunu cù e lacrime. 32 È avà ti ricumandu à Diu è à a parolla di a so grazia, chì hè capace di custruiscevi è di dàvi l'eredità trà tutti quelli chì sò santificati. 33 Ùn bramava nimu d'argentu, d'oru o d'abbigliamento. 34 Sapete voi stessi chì ste mani servianu à e mo necessità è à quelli chì eranu cun mè. 35 In tutte e cose vi aghju fattu vede chì travagliendu assai in questu modu duvemu aiutà i debuli è ramintà e parolle di u Signore Ghjesù, cumu ellu stessu hà dettu:Hè più benedettu di dà chè di riceve. ""

* A maiò parte di e traduzzione, cumpresu ESV, traduce in male Atti 20:28. I primi manoscritti alessandrini è u Testu Grecu Criticu (NA-28) dicenu: "Chjesa di Diu, ch'ellu hà acquistatu da u so sangue". Più tardi i manoscritti bizantini dicenu: "Chjesa di u Signore è di Diu, ch'ellu hà acquistatu da u so sangue". Sottu hè a traduzzione COM (Novu Testamentu Comprehensive) di stu versu basatu annantu à u testu criticu chì riflette i primi manoscritti grechi.

Atti 20:28 (COM), Traduzzione basata annantu à i primi manuscritti

28 Stà in guardia per voi stessi è per tutte e bande, trà e quali u Spìritu Santu vi hà fattu capi, per pasturà u chiesa di Diu ch'ellu hà ottenutu cù u so sangue.

Atti 22: 6-16, Raccontendu a so cunversione

6 «Quand'e eru in via è mi avvicinavu à Damascu, versu meziornu una grande luce da u celu brusgiava intornu à mè. 7 È sò cascatu in terra è aghju intesu una voce chì mi diceva: "Saulu, Saulu, perchè mi perseguitate?" 8 È aghju rispostu: Quale sì, Signore? È m'hà dettu:Sò Ghjesù di Nazaretta, chì site persecutatu. ' 9 Avà quelli chì eranu cun mè anu vistu a luce ma ùn anu capitu a voce di quellu chì mi parlava. 10 È aghju dettu: "Chì faraghju, Signore?" È u Signore m'hà dettu: Arrìzzati, andate in Damascu, è culà vi serà dettu tuttu ciò chì hè urdinatu per voi. 11 E siccomu ùn pudia micca vede per via di a luminosità di quella luce, sò stata guidata da a manu da quelli chì eranu cun mè, è sò andatu in Damascu. 12 "È unu Ananias, un omu devotu secondu a lege, ben parlatu da tutti i Ghjudei chì stavanu quì, 13 Ghjunse à mè, è mi stava accantu, mi disse: «Frate Saulu, ricevi a to vista». È à st'ora stessa aghju ricevutu a mo vista è l'aghju vistu. 14 È hà dettu:U Diu di i nostri babbi vi hà numinatu per cunnosce a so vuluntà, per vede u Ghjustu è per sente una voce da a so bocca; 15 perchè sarete un testimone per ellu di tutti di ciò chì avete vistu è intesu. 16 È avà perchè aspettate? Arrìzzati è esse batteziutu è lavate i vostri peccati, chjamendu u so nome.

Atti 23: 6-10, Paulu davanti à u Cunsigliu

6 Avà quandu Pàulu capì chì una parte era Sadducei è l'altra Farisei, gridò in u cunciliu: "Fratelli, sò Fariseu, figliolu di Farisei. Hè cun rispettu à a speranza è a risurrezzione di i morti chì sò in prucessu ". 7 E quannu iddu avia dettu quessa, un dissensu nasciu trà i Farisei è i Saducei, è l 'assemblea hè stata divisa. 8 Perchè i Saducei dicenu chì ùn ci hè risurrezzione, nè anghjulu, nè spiritu, ma i Farisei i ricunnoscenu tutti. 9 Tandu s'arrizzò un gran clamore, è alcuni scribi di u partitu di i Farisei si alzonu è liticonu bruscamente: "Ùn truvemu nunda di male in questu omu. È sì un spiritu o un anghjulu li parlavanu? " 10 È quandu a dissensione divintò viulente, u tribunu, temendu chì Paulu fussi strappatu da elli, urdinò à i suldati di falà è di cacciallu da mezu à elli per forza è di cunducelu in a caserna.

Atti 24: 14-21, Paul Before Felix

14 Ma questu vi cunfessu, chì secondu u Caminu, chì chjamanu una setta, Adore u Diu di i nostri babbi, cridendu tuttu ciò stabilitu da a Lege è scrittu in i Prufeti, 15 avendu una speranza in Diu, chì st'omi stessi accettanu, chì ci serà una risurrezzione sia di i ghjusti sia di l'inghjusti. 16 Dunque mi pigliu sempre a pena d'avè una coscienza chjara versu Diu è l'omu. 17 Avà dopu parechji anni sò venutu à portà l'elemosina à a mo nazione è à presentà offerte. 18 Mentre facia questu, mi anu trovu purificatu in u tempiu, senza folla nè tumultu. Ma certi Ghjudei d'Asia - 19 duverebbenu esse quì davanti à voi è fà una accusazione, se avianu qualcosa contru à mè. 20 O allora lasciate stessi omi dì chì malfatte anu trovu quandu eru davanti à u cunsigliu, 21 fora di questu una cosa chì aghju gridatu mentre stavu trà di elli: 'Hè in quantu à a risurrezzione di i morti chì sò ghjudicatu davanti à voi oghje. "

Atti 26: 4-8, Difesa di Paulu

4 "U mo modu di vita da a mo ghjuventù, passatu da u principiu trà a mo propria nazione è in Ghjerusalemme, hè cunnisciutu da tutti i Ghjudei. 5 Sapenu dapoi un bellu pezzu, s'elli sò disposti à testimunià, chì secondu u partitu più strettu di a nostra religione aghju campatu cum'è Fariseu. 6 È avà sò quì in prucessu per via di a mo speranza in a prumessa fatta da Diu à i nostri babbi, 7 à chì e nostre dodeci tribù speranu di ghjunghje, cume veneranu sinceramente notte è ghjornu. È per sta speranza sò accusatu da i Ghjudei, o rè! 8 Perchè qualcunu di voi pensa incredibile chì Diu risuscite i morti?

Atti 26: 12-23, testimunianza di Paul di a so cunversione

12 "In questu cunnessu viaghju à Damascu cù l'autorità è a cumissione di i principali sacrificadori. 13 À meziornu, o rè, aghju vistu in strada una luce da u celu, più luminosa chè u sole, chì splindia intornu à mè è à quelli chì viaghjavanu cun mè. 14 È quandu eramu tutti cascati in terra, aghju intesu una voce chì mi dicia in lingua ebraica: 'Saulu, Saulu, perchè mi perseguitate? Hè difficiule per voi di calci contr'à i picchi. ' 15 È aghju dettu: "Quale sì, Signore?" È u Signore hà dettu: Sò Ghjesù chì tù persecutate. 16 Ma alzatevi è state nantu à i vostri pedi, perchè aghju apparsu à voi per questu scopu, per nominàvi cum'è servitore è testimone di e cose in chì m'avete vistu è di quelle in cui mi pareraghju, 17 liberendu ti da u to pòpulu è da i pagani - à quale ti mandu 18 per apre i so ochji, affinch'elli possinu girà da a bughjura à a luce è da u putere di Satanassu à Diu, per riceve u perdonu di i peccati è un locu trà quelli chì sò santificati da a fede in mè. 19 «Dunque, o Rè Agrippa, ùn eru micca disubbidiente à a visione celeste, 20 ma dichjarò prima à quelli di Damascu, dopu à Ghjerusalemme è in tutta a regione di a Ghjudea, è ancu à i pagani. ch'elli duvessinu pente è vultà à Diu, fendu atti in cunfurmità cù u so pentimentu. 21 Per questa ragione i Ghjudei mi anu pigliatu in u tempiu è anu pruvatu à tumbà mi. 22 Finu à oghje aghju avutu l'aiutu chì vene da Diu, è perciò stò quì testimunianendu à i chjuchi è à i grandi, senza dì nunda, ma ciò chì i prufeti è Mosè anu dettu chì avveranu: 23 chì u Cristu deve soffre è chì, essendu u primu à risuscità da i morti, annuncerà a luce sia à u nostru populu sia à i Gentili. "

Atti 27: 23-26, Apparizione di un anghjulu prima di naufragiu

23 Per sta notte stessa ci era davanti à mè un anghjulu di l Diu à quale appartengu è à quale l'adoru, 24 Ellu disse: Ùn àbbia paura, o Pàulu; duvete stà davanti à Cesare. Ed eccu, Diu vi hà datu tutti quelli chì naviganu cun voi. 25 Dunque, fate core, omi, perchè aghju fede in Diu chì serà esattamente cum'è m'anu dettu. 26 Ma ci vole à incallà nant'à qualchì isula ".

Atti 28: 7-10, Paulu in l'isula Malta

7 Avà in u circondu di quellu locu eranu terre appartenenti à u capimachja di l'isula, chjamatu Publiu, chì ci hà ricevutu è ci hà intrattenutu in modu ospitale per trè ghjorni. 8 Accadia chì u babbu di Publiiu fussi malatu di frebba è di dissenteria. È Paulu u visitò è pricava, è pusendu e mani annantu à ellu, u guarì. 9 È quandu què era accadutu, u restu di a ghjente di l'isula chì avia malatie hè ancu ghjuntu è hè statu guaritu. 10 Ci anu ancu onuratu assai, è quandu eramu in traccia di navigà, anu messu à bordu tuttu ciò chì ci vulia.

Atti 28: 23-31, ultimu ministru di Paul

23 Quand'elli avianu stabilitu un ghjornu per ellu, sò ghjunti à ellu in u so alloghju in più numeru. Da a mane à a sera li spiegò, testimuniannu di u regnu di Diu è pruvendu à cunvince li Ghjesù sia da a Lege di Mosè sia da i Prufeti. 24 È certi sò stati cunvinti da ciò ch'ellu hà dettu, ma altri ùn anu micca cridutu. 25 È in disaccordu trà di elli, partenu dopu chì Paulu avia fattu una dichjarazione: "U Spìritu Santu avia ragiò dicendu à i vostri babbi per mezu di u prufeta Isaia: 26 "'Andate à stu populu, è dite:" Senterete veramente ma ùn capite mai, è verete veramente ma mai percepite ". 27 Perchè u core di sta ghjente s'hè ingrossatu, è cù l'arechje sentenu appena, è l'ochji sò chjosi; Perchè ùn videranu micca cù l'ochji è ùn sèntenu cù l'arechje è capiscenu cù u so core è si giranu, è aghju da guarì. 28 Dunque lasciate sapè à voi chì sta salvezza di Diu hè stata mandata à i pagani; stanu à sente ". 30 Hà campatu quì dui anni sani à spese soie, è hà accoltu tutti quelli chì li venianu, 31 pruclamendu u regnu di Diu è insignendu nantu à u Signore Ghjesù Cristu cun tutta audacia è senza ostaculi.